Nintendo ha scaricato una ROM piratata di Super Mario per rivendercela? - articolo

Così stanno le cose.

di Chris Bratt. Pubblicato 26 gennaio 2017

La posizione di Nintendo per quanto riguarda l'emulazione è sempre stata severa e inflessibile. Per la compagnia giapponese, se si scaricano e si giocano titoli provenienti da fonti non ufficiali, si diventa automaticamente dei pirati.

"Le condizioni sono semplici e non sono aperte al dibattito", afferma la FAQ dell'azienda.

L'articolo continua di seguito

Caricamento...

Eppure, ecco come stanno le cose. Se scarichiamo la versione per Wii di Super Mario Bros. usando la Virtual Console, ci sono prove per cui possiamo supporre che Nintendo abbia effettivamente riproposto una ROM copiata illegalmente per poi rivendercela. Sicuramente non è andata così, giusto?


L'estensione .NES è molto importante in questa storia e abbiamo pensato di spiegarvi esattamente come siamo riusciti a verificare la sua esistenza nella nostra copia digitale di Super Mario Bros.

Anche se Nintendo Wii ci consente di trasferire file, tra cui i giochi, ad un dispositivo di archiviazione esterno, esso assicura che il dispositivo sia formattato in modo tale da renderlo davvero difficile da leggere in qualsiasi altro hardware che non sia una console Nintendo. Di conseguenza, abbiamo dovuto usare una Wii modificata in modo amatoriale, in grado di copiare questi stessi file, evitando il processo di formattazione.

L'articolo continua di seguito

Caricamento...

Ecco quello che abbiamo scoperto.

Come potete vedere stavamo cercando per la maggior parte file .app e quindi avevamo bisogno di usare un editor esadecimale per poter dare uno sguardo ai dati binari. Lo sapevamo già dal discorso di Frank Cifaldi alla GDC, che un'estensione .NES dovrebbe essere presente in “00000001.app” e quindi abbiamo iniziato da lì. Una rapida ricerca del file (CTRL+F 'NES') e lo abbiamo trovato.

L'estensione .NES, creata originariamente da Marat Fayzullin per il suo emulatore iNES, viene utilizzata per offrire emulatori con il contesto necessario di cui si ha bisogno per ricreare una configurazione dell'hardware che cambi con ogni singola cartuccia. Trovarla in questa versione di Super Mario Bros. pubblicata da Nintendo, ci è sembrato un segno che stavamo andando nella giusta direzione.

A questo punto abbiamo contattato Fayzullin stesso, fornendogli i file che avevamo ottenuto. Lui li ha poi confrontati con le varie ROM piratate di Super Mario Bros. trovate online, e ha scoperto che il contenuto della ROM era identico.

"Ci sono piccole differenze tra i diversi trasferimenti delle ROM dalle cartucce”, ha spiegato Fayzullin. “Dipende dalla versione della cartuccia e da come è stata letta. Se vedete che il vostro file .NES NON corrisponde a nessuno di quelli trovati online, è probabile che si tratti del proprio dump della ROM. Ho selezionato il contenuto del file Wii che mi avete mandato e corrisponde davvero al file .NES trovato online”.

Come avrete visto nel video, abbiamo chiesto a Nintendo un commento riguardo questa storia e anche se ha negato l'utilizzo di ROM scaricate da Internet, si è rifiutata di spiegare queste stranezze.

L'emulazione è qualcosa di complicato.

Commenti (64) Leggi l'articolo su Eurogamer.it

Tags

Wii

Contenuti correlati o recenti