PokÚmon Versione Bianca e Versione Nera

Ma non finiscono mai?

Lo giuro, ho provato a contare quanti capitoli di PokÚmon sono usciti sulle varie console Nintendo ma tutte le volte ho finito per addormentarmi, come con le proverbiali pecore. Altro che Mario e Zelda, la vera gallina dalle uova d'oro della Nintendo Ŕ questa, una saga che ormai Ŕ diventata un'industria multinazionale con ramificazioni in tutti i campi, dal cinema all'alimentazione.

Sono anni ormai che sento dire frasi tipo "Ormai i PokÚmon sono morti", "Sono storia passata, chi se li fila pi¨?", eppure ogni uscita polverizza i record precedenti e totalizza incassi da capogiro. Io stesso ho giocato con un paio di vecchi capitoli, divertendomi anche parecchio, ma ormai non porto pi¨ con me una PokÚball da tempo e mi chiedo cosa possano aver aggiunto gli sviluppatori a questa ennesima uscita.

Inizio la mia avventura, come al solito, scegliendo uno dei tre PokÚmon iniziali: Snivy, Tepig o Oshawott. Chi ha familiaritÓ con la serie sa alla perfezione che questi simpatici mostriciattoli sono classificati in base al loro ceppo d'appartenenza. Snivy, ad esempio, Ŕ un PokÚmon Erba, il che lo rende particolarmente avvantaggiato contro nemici di tipo Acqua e Terra. Tepig Ŕ invece un PokÚmon Fuoco (forte contro Erba e Ghiaccio), e infine Oshawott Ŕ di tipo Acqua e, com'Ŕ facile intuire, se la cava alla grande contro i rivali "infuocati".

Ho scelto il tenero Tepig, pi¨ che altro per una forte antipatia nei confronti degli altri due. In totale i PokÚmon nuovi di questo capitolo sono oltre 150, portando il totale a ben 645 mostriciattoli... non c'Ŕ che dire, un cast decisamente ben nutrito!

1

Oltre a possedere PokÚmon specifici, i due giochi differiscono anche per alcune location. La CittÓ Nera di una versione diventa la Foresta Bianca nell'altra.

Altrettanto nutrite sono le modalitÓ di gioco incluse in questi nuovi Pocket Monsters. Era un po' che non ne giocavo uno, quindi non posso fare un paragone con i pi¨ recenti Oro, Argento o Platino, ma devo dire che sono rimasto letteralmente sbalordito dalla vastitÓ di questo gioco.

La trama di contorno Ŕ rimasta la stessa di sempre e vede i soliti allenatori buoni (ovvero, me e voi) contro i cattivoni di turno che vogliono usare i PokÚmon per scopi non propriamente etici. In questo caso i nemici sono rappresentati dal Team Plasma, ma lascio a voi il compito di scoprire perchÚ e percome dovrete cercare di fermarli.

Un primo applauso, in puro stile "Notte degli Oscar", va fatto al team che si Ŕ occupato della traduzione e dell'adattamento in Italiano. I nomi originali delle location, degli oggetti e di tutto il resto sono stati trasposti in maniera ottimale e senza forzature. Che il franchise PokÚmon sia uno dei pi¨ curati in assoluto non Ŕ pi¨ un mistero, ma fa piacere, ogni tanto, constatare che c'Ŕ chi non si adagia sugli allori.

Standing-ovation di mezz'ora invece per l'intero team di sviluppo. Avete idea di quanto possa essere difficile rinnovare ogni volta, senza per˛ stravolgere, un gioco che in tutto il mondo vende quasi 10 milioni di copie? Qui non si tratta solo di aggiornare il Pokedex disegnando qualche decina di nuovi mostriciattoli (cosa non facile anche questa, visto quanti sono) o di cambiare qualche sciocchezza qui e lÓ perchÚ "tanto il gioco vende lo stesso".

PokÚmon Black and White

Commenti (18)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!