Toki Tori 2 - review

Non sempre l'abito fa il monaco…

L'aspetto infantile di Toki Tori 2 cela una foresta di insidie: Eurogamer vi accompagna alla scoperta del sorprendente puzzle platform per Wii U!

Versione provata: Wii U

Prodotti come Toki Tori 2 sono una rarità nel panorama videoludico odierno. Un panorama costellato di titoli "user-friendly", in cui l'elevato tasso di difficoltà sembra una pecca piuttosto che una virtù e gli sviluppatori, costretti a seguire le esigenze del mercato, obbediscono proponendo avventure che sanno di telecomandato.

L'ultima creatura di Two Tribes, ora scaricabile per Wii U al prezzo di €14,99 ma in dirittura d'arrivo anche su PC, sembra opporsi a questa soffocante logica di business e propone un'esperienza lenta, complicata, coraggiosa. Certo, dettata dalla voglia di ritagliarsi uno spazio di nicchia in un settore che è tornato ad affollarsi, quello degli indie a due dimensioni, ma rischiosa a dispetto di un pacchetto artistico volutamente fuorviante.

Il nuovo Toki Tori, dimenticata la componente d'azione del suo lontano predecessore (esordito nel 2002 su Game Boy Color e approdato su diverse piattaforme cinque anni fa), si orienta definitivamente al puzzle platform e abbandona le più comuni logiche di attacco e difesa, coinvolgendo l'ambiente nel processo di soluzione degli enigmi come vedremo più avanti.

Questa nuova iterazione della serie si lascia inoltre alle spalle gli abusati tutorial per fornire un'esperienza del tutto solitaria al giocatore: nessun aiuto all'infuori delle abilità del protagonista, tantomeno delle indicazioni, neppure sussurrate, per portare a termine un livello.

1

Quello di Toki Tori 2 è un modo decisamente più armonioso del nostro: a quale uccellino salterebbe in mente di scatenare una guerra nucleare?

La prima particolarità che salta all'occhio è proprio questa, la mancanza di assistenza cui siamo generalmente stati abituati in questa semplificata generazione di console. Non è raro trovarsi bloccati in un'ambientazione senza capire cosa poter fare per procedere nell'avventura, e questo potrebbe anche infastidire alla lunga, ma la soddisfazione per la soluzione di un puzzle è una sensazione così piacevole che non vorrete più privarvene.

"Non è raro trovarsi bloccati in un'ambientazione senza capire cosa poter fare per procedere nell'avventura"

A suscitare grande curiosità sono pure le abilità del protagonista, ancora il pulcino Toki Tori, che non possiede armi o particolari doti atletiche (non è infatti capace di nuotare o compiere dei salti e ciò trasforma quasi ogni spostamento in un rebus) ma che ha la capacità di attirare diverse creature a sé con il suo ipnotico fischiettio.

Tale fischiettio è alla base degli ingegnosi puzzle escogitati dallo studio olandese, in qualche circostanza forti persino di un approccio stealth: risulterà utile per oltrepassare un precipizio, dal momento che è capace di attirare dei molluschi nascosti sotto piattaforme di legno; sarà indispensabile per farsi sentire da creature particolarmente lontane, grazie ad una sorta di "amplificatore" naturale; diventerà fondamentale, insieme alla forza di un piccolo balzo, per sfruttare le bolle d'aria generate dalle ghiotte rane che popolano le location.

2

Balzi e fischietti sono utili per direzionare le creature capaci di fare luce nelle ambientazioni più scure e ristrette.

Grazie alle sue abilità, da attivare con la sequenza di tasti e di fischi giusti, Toki Tori è inoltre in grado di tornare al checkpoint, far comparire un indicatore di direzione, scattare delle foto e richiamare un enorme volatile tramite il quale accedere alla mappa del gioco. Se passare per il precedente punto di controllo ha i suoi innegabili vantaggi, palesi in caso di blocco, avere un'indicazione molto generica sulla direzione da prendere non aiuta in alcun modo e la "fotocamera" si presenta ugualmente come una componente superflua ai fini del gameplay.

"Quanto al GamePad, lo sviluppatore si è limitato allo stretto indispensabile"

Un discorso a parte lo merita la mappa, piuttosto ampia, di Toki Tori 2. In un primo momento vi si può accedere esclusivamente portando a termine i singoli livelli, mentre procedendo con l'avventura è possibile chiamare a sé un uccello che può portare il protagonista da un checkpoint al posto che preferisce. Solo allora la situazione si fa accettabile, poiché la mappa, almeno nelle fasi iniziali, non è esplorabile liberamente e costringe a fare diverse lunghe fermate prima di potersi recare in un determinato punto.

Quanto al GamePad, naturalmente catalizzatore dell'attenzione su Wii U, Two Tribes si è per ora limitata allo stretto indispensabile: ferma restando l'opportunità di giocare anche esclusivamente tramite lo schermo del controller, è possibile usare il giroscopio per scattare fotografie alle creature che vivono nel mondo di Toki Tori e apporre dei segnalibri sulla mappa tramite il touchscreen. Nulla di imprescindibile ma, a quanto pare, il meglio deve ancora venire: gli sviluppatori di Amersfoort stanno infatti lavorando per rendere disponibile un aggiornamento che introdurrà le funzionalità di Miiverse e un editor di livelli, potenziale killer app, da gestire con lo stilo della console.

Il trailer di lancio di Toki Tori 2.

Alle valutazioni fatte finora va aggiunto l'apprezzamento per un comparto grafico estremamente godibile, ricco di colori, pur senza un eccessivo dispendio in termini di effetti, e disegnato con una scanzonata cura per ogni minimo aspetto. È probabile che questa cura non sia affatto casuale e che l'aspetto quasi infantile di Toki Tori 2non sia altro che un "tranello" per ingannare l'utente sulle reali intenzioni del gioco.

"L'intero reparto sonoro è costituito da una colonna sonora molto orecchiabile seppur non troppo variegata"

Allo stesso modo va resa giustizia all'intero reparto sonoro, costituito da una colonna sonora molto orecchiabile seppur non troppo variegata (ci è capitato più volte di ritrovarci letteralmente a fischiettarla) e impreziosita dalla ricostruzione credibile dei suoni di una vera piccola foresta.

Giungiamo dunque alle battute finali di questa recensione convinti di aver provato un titolo valido, forse d'altri tempi per le sue caratteristiche, che presumibilmente non si adatta appieno alle esigenze dell'utenza di Nintendo ma che troverà il giusto plauso tra i giocatori a caccia di un livello di sfida più elevato rispetto alla media.

Con la promessa dell'integrazione di un map editor e l'arrivo di Miiverse, poi, ci sono tutti gli ingredienti per ritenere Toki Tori 2 una delle produzioni più riuscite e potenzialmente longeve ora sull'eShop per Wii U.

8 / 10

Leggi la nostra guida al punteggio Toki Tori 2 - review Paolo Sirio Non sempre l'abito fa il monaco… 2013-04-09T18:12:00+02:00 8 10

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...