Mortal Kombat Komplete Edition - review

Una trasfusione di violenza per i nostri PC.

A quasi due anni dal lancio per console, Mortal Kombat arriva in edizione "kompleta" anche su PC: sarà la stessa, sanguinolenta goduria?

C'è voluto un bel po', ma finalmente anche gli utenti PC hanno la possibilità di giocare con il più recente capitolo della saga di Mortal Kombat, pubblicato un paio d'anni fa su console e ora pronto a lordare di sangue le schede grafiche degli appassionati di picchiaduro refrattari alle piattaforme Sony e Microsoft.

Se non avete mai letto nulla in merito a questo gioco vi consigliamo di recuperare la nostra recensione della versione console, più che altro per avere una descrizione dettagliata del sistema di combattimento e delle meccaniche base sviluppate dai ragazzi di NetherRealm Studios e convertite in modo convincente da High Voltage Software.

L'incarnazione per PC di questo gioco di combattimento, infatti, ripropone tutti gli elementi già apprezzati su console, arricchendo l'offerta con un aspetto grafico opportunamente potenziato per soddisfare gli esigenti palati dell'utenza PC.

A prescindere dal fatto che siate in possesso di una macchina di ultima generazione o di un hardware con qualche mese sulle spalle, Mortal Kombat sarà in grado di adattarsi alle vostre esigenze scalando adeguatamente le proprie prestazioni e garantendo una discreta versatilità.

Se avviato con tutti i dettagli al massimo, Anti-Aliasing, Transparent Anti-Aliasing, filtro anisotropico, illuminazione dinamica e via dicendo, l'impatto globale del gioco è indubbiamente superiore a quello visto su console, pur senza far gridare al miracolo. Se vi aspettate un salto in avanti troppo marcato il rischio di rimanere parzialmente delusi è dietro l'angolo, ma visto che stiamo parlando di un picchiaduro basato sull'ormai onnipresente Unreal Engine 3 era difficile che qualcosa andasse storto.

1

I personaggi aggiuntivi originariamente distribuiti sotto forma di DLC sono compresi nel pacchetto offerto dalla versione PC.

Se sul fronte della grafica in-game la situazione non presenta brutte sorprese, lo stesso non si può dire per i filmati narrativi di intermezzo che raccontano elementi legati alla bizzarra storia di Mortal Kombat. Inspiegabilmente, infatti, i programmatori hanno deciso di inserire versioni pesantemente compresse dei video originali, che a causa della bassa risoluzione si distinguono per una serie di imperfezioni evidenti anche agli occhi meno raffinati ed esigenti.

"I programmatori hanno deciso di inserire versioni pesantemente compresse dei video originali"

Poco male, comunque, visto che gli elementi davvero importanti del titolo sono ancora tutti lì, pronti ad essere apprezzati anche in questa ennesima versione. Il sistema di combattimento a base di quattro tasti di attacco (due pugni e due calci), uno per la parata e delle letali tecniche chiamate X-Ray dimostra di essere ancora convincente anche a due anni dalla sua presentazione iniziale.

Ogni personaggio del nutrito cast può contare su una vasta gamma di attacchi speciali (potenziabili semplicemente spendendo una parte dell'apposita barra al pari di quanto accade con le tecniche EX di Super Street Fighter IV) e su combo più o meno complesse, generalmente basate su un ricco sistema di juggling, con cui sottomettere l'avversario di turno.

Un sistema basato su combinazioni particolarmente dannose, ovviamente, deve offrire almeno una via di fuga sicura, che in questo caso è rappresentata degnamente dai Combo Breaker, attivabili investendo due delle tre tacche della suddetta barra.

2

La Torre delle Sfide si distingue per una serie di mini-giochi diventati iconici: Test Your Might, Test Your Sight, Test Your Strenght e Test Your Luck.

Barra che, se usata interamente, permette di scatenare le dannosissime e coreografiche X-Ray, tecniche introdotte per la prima volta proprio con questo episodio della serie e che, seguendo l'attuale moda dei Comeback System, fanno sì che ogni round resti in bilico fino al colpo di grazia, contribuendo a mantenere sempre alta la tensione.

"Le animazioni di Mortal Kombat mantengono lo stile tradizionale tipico dei titoli NetherRealm"

Il delicato equilibrio creato dai programmatori, quello che spinge i giocatori a scegliere di volta in volta se rinunciare alle utili tecniche EX e ai fondamentali Combo Breaker per giocarsi la carta X-Ray, rende gli scontri in multiplayer di Mortal Kombat piuttosto coinvolgenti, a patto che si accetti la natura prettamente occidentale del gioco.

A differenza di quanto accade nei migliori picchiaduro made in Japan, infatti, in Mortal Kombat le collisioni sono spesso più approssimative e meno "pulite", dettaglio che tende a rendere il gioco indigesto alla fascia di utenti legata a classici quali Street Fighter e The King of Fighters.

Lo stesso si può dire per lo stile grafico. Nonostante il look globale piuttosto accattivante garantito dai modelli poligonali eccellenti, dal design azzeccato e da una serie di ambientazioni interattive di sicuro impatto, le animazioni di Mortal Kombat mantengono lo stile tradizionale tipico dei titoli NetherRealm (come il più recente Injustice), risultando spesso legnose rispetto a quelle della scuola nipponica.

La Mortal Kombat: Komplete Edition arriva su PC.

Appurato che si tratta comunque di una scelta stilistica, sta ai singoli giocatori decidere come posizionarsi in merito a tale dettaglio. A prescindere dalle animazioni, comunque, la spina dorsale del gioco, il gameplay, è solida e tranquillamente in grado di offrire grandi soddisfazioni a chiunque deciderà di investire tempo e impegno nel sistema di combattimento.

"Il gameplay è solido e tranquillamente in grado di offrire grandi soddisfazioni"

Dal punto di vista delle modalità di gioco Mortal Kombat Komplete Edition è tranquillamente in grado di tenere i giocatori incollati al monitor per ore e ore, grazie a una varietà di opzioni particolarmente lodevole.

Chi ama giocare in solitudine può mettersi alla prova con l'immancabile Arcade (una serie di incontri che portano al boss finale), con una sorprendente Storia e con la divertente Torre delle Sfide, dove ognuno dei 300 piani è associato a una missione più o meno bizzarra creata stravolgendo le regole del gioco.

Per assicurarsi di non fare brutta figura anche contro l'Intelligenza Artificiale, poi, è possibile allenarsi nelle apposite modalità utili per sperimentare le combo più complesse e, per la gioia di grandi e piccini, per imparare le immancabili fatality, studiarne i comandi e i parametri di esecuzione.

3

L'illuminazione dinamica rende alcune arene particolarmente spettacolari migliorando il già convincente impatto visivo della versione console.

Come da tradizione per la serie anche in questa incarnazione è possibile investire il denaro guadagnato giocando per sbloccare gli oggetti custoditi nella Kripta (illustrazioni, fatality extra, costumi alternativi, modalità bizzarre e via dicendo), a tutto vantaggio della longevità.

"Il multiplayer permette di organizzare incontri da 2 a 4 giocatori offline e via Internet"

Se per il Single Player Mortal Kombat Komplete Edition è perfettamente in grado di soddisfare le esigenze dei giocatori, lo stesso si può dire nell'ambito del Multiplayer, che permette di organizzare incontri da 2 a 4 giocatori offline e via Internet (grazie alla presenza della modalità Tag Team), di creare piacevoli stanze online per radunare un massimo di 10 giocatori e, ovviamente, mettersi alla prova nelle sfide Classificate.

Sfortunatamente la qualità del net code non sembrerebbe delle più affidabili, o almeno questo è ciò che emerge dalla nostra prova su strada. In più di un'occasione, infatti, ci è capitato di sperimentare evidenti fenomeni di lag che rendevano difficile la realizzazione delle combo, perfino di quelle più semplici.

4

Per gli appassionati di streaming segnaliamo l'obbligo di far girare il gioco a schermo intero, dettaglio che rende difficile l'eventuale gestione di chat e altri programmi normalmente usati durante le dirette online.

Se non fosse stato per alcuni importanti problemi relativi alla modalità online e a una serie di scelte difficilmente spiegabili (la compressione dei filmati e l'impossibilità di giocare su una finestra ridotta, in particolare), la versione PC di Mortal Kombat avrebbe ottenuto la medesima valutazione della controparte per console, vista la qualità dell'esperienza globale e la presenza nel pacchetto dei contenuti originariamente distribuiti sotto forma di DLC (le skin classiche e i personaggi extra Skarlet, Freddy Krueger, Rain e Kenshi).

Gli attuali problemi dell'online di Mortal Kombat Komplete Edition rischiano di ostacolare la crescita della community del gioco su PC, penalizzando tutti coloro alla ricerca di avversari con cui mettersi alla prova. Considerata la qualità del gioco è un vero peccato. Non resta che sperare in eventuali patch future.

7 / 10

Leggi la nostra guida al punteggio Mortal Kombat Komplete Edition - review Filippo Facchetti Una trasfusione di violenza per i nostri PC. 2013-07-10T13:30:00+02:00 7 10

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...