Sonic Lost World 3DS - review

La resurrezione definitiva?

Sonic Lost World arriva su 3DS nel tentativo di far risorgere definitivamente la mascotte Sega dopo anni di alti e bassi... missione compiuta?

Se la mia memoria di giovane-anziano non m'inganna, quello di cui stiamo per parlare è il primo Sonic "portatile" che possa vantare livelli totalmente in 3D affiancati ai classici stage a scorrimento laterale, che hanno fatto la fortuna della mascotte Sega. Se così non fosse, siete autorizzati ad insultarmi gratuitamente nei commenti a questa recensione.

La carriera del popolare porcospino blu è stata sempre contraddistinta da un'alternanza di picchi di assoluta eccellenza (dal primissimo, indimenticabile capitolo all'incredibile Sonic Adventure per Dreamcast, passando per ottimi spin-off tra cui il recente All-Star Racing Transformed) e abissi d'inarrivabile mediocrità come Sonic and the Black Knight, Sonic Shuffle, Shadow The Hedgehog e Sonic Free Riders

Fortunatamente, ve lo anticipo per non farvi stare troppo sulla corda, Sonic Lost World è molto più vicino alla vetta che all'abisso: l'ultima fatica del nipponico team Dimps è infatti un titolo assolutamente godibile e pieno zeppo di contenuti. Molte compagnie di sviluppo ultimamente si rivolgono a team diversi per la realizzazione di giochi su piattaforme casalinghe e portatili. Sega ha chiamato a raccolta il veterano Sonic Team per la versione Wii U, mentre ha affidato allo studio Dimps quella per 3DS, confidando sulla sua esperienza in giochi per portatili Nintendo.

La fiducia è stata ben riposta, d'altronde anche Sonic Generations per 3DS e gli ottimi Sonic Advance erano stati sviluppati dallo stesso team. Sonic Lost World, va detto, non è un titolo perfetto ma è dannatamente divertente e questo è sicuramente un aspetto importante in un videogioco: non siete d'accordo?

1

La difficoltà media di alcuni stage è piuttosto alta ma non arriva mai a livelli di frustrazione da voler tirare la console contro il muro.

Il primo impatto a dire il vero è abbastanza spiazzante. L'impressione è quella di trovarsi di fronte ad una sorta di Sonic in stile Super Mario Land, con livelli di dimensioni mediamente ridotte quasi interamente esplorabili. Tranquilli però, Sega non ha deciso improvvisamente di cambiare stile. La libertà di movimento non è rivolta all'esplorazione libera ma alla possibilità di scegliere diverse strade per arrivare dal punto A al punto B. Nonostante le apparenze, infatti, anche in Sonic Lost World l'obiettivo finale è arrivare alla fine nel minor tempo possibile.

"In alcuni casi l'inquadratura fa fatica a seguire il protagonista, specie durante i frequenti cambi di quota e direzione"

Questa scelta di design porta purtroppo con sé anche alcuni difetti che in passato altri Sonic hanno avuto, primo fra tutti il sistema di telecamere "ballerine". In alcuni casi l'inquadratura fa fatica a seguire il protagonista, specie durante i frequenti cambi di quota e direzione. Questo si traduce in una cera difficoltà nell'inquadrare i bersagli, siano essi nemici o oggetti da recuperare, e nel muoversi con disinvoltura nelle sezioni più aeree. In più di un'occasione nel corso del test, il povero Sonic si è ritrovato a vagare nel vuoto, con la conseguente perdita di una vita per un salto mancato a causa di un cambio d'inquadratura troppo repentino.

Il problema invece non si pone per i livelli "classici" che vengono alternati a quelli 3D. In questo caso Sonic Lost World torna al suo splendore più antico e sfavillante, e alla velocità a cui tutti siamo stati abituati. L'effetto nostalgia provocato da questi stage indubbiamente li fa preferire a quelli più moderni, ma una volta sfiorito il sentimento da "vecchio giocatore" ci si accorge comunque del gran lavoro svolto da Dimps nel level design di TUTTO il gioco.

In alcune occasioni avrete l'impressione di trovarvi in un confuso dedalo di piattaforme, corridoi e catapulte, ma andando avanti vi accorgerete di quanto il disegno di ogni stage sia stato pensato per dare al giocatore una soddisfazione enorme nel percorrerlo la prima volta, così come nel ripeterlo per tentare di migliorare il tempo e la valutazione finale.

2

Molti dei veicoli R/C non saranno disponibili da subito e per assemblarli dovrete trovare i giusti componenti.

Ovviamente non tutte le strade dei livelli sono percorribili fin dall'inizio. Alcuni oggetti trasparenti che incontrerete lungo la via non saranno utilizzabili nel corso del primo playthrough, ma più avanti diventeranno disponibili e apriranno nuove strade, con la conseguente possibilità di raffinare i risultati finali, che potranno poi essere caricati online e confrontati con quelli degli altri giocatori.

"Una volta completato un livello si torna su una griglia che assomiglia a quella dei giochi strategici, con tanto di caselle esagonali"

Una volta completato un livello si torna su una griglia che assomiglia a quella dei giochi strategici, con tanto di caselle esagonali. Qui è possibile giocare nuovamente i livelli già completati, andare avanti nella storia o far visita all'officina Tails, per cimentarvi nella costruzione dei veicoli radiocomandati.

Questi rappresentano una delle novità di Sonic Lost World. Recuperando vari pezzi sparsi per i livelli, avrete la possibilità di assemblare questi piccoli giocattolini che avranno un duplice utilizzo. Nel gioco principale possono essere utilizzati a mo' di arma o accessorio per rendere meno complesso il livello, ma possono anche essere protagonisti di gare a sé, nelle quali fino a 4 giocatori possono sfidarsi sia in locale che online.

A seconda del veicolo assemblato e scelto, si possono guadagnare poteri diversi. Aerei ed elicotteri diventeranno preziosi alleati in battaglia o per recuperare oggetti lontani, mentre gli UFO vi permetteranno addirittura di scoprire porzioni di livello segrete o di diventare invisibili per qualche secondo. I veicoli R/C creati su 3DS possono anche essere usati su Wii U per permettere a un secondo giocatore di controllarli in modalità co-op.

3

Il fattore rigiocabilità di Sonic Lost World è altissimo grazie alla possibilità di migliorare i tempi, scoprire nuove strade e recuperare bonus perduti.

Nel corso della modalità principale, di tanto in tanto vi verranno proposti livelli bonus che, se completati, vi permetteranno di guadagnare un prezioso (e raro) Chaos Emerald. In questi Stage l'obiettivo è recuperare un certo numero di sfere luminose facendo navigare Sonic nello spazio in cui questi globi fluttuano allegramente. Il giocatore dovrà orientare la console per raggiungerli e usare i tasti frontali e dorsali per accelerare o frenare, un'operazione praticamente impossibile da portare a termine stando seduti. Dovrete per forza muovervi in giro per la stanza, quindi prima di iniziare avvertite amici e parenti nelle vicinanze, affinché non pensino a un attacco di labirintite o a demenza precoce.

"Nel corso della modalità principale, di tanto in tanto vi verranno proposti livelli bonus"

A rimpolpare ulteriormente le modalità di gioco di Sonic Lost World, troviamo un paio di opzioni piuttosto classiche. La prima è l'immancabile Attacco al Tempo, nella quale potrete ripercorrere ogni livello del gioco per cercare di abbassare il rilevamento cronometrico e fare invidia a tutti i giocatori presenti nelle classifiche mondiali.

La seconda viene semplicemente catalogata come Modalità VS ed è divisa in tre sezioni: Gara, Battaglia e Fase Speciale. La prima è una classica sfida a chi arriva per primo sotto il traguardo, mentre la seconda richiede di recuperare il maggior numero possibile di Anelli prima che il match abbia fine. La terza, infine, altro non è che la versione multiplayer dei livelli bonus visti nell'avventura principale. Tutte e tre queste sfide possono essere affrontate in wireless, online o in modalità download.

4

I poteri dei colori visti in Sonic Colors tornano anche in questo capitolo, rinnovati e potenziati per l'occasione.

Se ancora non vi basta, Sonic Lost World per 3DS supporta anche la modalità StreetPass per consentire alla vostra console di comunicare con quelle degli altri e scaricare, o far scaricare, nuove Missioni da portare a termine. Queste consistono più che altro in una sfida a distanza sugli stage completati ma può comunque rappresentare l'ennesimo incentivo per tornare ogni tanto ad accendere il gioco.

Purtroppo altri due difetti sono emersi in fase di test e hanno influito sulla valutazione finale. Il primo di questi salta agli occhi fin da subito ed è rappresentato dalla scarsa qualità dei filmati d'intermezzo. Inizialmente pensavo fosse un problema della mia console, di un non corretto caricamento del gioco ma così non è! I video in questione risultano inspiegabilmente sgranati e di risoluzione troppo bassa anche per il piccolo schermo del 3DS.

Fortunatamente sporadico è invece il discutibile rilevamento di alcune collisioni nel corso del gioco. In questo caso raramente il difetto si traduce nella perdita di una vita, ma dopo tanti anni è fastidioso trovarsi nuovamente a che fare con piccole barriere invisibili e cose del genere.

Fatta eccezione per questi due nei, Sonic Lost World è senza ombra di dubbio uno dei migliori capitoli della saga usciti negli ultimi anni. La qualità del level design, la quantità di opzioni disponibili e la completa localizzazione in Italiano con un ottimo doppiaggio, ne fanno un prodotto da acquistare senza indugio da parte di fan e appassionati. Se non rientrate in queste categorie e da sempre odiate lo stile "corri e salta" del platform Sega, il gioco potrebbe comunque riservarvi delle sorprese, a patto che gli diate il tempo di catturarvi.

8 / 10

Leggi la nostra guida al punteggio Sonic Lost World 3DS - review Daniele Cucchiarelli La resurrezione definitiva? 2013-10-22T10:38:00+02:00 8 10

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...