Eurogamer.it

E se Uncharted 4 girasse a 60fps su PS4 pro? - articolo

Il video del Digital Foundry ci mostra quale sarebbe il magnifico risultato.

Ecco la demo di PlayStation 4 Pro che molti speravano di vedere ma che non si è materializzata. Stiamo parlando di Uncharted 4 a 60 fotogrammi al secondo, un vero spettacolo. La nuova console di Sony è stata realizzata principalmente per far girare i titoli esistenti a risoluzioni superiori con prestazioni simili a quelle dell'hardware di base, ma molti speravano che gli sviluppatori adottassero un approccio diverso. Il video che potete vedere in questa pagina è ciò che sarebbe possibile con un approccio diverso, una dimostrazione di ciò che potrebbe fare la GPU di PS4 Pro se invece del supporto agli schermi a 4K fosse preferito un frame-rate superiore.

Prima di proseguire, è importante sottolineare che questa demo non è stata acquisita in tempo reale e non ha richiesto accesso a una PlayStation 4 Pro: deriva invece dal titolo disponibile che gira sulla versione standard della console. Procedendo nel gioco, è possibile acquistare "trucchi" e bonus: uno di questi è una modalità slow-motion che rallenta l'azione mantenendo inalterato l'aggiornamento a 30fps.

Il video acquisito è stato poi velocizzato del 200%, annullando l'effetto slow-motion e portando l'aggiornamento a 60fps. È un bel trucchetto, il cui merito va dato all'utente Kanuuna di NeoGAF, che ci ha contattato alcuni giorni fa per mostrarci un video concettuale della sezione ambientata in Madagascar, visibile qui: esatto, un altro video di Uncharted 4 a 60fps! I compromessi sono due: prima di tutto, l'audio non può essere ricostruito senza un eco metallico. Inoltre, nella modalità slow-motion il gioco non gira al 50% della normale velocità, quindi la velocizzazione del 200% ci permette di ottenere il frame-rate desiderato ma dà anche l'impressione che il gioco giri più velocemente rispetto a quanto accade normalmente... trasformandolo in una specie di Uncharted 4 Turbo Edition.

Ad ogni modo, il miglioramento portato dai 60fps è chiaro. Il risultato è semplicemente fenomenale: la fisica durante le sequenze animate, in particolare, è mozzafiato. La prospettiva di un titolo simile a 1080p60 è fuori di dubbio e possiamo immaginare quali sarebbero state le reazioni se una simile demo fosse stata presentata durante l'annuncio di PS4 Pro della settimana scorsa.

Ecco come appare Uncharted 4 a 60fps: epico.

A giudicare dal PlayStation Meeting, Naughty Dog ha intrapreso un cammino differente. Come le demo first party di Sony, quella di Uncharted 4 su PS4 Pro opera a una risoluzione molto superiore a 1080p (Arne Meyer di Naughty Dog non ha fornito dettagli) e utilizza l'HDR. Le prestazioni, però, sono rimaste invariate con un aggiornamento a 30fps. Resta da vedere se la versione finale conterrà una modalità per avere una frame-rate superiore, ma sospettiamo che Naughty Dog sia già totalmente impegnata dall'ottimizzazione per PS4 Pro.

Dopo aver visto questo materiale, c'è da chiedersi il motivo per cui PS4 Pro non possa essere una console da 1080p60, viste le maggiori risorse della GPU. È chiaro che l'hardware della PS4 di base è sbilanciato dal lato GPU e che con PlayStation 4 Pro il divario è ancora maggiore. Le capacità grafiche sono aumentate del 130%, quelle della CPU AMD solo del 30%. Raddoppiare l'aggiornamento potrebbe spingere la CPU oltre i suoi limiti.

Questa potrebbe essere la spiegazione dei vociferati livelli prestazionali delle modalità PlayStation 4 Pro inserite in Rise of the Tomb Raider. C'è una modalità ottimizzata per i 4K, una a 1080p30, ma anche la possibilità di far girare il gioco con frame-rate sbloccato che, si dice, produca un frame-rate sui 40-60fps. Visto che la modalità 4K è molto bella, sembra strano che a 1080p non si riescano a raggiungere i 60fps, a meno che non vi sia un collo di bottiglia che non dipenda dall'hardware grafico.

John e Rich discutono l'annuncio di PlayStation 4 Pro e spiegano fino a che punto le nuove funzioni della console non sono visibili nei materiali esistenti.

Aumentando la sola risoluzione, portare Uncharted 4 su PS4 Pro diventa un'operazione molto più gestibile. La logica del gioco resta immutata e la GPU viene utilizzata per gestire molti più pixel. Nel caso di un titolo come Uncharted 4, un gioco già esistente convertito per PS4 Pro, potrebbe esserci anche un problema di risorse umane.

Optare per una risoluzione superiore e mantenere invariate le prestazioni richiede meno lavoro di un'ottimizzazione su larga scala volta a raggiungere i 60fps. Non sappiamo quanti impiegati di Naughty Dog stiano lavorando sugli aggiornamenti di Uncharted 4 e The Last of Us per PlayStation Pro, ma sappiamo che Sucker Punch ha soli due sviluppatori a fare lo stesso tipo di lavoro per inFamous Second Son e First Light. Al momento si sta sfruttando il lavoro già fatto, non investendo in ottimizzare ulteriormente un motore già valido.

Sarà interessante vedere cosa faranno i vari sviluppatori per prendere confidenza con PlayStation 4 Pro, ma per ora tutto sembra indicare che le sue funzioni saranno utilizzate per integrare l'esperienza offerta dalla PS4 di base. Nella maggior parte dei casi, chi possiede l'hardware esistente ma non uno schermo 4K HDR non si perderà molto, se non alcuni ottimi effetti di super-sampling. È possibile comunque aumentare la fedeltà grafica a 1080p, cosa che Epic sta facendo con Paragon.

Ovviamente, l'utilizzo dell'hardware di PS4 Pro potrebbe variare da titolo a titolo e il modo in cui verrà sfruttato l'hardware potrebbe cambiare nel corso del tempo, man mano che gli sviluppatori prenderanno confidenza con la macchina. Di sicuro, le nostre analisi comparative avranno una dimensione in più a partire da novembre.

Commenti (15)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!