Eurogamer.it

Halo Wars: Definitive Edition - prova

Un ottimo RTS arriva finalmente su PC.

Il ruolo di Halo Wars all'interno dell'industria videoludica è stato da molti sottovalutato. Un po' perché questo strategico è stato il prodotto che ha portato alla chiusura di Ensemble Studios, storico sviluppatore di Age of Empire, un po' perché il gioco non è riuscito ad avere con gli RTS lo stesso impatto che Halo: Combat Evolved ha avuto col mercato degli sparatutto in prima persona.

Nei piani di Microsoft, infatti, Halo Wars avrebbe dovuto essere la testa di ponte che avrebbe consento anche agli strategici in tempo reale di sbarcare su console e creare un mercato anche per una delle tipologie di videogame più reticenti a essere giocate col pad.

Sfortunatamente per il colosso di Redmond le cose non sono andate come previsto, un po' per delle vendite non all'altezza delle aspettative, un po' per una non perfetta traduzione delle meccaniche di gioco al gamepad. La conseguenza è che gli Wars sono finiti nel congelatore per più di un lustro. Fino allo scorso E3.

Microsoft, 343 Industries e Creative Assembly, infatti, sono quasi pronte a pubblicare il secondo capitolo della serie e hanno pensato di fare un regalo natalizio a tutti coloro che lo stanno aspettando con ansia. Da qualche giorno, infatti, è disponibile sullo Store di Xbox One e Windows 10 una versione "Early Access" di Halo Wars: Definitive Edition, liberamente scaricabile da tutti coloro che abbiano prenotato il nuovo capitolo.

Halo_Wars_Definitive_Edition_1

L'alta definizione rende gli scontri più chiari e puliti, ma mette a nudo una complessità poligonale non eccezionale.

Coloro che non hanno fretta sappiano che Halo Wars: Definitive Edition e Halo Wars 2 saranno disponibili a partire dal 21 febbraio in formato Xbox Plays Anywhere. In altre parole basterà un acquisto per avere il gioco sia su One che su PC, con anche i salvataggi condivisi attraverso il cloud.

Su console l'esperienza è piuttosto simile all'originale. Xbox One e X360, infatti, condividono lo stesso schema di comandi e le stesse funzionalità online, e dunque gestiscono Halo Wars in maniera identica. I miglioramenti principali sono circoscritti al comparto tecnico, ovviamente più pulito e definito sulla nuova ammiraglia di casa Microsoft. Inoltre la Definitive Edition include tutti i DLC pubblicati finora e può contare su qualche achievement supplementare.

In questo modo il gioco è "semplicemente" uno dei migliori RTS su console grazie a controlli ben studiati per il gamepad e ad alcuni accorgimenti di gameplay, come una struttura delle basi già definita e una distanza della telecamera ravvicinata, pensati per facilitare le operazioni su console.

La vera novità della Halo Wars: Definitive Edition è la possibilità di provare uno dei più famosi strategici degli ultimi anni su PC, potendo finalmente scegliere se utilizzare la combinazione mouse e tastiera per affrontare il gioco. In questo modo molte operazioni di selezione delle unità o di navigazione sulla mappa saranno più semplici, precise e veloci, consentendo d'imbastire strategie un po' più complesse di quanto sia possibile fare su console.

Dieci cose che vogliamo in GTA 6 C'è sempre spazio per migliorare. Dieci cose che vogliamo in GTA 6
Halo_Wars_Definitive_Edition_2

La campagna riserverà qualche interessante colpo di scena, oltre che nuovi dettagli sull'universo di Halo.

Inoltre il PC permette, nei limiti delle opzioni messe a disposizione dagli sviluppatori e delle risorse hardware in nostro possesso, di configurare la grafica della Halo Wars: Definitive Edition in base ai nostri gusti. Il gioco potrà essere lanciato in 4K e 60 frame al secondo senza nemmeno richiedere hardware di ultimissima generazione, ma ovviamente non mancheranno opzioni più comuni per ottimizzarlo in base alle nostre esigenze.

Una volta avviato il gioco abbiamo notato che non sono presenti grossi stravolgimenti sia sotto il profilo tecnico sia sotto quello del gameplay. A ben guardare, infatti, il lavoro di 343 Industries è stato più quello di rimasterizzare Halo Wars che di ristudiarlo per adattarlo alla nuova piattaforma.

In questo modo su PC si notano maggiormente alcune limitazioni pensate dagli sviluppatori originali per poter adattare il gioco a una console limitata tecnicamente come Xbox 360. Le mappe, per esempio, sono piccole per gli standard del genere e il numero di unità che è possibile costruire è piuttosto limitato. Inoltre la telecamera ha uno zoom poco ampio e spesso non consente di avere una visuale d'insieme dello scontro. Infine giocando a livello normale si nota come generalmente le battaglie contro la CPU possano essere vinte semplicemente sparando addosso ai nemici tutto quello che si è costruito in un attacco frontale.

Venuti a patti con queste limitazioni, Halo Wars: Definitive Edition è un prodotto piacevole, arricchito da una campagna varia e piuttosto spettacolare, molto fedele all'universo di Master Chief. Tra missioni speciali per sbloccare qualche obiettivo e gli immancabili teschi che rendono ancora più impegnativa l'esperienza, ce n'è per tutti, anche coloro che non siano particolarmente attratti da questo genere.

Halo_Wars_Definitive_Edition_3

Spesso le battaglie si risolveranno con spettacolari faccia a faccia.

Inoltre sono disponibili diverse modalità online con le quali sfidare altri esseri umani attraverso internet. In questo modo potremo mettere in campo strategie meno dirette per vincere una partita, oltre che provare in prima persona le forze Covenant. Durante la campagna, infatti, potremo solamente controllare l'UNSC e il cambio di parrocchia è una novità sempre gradita. La novità di questa Definitive Edition è la sparizione del matchmaking a favore di un più comodo browser delle partite online, grazie al quale scegliere direttamente la modalità e l'avversario da sfidare.

Sotto il profilo squisitamente tecnico, la Halo Wars: Definitive Edition non stupisce ma fa il suo dovere. Una maggiore risoluzione, infatti, non garantisce automaticamente una migliore resa di un motore grafico, soprattutto se questo di base è piuttosto spoglio. Perlomeno il gioco non sfigura su pannelli d'ingenti dimensioni anche grazie all'ottima personalità e al design delle truppe e degli edifici, presi di peso dall'universo di Halo. I filmati e le musiche, inoltre, non hanno quasi risentito del passare degli anni e sono godibilissimi tutt'oggi.

All'appello manca ancora un po' di ottimizzazione: su One abbiamo notato sporadici cali di frame rate durante le scene animate ma generalmente l'esperienza ci è sembrata giù piuttosto solida e fluida. Su PC non abbiamo avuto problemi di sorta in FullHD e con tutto al massimo sia su di un i5 6600k con scheda video 780ti, sia su di un Asus G752VY con un i7 e una GTX 980M.

Microsoft non poteva immaginare un miglior antipasto di Halo Wars 2. La Halo Wars: Definitive Edition ha consentito di rispolverare le meccaniche di gioco e di ricordarci come anche su console sia possibile avere strategici in tempo reale di buon livello. In attesa dunque della portata principale, non c'è un modo migliore per ripassare l'epopea della Spirit of Fire, magari sperimentando qualche nuova strategia grazie ai nuovi controlli possibili su Windows 10.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!