Eurogamer.it

Scalebound: problemi di "salute mentale" per Kamiya?

AGGIORNAMENTO: Kamiya risponde ai rumor e parla della cancellazione del gioco.

Aggiornamento: Dopo le tante voci lo stesso Kamiya ha parlato della cancellazione del gioco attraverso il proprio profilo Twitter. Ecco le dichiarazioni riportate da DualShockers.

"Come probabilmente avrete sentito Scalebound è stato sfortunatamente cancellato. Mi dispiace per tutti coloro che non vedevano l'ora di giocare al titolo. Mi dispiace portarvi notizie così negative a inizio anno. Tutto ciò che posso fare e assicurarvi che continueremo a pubblicare giochi divertenti e lavorerò molto duro per non dovervi deludere nuovamente così".

Per quanto riguarda la sua salute mentale:

"E...Mi sono preso del tempo libero per la mia salute mentale?...Io!? Impossibile".

News Originale: Come sottolineato da Phil Spencer stesso la cancellazione di Scalebound è stata una decisione molto difficile da prendere ma a quanto pare necessaria per vari motivi e non solo perché il progetto non soddisfaceva a pieno Microsoft.

Lo sviluppo del gioco avrebbe, infatti, avuto degli effetti davvero negativi su diversi membri dello studio che hanno dovuto prendersi dei periodi di pausa dall'enorme carico di lavoro a cui erano sottoposti. Discorso quest'ultimo che sarebbe applicabile anche a Hideki Kamiya, la mente dietro al progetto Scalebound.

1

Quanto riportato da ThisGenGaming e ulteriormente confermato dall'insider shinobi602 rivelerebbe una situazione insostenibile per il team di sviluppo.

Secondo l'insider e il portale, lo sviluppo è stato tanto travagliato e pesante che Kamiya stesso ha dovuto prendersi del tempo libero a causa delle preoccupazioni sulla sua "salute mentale". Lo stress, infatti, sarebbe stato talmente elevato da aver messo a rischio la salute stessa di un certo numero di elementi chiave della software house.

Cosa pensate di questa indiscrezione?

Commenti (29)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!