Eurogamer.it

PewDiePie si scusa per le battute antisemite ma critica The Wall Street Journal

"Battute utilizzate fuori contesto per farmi sembrare un nazista".

Una manciata di giorni fa vi abbiamo parlato del "caso PewDiePie" e della decisione da parte di Disney di interrompere la collaborazione con lo youtuber e di quella di YouTube di bloccare la seconda stagione di Scare PewDiePie.

Il motivo come abbiamo già sottolineato sarebbero alcune battute antisemite comparse all'interno degli ultimi video del seguitissimo Felix Kjellberg. Nella giornata di ieri Kjellberg ha deciso di pubblicare un video di risposta per esprimere le proprie opinioni su tutto ciò che è successo, per scusarsi e per criticare l'atteggiamento di alcuni media, in particolare The Wall Street Journal. Diamo un'occhiata ad alcune delle dichiarazioni di PewDiePie riportate da The Guardian.

"The Wall Street Journal ha preso quelle battute e le ha utilizzate fuori contesto per dipingermi come un nazista. Mi dispiace per le parole che ho usato e so che ho offeso delle persone, e ammetto che lo scherzo stesso sia andato troppo oltre. Mi piace spingere i confini ma mi considererei come un comico principiante. Prendere fuori contesto queste battute ha sostanzialmente obbligato YouTube e Disney a interrompere le collaborazioni con me".

Kjellberg continua riflettendo sul rapporto tra i media vecchia scuola (come The Wall Street Journal) e il mondo dei nuovi media di cui fa parte anche YouTube.

"Ai media old-school non piacciono le personalità di internet perché hanno paura di noi. Abbiamo così tanta influenza e una voce così forte e non penso che loro lo capiscano. Questo è stato un attacco verso di me per cercare di screditarmi, di diminuire la mia influenza. In questi anni hanno parlato di me solo per dire che guadagno una marea di soldi. Raccolgo letteralmente milioni di dollari per beneficenza e molto raramente se ne parla".

Il video si è concluso con un messaggio proprio a The Wall Street Journal: "Sono ancora qui, faccio ancora video. Bel tentativo Wall Street Journal. Provateci di nuovo figli di pu****a!".

Cosa pensate di questa vicenda e delle parole di Felix "PewDiePie" Kjellberg?

Commenti (33)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!