Eurogamer.it

Activision: "la storia di Destiny lasciava un po' a desiderare"

Il CEO, Eric Hirshberg, promette dei miglioramenti per Destiny 2.

I pregi più grandi di Destiny? Molto probabilmente il gameplay, soprattutto il gunplay, e un universo di gioco dal potenziale davvero incredibile. Un potenziale che, tuttavia, non veniva supportato da una trama indimenticabile e anche i fan più accaniti hanno più volte sottolineato diverse lacune da questo punto di vista.

Si tratta di lacune che a quanto are sono state percepite anche dai vertici di Activision e dal CEO della compagnia, Eric Hirshberg. Hirshberg ha discusso di questo aspetto in una lunga intervista pubblicata da VentureBeat.

1

"Non abbiamo neanche rivelato Destiny 2 all'E3 ma lo abbiamo fatto un mese prima con due trailer in cui Cayde-6 e Zavala presentavano la storia e i personaggi con cui i giocatori avrebbero potuto giocare. Il pensiero con Destiny 2 era... Destiny aveva così tanti punti di forza. Era cosi coinvolgente, fresco, innovativo, un nuovo genere. Allo stesso tempo però siamo tutti pronti ad ammettere senza problemi che la storia lasciasse un po' a desiderare. Avevamo delle aree da migliorare. Volevamo proporre una grande storia con grandi personaggi con cui sarebbe stato semplice connettersi a livello emotivo. La strategia consisteva nello spingere il giocatore a voler passare del tempo con certi personaggi, a combattere quella precisa battaglia a far parte di quel mondo".

Hirshberg sembra quindi consapevole di uno dei problemi principali di Destiny e promette un impegno consistente per migliorare all'interno di Destiny 2. Cosa pensate di queste dichiarazioni e della trama del primo Destiny?

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!