Eurogamer.it

Netgear Nighthawk R7000P AC2300 - recensione

Un router in grado di stupire, grazie alla sua potenza e le moltissime funzionalità.

Quello dei router è un mercato hardware dedicato, spesso rivolto all'utenza business o quantomeno ad acquirenti decisamente consapevoli. Se infatti è innegabile che la bontà della connessione a internet dipenda in larghissima parte dalla qualità della connessione fornita dal provider di turno è anche vero che, una volta entro le mura di casa e a dirla tutta anche fuori, la differenza può farla eccome un prodotto di livello più alto rispetto a quanto fornito d'ordinanza dal provider stesso o anche rispetto ad articoli acquistati in economia, concepiti per fare l'indispensabile e niente più.

Questo spiega perché esistano tipologie di prodotti rivolte a chi pretende di più che, sebbene non possano fare nulla riguardo alla qualità della connessione, sono in grado di gestirne nel migliore dei modi stabilità e distribuzione di banda. In particolare, il riferimento è alla trasmissione dati in WLAN (Wireless Local Area Network), ossia quella parte di rete che sfrutta la tecnologia wireless, altrimenti comunemente detta Wi-Fi. In contesti di uffici o abitazioni sempre più smart, nelle quali a una stessa linea ormai si connettono più dispositivi quali PC, laptop, smart TV, smarthphone, tablet quando non addirittura elettrodomestici le esigenze risultano molto più specifiche.

1

Dimensioni non trascurabili e un form factor decisamente riuscito sono le caratteristiche estetiche della linea Nighthawk.

La linea Nighthawk di Netgear ha proprio l'obiettivo di rispondere a queste esigenze, e lo fa anzitutto ricorrendo in dual band al protocollo wireless 802.11ac oltre al ben più noto 802.11n, il che si traduce in uno spettro di frequenze che va oltre l'ormai abusata banda a 2,4 GHz andando a sfruttare quella a 5 GHz, decisamente meno sfruttata e disturbata da altri dispositivi come quelli Bluetooth o i telefoni cordless. Lavorando su un'ampiezza di banda maggiore e meno congestionata il risultato è che la velocità di trasmissione aumenta in maniera consistente, arrivando in questo caso a 2300 Mbps, come del resto il nome del prodotto suggerisce. Contando che la 802.11n può arrivare a massimo 900 Mbps la differenza è assolutamente notevole, con una velocità quasi triplicata.

Nell'utilizzo quotidiano questo comporta che nel caso si vogliano condividere diverse decine di gigabyte (pensiamo a un rendering) o contenuti in streaming di alta qualità, come il famigerato 4K UltraHD, tale tecnologia diventi quasi una scelta obbligata. Questo anche perché il Nighthawk sfrutta altre due caratteristiche molto importanti: la prima è il Quality of Service dinamico che consente di dare maggiore priorità a un dispositivo rispetto a un altro priorizzandone il traffico, per esempio un servizio streaming di videogame tipo PlayStation Now. La seconda è la tecnologia MU-MIMO che permette al router di ricevere o trasmettere segnali da e verso utenti multipli, permettendo in sostanza lo streaming simultaneo su diversi dispositivi con una eccellente stabilità.

Ma non è finita qui, perché sono presenti molte altre interessanti funzionalità, a cominciare dal Beamforming+ che consente al router di massimizzare il segnale in direzione dei dispositivi a esso connessi, passando poi per la possibilità di utilizzare il router come media server DLNA e server iTunes. Questo consente di condividere i file multimediali tra tutti i dispositivi connessi con estrema facilità, compresi quelli della casa di Cupertino. Contando che all'interno è presente un processore Broadcom dual core da 1 Ghz questo router, collegando un hard disk esterno, può assumere tutta l'operatività di un vero e proprio NAS. In questa configurazione abbiamo potuto sperimentare appieno la clamorosa velocità di trasferimento dati visto che non eravamo legati a un cavo di rete da 100Mbit: in realtà collegare questo strumento a una rete Lan di velocità inferiori al gigabit sembra quasi uno spreco di tempo e di risorse, confermando le sue potenzialità per piccole aziende oltre che per un'abitazione.

Critica e pubblico parlano ormai lingue diverse? Tra simulazioni immersive e una qualità che non paga. Critica e pubblico parlano ormai lingue diverse?

Non mancano infine un sofisticato Parental Control, con tanto di Disney Circle integrato, lo Smart Connect che consiste la selezione automatica della banda Wi-Fi più veloce per ciascun terminale collegato e la funzione AirPrint che consente il collegamento senza fili per le stampanti compatibili. Quanto descritto, insieme con tutte le altre impostazioni classiche di un router, è interamente gestibile attraverso un'interfaccia web davvero completa, oppure anche attraverso software dedicati come Netgear genie e ReadySHARE. Questi sono disponibili anche su smartphone Android e iOS attraverso le apposite app, senza dimenticare i servizi ReadyCLOUD e OpenVPN.

Il Nighthawk si presenta in una forma trapezoidale decisamente aggressiva dalle dimensioni e dal peso piuttosto imponenti: 285x184,5x5 mm per 750 grammi. Si capisce che non è un semplice router dalle grandi feritoie per la dissipazione del calore presenti sia lateralmente che posteriormente e inferiormente. Molto caratteristiche sono le tre grandi antenne orientabili, anch'esse di forma trapezoidale.

Due sono le prese USB, una 3.0 anteriore e una 2.0 posteriore, accompagnata da una presa WAN per l'ingresso del segnale e quattro prese LAN per la trasmissione cablata, tutte rispondenti allo standard 10/100/1000 Mpbs Gigabit Ethernet, nonché ovviamente il tasto di accensione e spegnimento del terminale oltre alla presa di connessione dell'alimentatore da 12 Volt e l'immancabile feritoia per il reset.

2

All'USB 3.0 anteriore, posteriormente si accompagnano un'altra USB (2.0), la presa WAN d'ingresso e quattro LAN in uscita.

Anteriormente fanno molta scena i ben dieci LED a luce bianca fissa o intermittente che monitorano stato di accensione, connessione a internet, banda utilizzata, connessioni USB e LAN attive nonché, sempre retroilluminati, i due comodi tasti per lo spegnimento del Wi-Fi e la propagazione del WPS. Il packaging, piuttosto essenziale, comprende un robusto cavo Ethernet EIA/TIA 568B di un metro di lunghezza, un libretto d'istruzioni e una guida rapida in quattro lingue (non è presente l'italiano) nonché infine il disco d'installazione per gli inguaribili nostalgici.

Quest'ultimo è infatti decisamente superfluo dato che, appena connesso il Nighthawk al modem/router fornito dall'ISP (non è possibile utilizzare l'R7000P direttamente come modem connesso direttamente alla linea, partirà immediatamente la configurazione guidata che riassegnerà gli IP configurando automaticamente la nuova rete, tramite semplice inserimento di SSID e password di accesso del modem. Provando la configurazione su una nostrana ADSL TIM, l'intero processo non ha riscontrato particolari accorgimenti a parte l'ovvia necessità di dover disattivare la funzionalità router Wi-Fi sul modem TIM, con il Nighthawk pronto all'azione in poco più di cinque minuti.

In conclusione, questo Netgear Nighthawk R7000P AC2300 è un prodotto decisamente valido, che all'ottima qualità d'insieme aggiunge anche la notevole versatilità data dalle molteplici funzioni che è in grado di ottemperare. Quasi superfluo precisare che si tratta di un qualcosa pensato per chi abbia una connessione in fibra ottica: con una comune ADSL da 7-20 Mbps, si può senz'altro comunque cercare di sfruttarne le caratteristiche, specie quelle multimediali, ma la pochezza del segnale in entrata è tale da non giustificarne appieno'acquisto, che prevede un prezzo non indifferente di circa 180 €.

3

Tantissimi LED e due tasti retroilluminati caratterizzano la parte superiore del router insieme alle tre grandi antenne orientabili.

Il discorso è invece ben diverso per i giocatori che hanno per casa tanti dispositivi come PC e console a cui non riescono ad arrivare con un cavo di rete e necessitano di delle maggiori potenzialità possibili sul fronte del Wi-Fi per cercare di ridurre al massimo la perdita di pacchetti dovuta alle distanze o alla presenza di numerosi ostacoli rispetto al posizionamento del router. Stesse considerazioni valgono per chi dispone di un ufficio o una casa pienamente entrati nel XXI secolo e voglia un dispositivo capace di un'ampia portata, ma anche della massima stabilità e accuratezza nella distribuzione della banda. In tal caso questo è sicuramente un prodotto di altissimo livello tra i migliori presenti sul mercato.

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!