Joe Danger

Ritorno al passato... su due ruote!

Versione provata: PlayStation 3

La ricetta è questa: prendete dallo scaffale (quello vecchio e un po' scolorito) il barattolo con su scritto “Excitebike”, mettetene il contenuto in una ciotola abbastanza capiente e aggiungete un pugno di “Trials HD”... ma giusto un po'. Fatto questo, spruzzate il tutto con colori estremamente vivi e aggiungete una generosa dose di fantasia. Mescolate bene e fate cuocere in forno per almeno mezz'ora. Il risultato sarà un piatto estremamente semplice ma gustoso come pochi altri.

Joe Danger è l'opera prima di un team indipendente chiamato Hello Games, formato da sole quattro persone, al quale va fatto un grande applauso. Se tutti gli sviluppatori iniziassero in questo modo la loro carriera nell'industria, a quest'ora saremmo invasi da piccoli e grandi capolavori. Joe Danger fa parte di quella categoria di giochi capace di far dire a chi lo prova la fatidica frase “ancora una e poi smetto”. Avete presente cosa voglio dire, vero? Sono quei titoli che iniziate a giocare svogliatamente la sera dopo cena e che alle 4 di notte vi vedono ancora svegli davanti allo schermo, con il pad quasi stritolato in mano, gli occhi “pallati” alla Fantozzi e la bava alla bocca.

Eppure, almeno inizialmente, sembra un gioco quasi innocuo. Basta però superare i primi due livelli per ritrovarsi irreversibilmente risucchiati nel mondo di Joe Danger, una leggenda dello stunt mondiale che ha la necessità di tornare in voga dopo un grave infortunio. Ogni stage richiede il completamento di differenti obiettivi, che vanno dal recupero delle stelle disseminate lungo il tracciato, al raggiungimento di punteggi abbastanza elevati da garantire il guadagno delle consuete coppe di bronzo, argento e oro.

1

Il turbo risulta particolarmente utile per raggiungere altezze elevate e recuperare stelle altrimenti irraggiungibili.

Tutto qui? Un semplice “giochino” di motocross con qualche salto e ostacolo da superare? Ma neanche per sogno e ve ne accorgerete presto!

Per prima cosa è necessario abituarsi al sistema di controllo. Inizialmente sembra richiedere doti da polipo ma alla lunga si rivela, con grande meraviglia, essere più semplice di quanto si pensava.

I tasti R2 e L2 consentono a Joe di andare avanti e indietro lungo i percorsi, mentre i dorsali superiori servono per mettere insieme le acrobazie, necessarie ad accumulare punteggio e a far riempire la barra del turbo. Si possono effettuare salti, doppi salti, piroette e in alcuni casi anche cambi di corsia, ma questo solo nei livelli più avanzati. Insomma, le varianti non mancano di certo.

Una delle caratteristiche più belle di Joe Danger risiede nella sua multiformità. Si può affrontare un livello a tutta velocità per realizzare il tempo migliore da mostrare poi nelle classifiche online, oppure impegnarsi nella realizzazione di trick sempre più lunghi e complicati per conquistare le medaglie più ambite. Ma solo recuperando le stelle e portando a termine gli obiettivi richiesti per ogni livello è possibile sbloccare gli stunt più avanzati.

Quasi sette minuti insieme a Joe Danger.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...