Might & Magic: Clash of Heroes

Strategia a passo di stilo.

Se dovessi pensare a una periferica che possa in qualche modo emulare il mio adorato topo da scrivania, l'unico valido sostituto che si presenterebbe nel mio cervello è in questo momento il pennino del Ds. Sono ormai diversi anni infatti che vado sostenendo che la piccola macchina Nintendo è il rifugio naturale per tutte quelle tipologie di giochi che ormai difficilmente risultano redditizie su computer equipaggiati con il sistema operativo delle Finestre.

Strategici a turni, avventure grafiche bidimensionali, emulazione sfrenata, sono tutti generi che potrebbero letteralmente vivere una seconda giovinezza sul doppio schermo della casa giapponese, se solamente qualcuno ci credesse un po' di più e provasse a darsi da fare con titoli degni di tal nome.

Fortunatamente ogni tanto la mia vocina viene ascoltata (effettivamente ho un filo diretto con i boss di Tokyo) e quindi ecco arrivare su DS una delle serie storiche del candido PC, quel Might & Magic che ha rappresentato una vera e propria pietra miliare nel mondo dei videogiochi. Tralasciando eventuali rimborsi alla mia persona per furto di idee con scasso, eccomi quindi felice possessore di questa piccola chicca, con la consapevolezza che se le vendite premieranno questa illuminante realizzazione, si potrebbero aprire portoni giganti nel mondo dei miei sogni.

1

Più grosso vuol dire più cattivo. Più cattivo vuol dire più attenzione. Avventuriero avvisato mezzo salvato…

Ma veniamo a parlare un po' più nel dettaglio di Clash of Heroes, un fiero esponente della saggia dinastia dei giochi di ruolo, miscelato con lodevole sapienza con alcuni elementi del cugino Heroes of M&M, una spruzzatina di Puzzle Quest e alcuni elementi di avventura. Servito ben caldo ecco quindi arrivare sulle vostre tavole un prelibato gioco per il DS che potenzialmente può fare gola davvero a molti.

Chi è avvezzo alla serie creata nel lontano 1986 da New World Computing, non si sorprenderà nel veder tornare gran parte delle razze e dei mondi divenuti famosi con gli anni e le battaglie affrontate: elfi, cavalieri, zombie, demoni, tutti hanno risposto all'appello per prendere parte alla nuova messa in opera di Capybara.

Quello che cambia rispetto a quanto eravate abituati è il nuovo abito che gli è stato costruito attorno, snaturando in parte quanto era entrato ormai nel Dna della serie e inserendo alcuni elementi in grado di rinfrescare un'IP per la quale erano già stati approntati i canti funebri.

Fondamentalmente la vostra esperienza si suddividerà in due grosse realtà: le fasi di esplorazione e di avventura vera e propria e i combattimenti, probabilmente la fase maggiormente interessata dalla rivoluzione posta in atto e che alla distanza sarà sicuramente capace di darvi le maggiori soddisfazioni.

Procediamo però con ordine: il vostro compito, all'interno del mondo di Ashan, sarà infatti quello di debellare una banda di mariuoli demoniaci che hanno deciso di passare le proprie vacanze infernali nel vostro mondo. Per riuscire in questa impresa dovrete costruirvi un piccolo esercito personale, esplorando le vostre terre natie e dialogando con i numerosi NPC che troverete lungo il cammino.

Se inizialmente impersonerete i panni dei simpatici elfi, per portare a termine il gioco dovrete passarvi la bellezza di cinque razze per un totale complessivo di gioco che si avvicina indicativamente alle 30 ore, un valore questo fondamentalmente ottimistico. Diciamo che per un po' avrete da fare quando vi recherete a espletare i vostri bisogni!

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...