Super Street Fighter IV

Semplice add-on o acquisto obbligatorio?

Quando Capcom annunciò Super Street Fighter IV, furono in molti a gridare allo scandalo, affermando che la casa di Osaka ci avrebbe venduto a prezzo pieno un semplice add-on di un gioco uscito appena un anno prima.

Col passare dei mesi e l'uscita di informazioni più dettagliate al riguardo, chi ebbe modo di provare con mano il gioco si rese immediatamente conto di quanto il termine “espansione” stesse stretto alla nuova fatica di Ono e del suo team, vista la mole di aggiunte inserita rispetto al capitolo precedente.

Ora, dopo aver giocato a fondo la versione finale di Super Street Fighter IV, sono qui per affermare con certezza che ci troviamo di fronte a un gioco completo, che qualsiasi appassionato del genere dovrebbe amare e coccolare nell'intimità della propria cameretta.

A dispetto delle critiche impietose mosse a Capcom, non posso che ritenere più che onesto il modo in cui la celebre casa nipponica ha affrontato la realizzazione di questo gioco, che non solo contiene abbastanza novità da soddisfare anche l'appassionato più esigente, ma viene anche venduto a prezzo ridotto in tutto il mondo (anche in Italia, nonostante l'inspiegabile sovrapprezzo operato da Halifax).

1

Le nuove scenette fra i rivali sono decisamente più ispirate di quelle di Street Fighter IV e, a conti fatti, risultano più godibili perfino dei finali in stile anime.

Cosa offre ai giocatori Super Street Fighter IV, che il capitolo precedente non avesse già? La cosa più scontata, che salta subito all'occhio, è la rosa di personaggi decisamente più ricca, che grazie all'aggiunta di ben 10 nuovi lottatori garantisce ore e ore di pratica e di allenamento per aggiornare il proprio database mentale di mosse, combo e tipologie di scontri.

Considerando che fra le new entry spiccano combattenti dalle dinamiche atipiche, l'operazione di cui sopra potrebbe richiedere anche più tempo del previsto, oltre a offrire la possibilità di trovare una nuova anima gemella con cui legarsi attraverso il proprio arcade stick. Sfido qualsiasi appassionato, infatti, a non trovare fra le nuove proposte un “secondo” personaggio preferito, da alternare a quello già usato in Street Fighter IV per farsi strada attraverso le classifiche online o, nel caso dei professionisti dell'arcade stick, nei tornei e nelle ranbat (rigorosamente offline) sparsi per il mondo.

Nuovi personaggi a parte, comunque, a deliziare gli appassionati di picchiaduro è sicuramente il bilanciamento dei lottatori fatto da Ono e dal suo team. Cercando di tener conto delle segnalazioni fatte dai giocatori, i programmatori sono intervenuti in modo mirato per rivoluzionare la tier list, cercando di rendere gli scontri ancor più interessanti ed equilibrati.

Vediamo assieme come funziona il multiplayer di SSFIV.

Commenti (41)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...