Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Aggiornamenti automatici per il 3DS?

Nintendo ci sta pensando.

Stando alle ultime indiscrezioni Nintendo starebbe valutando la possibilità di rendere il 3DS in grado di scaricare automaticamente degli aggiornamenti di firmware tramite internet.

Che questa possa rivelarsi la chiave del successo per limitare il fenomeno della pirateria? Nintendo sembra esserne sempre più convinta.

Nel corso della più recente investor session indetta dalla compagnia nipponica, uno dei presenti ha infatti chiesto al CEO Satoru Iwata se Nintendo abbia intenzione di implementare nella console, tramite internet, dei sistemi anti-pirateria, e la riposta è stata estremamente eloquente: "Per quanto riguarda le funzionalità dello SpotPass, stiamo valutando la possibilità di implementare un sistema di aggiornamenti automatici tramite internet".

Per chi non lo sapesse lo SpotPass farà sì che un 3DS in standby non solo comunichi con altre console, ma anche con internet attraverso il Wi-Fi.

Iwata ha tuttavia sottolineato che la lotta alla pirateria sarà comunque parte di una strategia volta a proporre ai consumatori nuove funzionalità. Una volta che la console avrà infatti individuato l'access point più vicino, sarà infatti in grado di scaricare classifiche, ghost data, software gratuiti e notifiche di varia natura.

Con l'occasione Iwata ha inoltre annunciato l'intenzione di mantenere i prezzi dei giochi per 3DS più o meno simile a quelli dei prodotti rilasciati attualmente per DS.

"Non crediamo che la situazione finanziaria mondiale ci permetta di alzare i prezzi e continuare comunque ad ottenere ottimi profitti, perciò non ci discosteremo troppo dai prezzi a cui vengono venduti i prodotti per DS".

Il 3DS, svelato ufficialmente all'E3 2010, è previsto in Europa e negli USA a Marzo.

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Davide Persiani

Davide Persiani

Contributor

Davide inizia a lavorare nel campo dell'editoria videoludica all'età di 16 anni. Dopo qualche anno di gavetta in Spaziogames e Play Media Company, subisce l'irresistibile fascino di Eurogamer.it.

Commenti