E se vostro figlio si chiamasse Brink?

O magari Elaras o Caddocs...

La scorsa settimana Bethesda annunciò che tutte le coppie che decideranno di chiamare i propri neonati Dovahkiin a novembre, riceveranno una misteriosa ricompensa.

Sembra che questa particolare iniziativa di marketing, non del tutto originale a dire il vero visto che a suo tempo venne inaugurata dagli sviluppatori di Turok, abbia colpito la fantasia di altri team di sviluppo che lavorano proprio per Bethesda.

Paul Wedgwood, capo del team Splash Damage che sta sviluppanto Brink, ha definito "interessante" l'idea, che evidentemente lo colpisce particolarmente da vicino avendo lui un figlio di appena 10 mesi

"Scherzi a parte, dubito che qualcuno avrà mai voglia di chiamare il proprio figlio Brink, ma non si sa mai... mio figlio si chiama Fox e se lo avessi chiamato così ai tempi di X-Files forse avrei vinto qualcosa.

Matt Finley, fondatore di inXile Entertainment, che sta realizzando Hunter, è ancora più burlone.

"Mi piacerebbe tra qualche anno ritrovarmi al parco circondato da bambini che si chiamano Elaras e Caddocs, sarebbe davvero divertente".

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza