Nintendo: "No agli sviluppatori da garage"

Indie sì, ma non troppo.

Il boss di Nintendo of America, Reggie Fils-Aime, è tornato a parlare delle critiche mosse da Satoru Iwata al modello "App Store" nel corso di un intervento alla Game Developers Conference.

"Preferisco separare gli sviluppatori indipendenti dalle persone che sviluppano per hobby", ha dichiarato Fils-Aime a Gamasutra. "Senza dubbio lavoriamo con gli sviluppatori indipendenti, ma non siamo interessati alle partnership con gli sviluppatori da garage. Non siamo interessati a questo genere di business".

Nel suo intervento, Iwata aveva parlato dei possibili danni causati all'industriua dei videogiochi da un modello di business basato sulla quantità, piuttosto che sulla qualità, ma secondo Fils-Aime il boss di Nintendo non voleva colpire Apple.

"Quando parliamo del software ci chiediamo: un gioco manterrà intatto il suo valore nel tempo o è destinato a crollare rapidamente? Noi vogliamo che i consumatori capiscano il valore del software e che esso rimanga intatto nel tempo".

Vai ai commenti (4)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Nicola Congia

Nicola Congia

Redattore

Contenuti correlati o recenti

ArticoloWorld of Horror - prova

Lovecraft e Junji Ito si incontrano in un'opera che sprizza unicità.

ArticoloQuando Sony ha cancellato un promettente LittleBigPlanet per PC fan-made - articolo

Vi raccontiamo la storia di LittleBigPlanet Restitched, progetto fan-made per PC che Sony ha fatto cancellare.

Days of war - recensione

La Seconda Guerra Mondiale, come l'abbiamo già vista.

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza