Asura's Wrath

La forza è maggiore senza il controllo.

Non avrei mai pensato che sarebbe stato così difficile descrivere le sensazioni scaturite dalla prova di Asura's Wrath senza incappare in incontrollate grida euforiche o abbandonarsi a quell'impeto fanciullesco che porterebbe a raccontare il tutto facendo ampio ricorso a "boom, pow, smash, bam".

Per chi non lo conoscesse si tratta di un titolo che non solo si configura come uno dei contendenti più agguerriti in lizza per il premio di Best of E3, ma che vince a mani basse l'ambitissimo riconoscimento di gioco più "grosso" dell'intera kermesse.

Protagonista di questa intensa avventura è Asura, un semidio tradito dai sui stessi compagni divini che ne hanno rapito la figlia e lo hanno ridotto al silenzio più completo per oltre 12 mila anni: privato di ogni suo potere e lasciato praticamente a morire in un angolo sperduto del pianeta, il nostro eroe scopre come la rabbia e la sete di vendetta gli conferiscano dei poteri straordinari, e decide di incanalare la sua furia contro coloro che hanno cercato di eliminarlo una volta per tutte. E per le vecchie e potenti divinità, al cui fianco una volta lo stesso Asura sedeva, iniziano i proverbiali problemi.

1
Un momento della battaglia contro Wyzen: l'enorme divinità scaglierà contro Asura una serie di bombe, da rispedire tramite QTE.

Volendo citare le parole di Kasuhiro Tsuyachiya, producer dell'IP, "Asura's Wrath prende in prestito moltissimi elementi della mitologia asiatica per fonderli con l'universo delle sci-fi". Il risultato è un'esperienza dall'innegabile vocazione cinematografica, forte di un gameplay interamente votato alla spettacolarità e di un ritmo a dir poco esagerato, che si alternano a una narrativa complessa e godibile. Non è un caso se, sotto questo punto di vista, Asura's Wrath viene già indicato come l'erede spirituale dell'ottimo God Hand.

L'ingrediente segreto del titolo, al di là di quella matrice spiccatamente cinematografica e della passione per l'esagerazione (che, come vedremo a breve, caratterizza il combattimento offerto dalla demo E3), è proprio il suo incredibile ritmo, che non sembra voler staccare il piede dall'acceleratore per un solo istante. Proprio un virtù di questo fatto, l'alternanza di classiche sezioni di combattimento (fatte di combo dal potere offensivo crescente, come accadeva già nell'ottimo Bayonetta) e di Quick Time Events serrati, è quanto di più naturale attendersi.

2
Lo stile di Asura's Wrath ricorda quello dei manga giapponesi e rende ancora più piacevole l'ottimo comparto grafico.

L'utilizzo dei QTE permette di passare dalle ottime sequenze animate all'azione di gioco più frenetica con soluzione di continuità: certo, il rischio di trovarci faccia a faccia con un button mashing forsennato è un'evenienza che gli sviluppatori devono seriamente tenere in considerazione, ma quanto abbiamo potuto provare noi stessi, pad alla mano, è estremamente galvanizzante e divertente, e ben si innesta all'interno delle meccaniche tipiche di un action nipponico.

La demo inizia con un filmato interattivo di ottima fattura che introduce il cattivo di turno, uno dei colleghi divini di Asura chiamato Wyzen. Il suo discorso tronfio e borioso sull'imminente epilogo del redivivo semidio è destinato a terminare prematuramente, visto che il giocatore può sferrare un jab devastante sul muso del corpulente nemico, mandandolo letteralmente fuori di testa e dando ufficialmente il via alle danze.

La prima parte della battaglia vede Asura accerchiato da un nugolo di nemici "standard", da eliminare facendo ricorso alle più classiche tecniche di lotta del genere action: salto, attacco lieve e attacco pesante possono essere inanellati in combo da capogiro e dalla potenza devastante, che ci permettono di spazzar via la prima orda avversaria senza nemmeno troppa fatica. Il tutto è reso ancor più divertente dalla possibilità di friggere i nemici più distanti con potenti sfere energetiche.

La faccenda si fa interessante quando a scendere in campo è Wyzen in persona: il combattimento contro l'atavica divinità è articolata su diverse fasi, nelle quali potremo colpire il nemico con i nostri proiettili energetici e, principalmente, difenderci e contrattaccare grazie all'ausilio dei QTE.

Vai ai commenti (10)

Riguardo l'autore

Alberto Destro

Alberto Destro

Redattore

Eterno Peter Pan intrappolato nel corpo di un trentenne, ha barattato la propria ombra per tastiera e controller. Il tutto per la gioia dell'adorata moglie, che si chiede cos'ha fatto per meritarsi un tale nerd.

Contenuti correlati o recenti

Digital Foundry | Super Mario 64 con il Ray Tracing! La nostra prova

Il port per PC riceve un sbrilluccicante upgrade.

Godzilla vs. Kong - recensione

Perché i gorilla finiscono sempre sui grattacieli?

Xbox ha sempre venduto console in perdita. Profitto? Nemmeno l'ombra

Lo rivela la vicepresidente di Xbox Lori Wright.

Articoli correlati...

PS5 in un nuovo trailer ufficiale dedicato alla funzionalità Game Boost

Un video con i giochi PS4 che beneficiano della maggiore potenza della nuova console.

Switch sta raggiungendo quota 100 milioni di console vendute più velocemente di Wii e PS4

L'ibrida sta rapidamente diventando una delle console di maggior successo di sempre.

Commenti (10)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza