GTA III: ecco cosa cambiò dopo l'11 settembre

Dan Houser fa luce sul mitico free-roaming.

Rockstar ha svelato quanto gli attentati dell'11 settembre abbiano influito sullo sviluppo di GTA III, il leggendario free-roaming che fu lanciato a poche settimane dai tragici avvenimenti del World Trade Center.

La software house americana lavorò per accentuare le differenze tra Liberty City e New York, la metropoli che ne ispirò la creazione, ed eliminò una missione che faceva chiaro riferimento a un attentato.

"Per quel che ricordo, cambiammo il colore delle auto della polizia in modo che non fossero identiche a quelle dell'NYPD, alterammo la rotta di un aereo per far sì che non volasse nello skyline della città, e cancellammo una missione perché trattava di terroristi", ha spiegato il co-fondatore di Rockstar, Dan Houser.

L'uscita del gioco, inizialmente prevista per il 3 ottobre 2001, fu rinviata di tre settimane per far calmare le acque e dare la possibilità agli sviluppatori di salvare il salvabile.

"Sentimmo che, nonostante questi problemi e quelli di Take Two, era nostro dovere completarlo".

Il tempo sembra aver dato ragione a Rockstar, che in quegli istanti drammatici scelse fortunatamente di non cancellare l'intero progetto. Una scelta che ha presumibilmente cambiato la storia dei videogiochi odierni.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza