CD Projekt: "I DRM non funzionano"

Per i creatori di The Witcher serve ben altro.

CD Projekt, la software house dietro l'acclamata serie The Witcher, continua la sua crociata contro i DRM.

Stando agli sviluppatori polacchi, e in particolare a Marcin Iwinski, direttore dello studio, questi non solo sarebbero inefficaci contro la pirateria, ma rovinerebbero l'esperienza di gioco anche a chi ha acquistato una copia originale.

"Fin dall'inizio, i nostri principali concorrenti sul mercato sono stati i pirati. La questione non riguardava il rilascio di comunicati più o meno intriganti, ma la necessità di convincere i giocatori ad acquistare anziché scaricare illegalmente".

"Abbiamo provato i DRM, ma non hanno funzionato", spiega ancora Iwinski, per il quale l'unica soluzione starebbe nel fornire ai giocatori ulteriori motivi, come gli artbook o le soundtrack, per comprare un titolo.

Una soluzione che sembra aver funzionato per il carismatico The Witcher 2: Assassins of Kings, ma che sembra già meno applicabili a produzioni di stampo sportivo o comunque annuali.

Vai ai commenti (6)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (6)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza