Roccat Alumic - review

È venuto il momento di cambiare il vostro tappetino del mouse!

Quello che andremo ad analizzare oggi è uno dei componenti principali per chi utilizza il PC, il tappetino del mouse. C'è chi preferisce quelli morbidi, chi quelli rigidi, chi si fa stampare sopra le foto o chi non li usa affatto e utilizza il proprio mouse a contatto diretto con la scrivania.

Quello di oggi, più che un tappetino, è un mouse pad rigido, prodotto da Roccat e chiamato Alumic, nome scelto dal materiale con cui è stato creato, l'alluminio. È un mouse pad dalle dimensioni generose, 33cm X 27cm, spesso 3 mm.

2
La grana più fine garantirà un controllo senza eguali...
3
...mentre la grana più grossa farà correre anche il mouse più pigro.

La caratteristica più importante è quella di poter essere utilizzato su entrambi i lati, che a seguito di due processi produttivi diversi, sono indicati per utilizzi differenti. Il primo, caratterizzato da una grafica più d'impatto, mostra al centro il logo Roccat contornato da un alone blu e ha come caratteristica il garantire un controllo maggiore del puntatore del mouse. Il secondo, con solo il contorno del logo, è destinato ad avere una maggiore velocità nello scorrimento del mouse, l'ideale per chi gioca. Questi due differenti utilizzi sono stati possibili grazie alla differente grana con cui sono stati sviluppati i lati, più fine per il controllo, più grezzo per la velocità.

Agli angoli troviamo quattro piedini in gomma per garantire un grip completo ed evitare spostamenti accidentali del mouse pad durante l'uso. In aggiunta, in ogni confezione, è presente un poggia polso in gel per evitare l'affaticamento durante l'uso prolungato del mouse.

Roccat, sicura della qualità del suo prodotto, lo garantisce come testato con molti mouse, in particolare con quelli pensati per il gaming: tanto per citarne alcuni, citiamo il ROCCAT Kone[+], ROCCAT Kova[+], Microsoft Sidewinder, Microsoft MS 3.0 / 1.1, Logitech MX/G-Series, Razer Lachesis e Razer Diamondback.

Questo prodotto è indirizzato chiaramente ai gamer, anche se si può rimanere sopresi da come possa risultare molto utile anche per altre applicazioni, come ad esempio l'utilizzo di programmi di grafica.

Personalmente, utilizzando un mouse impostato a 2800DPI dei 5800 messi a disposizione, prediligo un mouse veloce e reattivo, che però in certe situazioni rischia di diventare difficoltoso da controllare se ad esempio bisogna fare un lavoro preciso di ritocco su una foto. Con questo pad, utilizzato sul lato destinato al controllo, il feeling è totale.

1
La visuale dall'alto ci mostra che le dimensioni contano.

Pur utilizzando un alto livello di DPI il mouse risulta essere più preciso e controllabile. Utilizzando invece il lato destinato alla velocità, l'aumento è notevole. Abbassando i DPI a 1600 la velocità con cui si può spostare il puntatore da un lato all'altro dello schermo sembra invariata rispetto all'utilizzo dei 2800DPI, il che rende questo pad adatto a chi ha mouse con un sensore non troppo potente per poterlo rendere più veloce, un vantaggio indubbio ad esempio nel multiplayer.

Il mouse pad spesso è sottovalutato ma se si cerca un alleato per quanto riguarda il gaming o un supporto adeguato per l'uso normale di applicativi, diventa una scelta importante. L'Alumic risulta essere un prodotto valido: l'anima in alluminio anodizzato gli conferisce robustezza e i due lati pensati per scopi diversi lo rendono un prodotto eclettico. Ultima nota positiva, l'alluminio rimane fresco e durante l'uso, anche prolungato, dando una sensazione di ulteriore confort.

Il prezzo è l'unico fattore che può far desistere dall'acquisto, circa 35€, un valore che non si discosta poi molto da quello di prodotti concorrenti, ed è bene ricordare come in questo prodotto ce ne siano in realtà due.

8 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (6)

Riguardo l'autore

Marco Ballabio

Marco Ballabio

Redattore

Adepto spirituale del Pastore fin dai tempi di TGM, è sempre alla ricerca dell’ultimo pezzo per completare il suo PC definitivo. Impresa, come quella di Dylan Dog e del suo galeone, infinita.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGli inquietanti corridoi dei videogiochi - editoriale

Perché proviamo tanta ansia nei meandri di un corridoio di un videogioco? Il motivo è più complesso di quanto vi sareste aspettati.

Untitled Goose Game - recensione

Semplicemente, un'oca che decide di rovinare le giornate di un po' di persone a caso.

Razer Viper - recensione

Razer pensa ai mancini, e non solo.

FIFA 20 Ultimate Team (FUT 20) Web App disponibile: come accedere e sbloccare il mercato

AGGIORNAMENTO DELLE 19:00: La Web App è finalmente disponibile!

Articoli correlati...

Commenti (6)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza