Essere polacchi è stata probabilmente la più grande fortuna dei CD Projekt: come avrebbero altrimenti potuto trasformare in un videogioco di successo le storie di Andrzej Sapkowski, uno scrittore che fino a qualche hanno fa godeva di una certa fama solo in patria e tra i veri esperti del settore?

A dire il vero, è stata una fortuna anche per noi, perché le avventure di Geralt di Rivia sono tra i pochi racconti fantasy che mi sentirei di raccomandare anche a chi non ami questo genere. Vuoi per le atmosfere particolari che si respirano, vuoi per la non convenzionalità del personaggio, dell'universo in cui si muove e delle sue storie, i racconti di Sapkowski hanno quel qualcosa in più che li fanno apprezzare anche a coloro che le storie di maghi, elfi e dragoni non le possono sopportare.

Dunque, in attesa che The Witcher 2 conquisti anche il popolo Xbox con l'appassionante intreccio della sua narrazione, e in occasione dell'uscita in Italia del terzo romanzo della saga, Il sangue degli elfi, edito nel nostro paese da Editrice Nord, vi proponiamo un'intervista proprio con Andrzej Sapkowski, in cui racconterà ai lettori di Eurogamer.it com'è nato il suo personaggio, a chi si ispira, e cosa c'è nel suo futuro.

2
Sapevate che di The Witcher esiste anche una (imbarazzante) serie tv?

Eurogamer: È evidente come uno dei fattori chiave del successo di The Witcher sia la sua storia. Com'è nata? Come ha creato quest'universo?

Andrzej Sapkowski: Non penso di aver creato questo mondo, non esageriamo. Io ho creato l'eroe. La mia prima storia, "Wiedzmin" (ovver "Il Witcher", o "Strigo", come viene tradotto da noi), è stata pensata e scritta durante l'inverno del 1985 per un concorso letterario annunciato su Fantastyka, che era ed è tuttora la più famosa rivista polacca di fantascienza.

Sapendo che il fantasy stava accrescendo la sua popolarità, ho deciso di scrivere un racconto per questo concorso, puntando però a qualcosa di più originale rispetto alle storie tipo "Conan uccide dei mostri e dopo uccide altri mostri".

Dopo lunghe considerazioni scelsi di raccontare le fiabe classiche in maniera diversa. In esse di solito c'è un drago che viene ucciso e una principessa che viene salvata dal classico poveraccio diventato eroe o dall'ancora più classico cavaliere in armatura scintillante, e per entrambi la ricompensa è la principessa. Nel mio universo fantasy il lavoro di uccidere i mostri ha bisogno di un professionista adeguato, un tizio che offra i propri servizi per soldi, non per la principessa, ed è così che è nato Geralt il Witcher, l'eliminatore professionista di mostri.

Eurogamer: Un altro fattore importante è la figura di Geralt: si è ispirato ad altri personaggi o è stato interamente una creazione della sua mente? Qual è il suo legame con lui?

4
Ecco la copertina dell'ultimo romanzo di Sapkowski, uscito in questi giorni.

"Sono legato al personaggio di Geralt in quanto prodotto della mia immaginazione - Andrzej Sapkowski"

Andrzej Sapkowski: È al cento per cento un personaggio inventato, considerando anche quanto ho detto finora, e ovviamente sono legato a lui in quanto prodotto della mia immaginazione.

Eurogamer: Geralt è stato descritto come un personaggio che impersona uno spirito "anti politico e neo liberale", tipico della cultura polacca degli anni '90. È d'accordo con questa visione?

Andrzej Sapkowski: No. Questa interpretazione è un po' troppo esagerata. Non ho mai aspirato a simboleggiare questo spirito, ma se a qualcuno piace vederla in quel modo, beh, non c'è problema.

Eurogamer: Quanto è stato coinvolto nel processo di creazione del videogioco?

Andrzej Sapkowski: Il mio coinvolgimento nel videogioco è stato molto poco importante, non vale forse neppure la pena di menzionarlo. Gli sviluppatori mi hanno chiesto aiuto per alcuni dettagli e io li ho aiutati volentieri. Questo è tutto.

Eurogamer: Il risultato finale la soddisfa? Pensa di dovere qualcosa al gioco, in un certo senso?

Andrzej Sapkowski: Sono un fiero possessore dell'edizione deluxe ma, devo confessarlo, non l'ho mai provata. I videogame portano via molto tempo e non sono il mio tipo di intrattenimento preferito. Tuttavia conosco il titolo abbastanza bene da dire che rende piuttosto bene lo "spirito" dei miei libri. In definitiva credo che abbiano fatto un bel lavoro, anche se non penso di dover qualcosa ai videogame. Anche se alla fine, chi lo sa, forse giocandoci qualcuno ha deciso di comprarsi i miei libri e magari ci ho guadagnato qualche nuovo fan.

Eurogamer: Le sue storie sono sempre tetre e oscure ma con un pizzico di humor nero. È raro trovare racconti fantasy con un messaggio così cupo. A cosa dobbiamo questa scelta? C'è una certa analogia col genere noir?

1
Un'immagine di Andrzej Sapkowski.

"Mi piace immaginare il Witcher come una sorta di incarnazione di Philip Marlowe - Andrzej Sapkowski"

Andrzej Sapkowski: Sì, hai colpito nel segno. Da giovane ho amato i romanzi noir, soprattutto Raymond Chandler. Credo che nei miei libri si veda quanto ne sono rimasto affascinato. Mi piace immaginare il Witcher come una sorta di incarnazione di Philip Marlowe, o di un qualunque altro investigatore privato che vive in una grande e tetra giungla urbana, cercando di combattere contro il male e che alla fine non può vincere.

Eurogamer: Dopo il grande successo ottenuto dai videogiochi, pensa che Hollywood potrebbe essere pronta ad adattare i suoi racconti al grande schermo?

Andrzej Sapkowski: Accetterei molto volentieri un'offerta da Hollywood. La porta è aperta, entrate pure!

Eurogamer: Era riluttante a riportare Geralt in vita per i videogiochi?

Andrzej Sapkowski: I creatori del videogioco mi hanno chiesto il permesso per questa "resurrezione" (anche se tecnicamente nei romanzi non sappiamo che fine faccia Geralt, ndR), e io l'ho concessa. Perché non avei dovuto? Nel gioco possono fare ciò che vogliono ed esso non è, né mai sarà, un seguito ufficiale ai miei libri. Nell'ultima pagina del mio ultimo romanzo dedicato a Geralt il lettore non troverà mai scritto "Continua nel videogame". Se i lettori vogliono scoprire veramente ciò che succede dopo, devono aspettare che scriva un nuovo libro.

5
Un sicuro punto di contatto tra il videogioco e il libro è il successo di Geralt con le donne.

Il gioco non ha niente in comune con la mia scrittura, con la storia che sto raccontando, quindi, lo ripeto, non può essere considerato un seguito del libro. È un adattamento, niente di più. Il videogame e il libro sono due media completamente diversi, entità diverse. Mescolarli tra di loro non è raccomandato, anzi non è concesso!

"Il gioco non ha niente in comune con la mia scrittura e non può essere considerato un seguito del libro - Andrzej Sapkowski"

Eurogamer: Pensa che vedremo nuovamente Geralt?

Andrzej Sapkowski: Assolutamente sì.

Eurogamer: Come pensa che verrà ricordato dai lettori del genere fantasy? Ha mai pensato, prima di scrivere i romanzi , che potrebbe essere collocato nel firmamento dei più grandi autori del genere?

Andrzej Sapkowski: No, non ci ho mai pensato. Non penso di essere eccessivamente modesto, ma neppure così immodesto.

Eurogamer: Quali sono i suoi piani per il futuro? Vuole ancora scrivere di fantasy? O magari romanzi storici? Fantascienza?

Andrzej Sapkowski: Al momento sto lavorando a un nuovo romanzo sul Witcher. Non so cosa succederà dopo: non resta che aspettare e vedere...

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Altri articoli da Lorenzo Fantoni

Commenti (16)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

The Witcher 2: Assassins of Kings

Un'esperienza che tutti dovrebbero vivere.

The Witcher 2: Assassins of Kings: Enhanced Edition - review

Un esempio d'oro per tutti gli sviluppatori.

The Witcher 2: Assassins of Kings

La guida di Eurogamer per non restare fermi al bivio.