Rebellion "non capisce" le critiche sul DLC di Hitler

La software house ammette di cercare pubblicità.

L'annuncio del DLC offerto in omaggio ad ogni preorderdi Sniper Elite V2 ha scatenato polemiche e critiche nel mondo dei videogiochi.

Il contenuto aggiuntivo Assassinate the Führer è stato definito "di pessimo gusto" e "indelicato", ma, da un altro punto di visto, potenzialmente "uno dei momenti più soddisfacenti nella storia del gaming".

Per Jason Kinglsey, boss di Rebellion, la software house che si sta occupando dello sviluppo del gioco, la situazione è "alquanto strana":

"Non capisco perché assassinare un maniaco genocida dovrebbe essere offensive", ha spiegato ai microfoni dei nostri colleghi inglesi. "Stanno dicendo che è offensive a causa della presenza di Hitler o perché è qualcosa che non dovremmo banalizzare inserendola in un videogioco?".

Ambientato negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale, il livello bonus permetterà ai giocatori di intercettare il treno a bordo del quale è stato avvistato nientemeno che Adolf Hitler e, quindi, di eliminarlo.

"Francamente, è una manovra commerciale", ha infine ammesso Kinglsey. "Stiamo provando ad attirare attenzione per promuovere il gioco. Stiamo lavorando con 505 e non è il publisher più grande con il portafogli più capiente. Pertanto qualunque cosa possiamo fare per avere attenzione per quello che è un gioco incredibilmente brillante è buono".

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza