Cooler Master Storm Inferno - review

Stufi di venire fraggati? Cambiate mouse!

Se la vostra attività principale sono gli FPS, saprete bene l'importanza che ricopre la scelta di un buon mouse, pena risultati ridicoli e insulti da parte di tutta la squadra. Il mouse che ci propone Cooler Master fa parte della serie Storm e il suo nome, Inferno, suona alquanto evocativo.

Abbiamo già trattato altri due prodotti appartenenti alla categoria dedicata ai gamer, il CM Storm Spawn e il CM Storm Sentinel Advance. Il Cooler Master Storm Inferno è quello che offre il maggior numero di tasti, undici, di cui ben nove programmabili; le modifiche verranno effettuate sempre tramite un'utility dedicata, che troveremo nel CD allegato o scaricabile sul sito www.cmstorm.com (consigliato per ottenere l'ultima versione disponibile).

1
Al centro risalta il logo illuminato di Cooler Master, comunque disattivabile.

Un'altra interessante caratteristica presente anche sui precedenti modelli è la presenza di una memoria interna al mouse stesso, in questo modello di 128kb, che consente di salvare i profili creati dentro la periferica e di renderlo indipendente dal programma, consentendoci di utilizzare il mouse con le nostre configurazioni anche su altri PC senza dover installare ogni volta il software aggiuntivo.

"È possibile impostare la sensibilità del sensore da 500 a 4000 DPI"

All'interno della confezione troviamo il mouse, il CD d'installazione e un manuale multilingua con le specifiche tecniche. Ovviamente si tratta di un mouse con un connettore placcato oro e dotato di un cavo lungo circa 2 metri, una lunghezza sufficiente per collocarlo liberamente sulla scrivania senza diventare. Il rivestimento a rete lo rende poi molto resistente e difficilmente si potrà rompere.

Come ogni mouse che si rispetti è possibile impostare la sensibilità del sensore. Le configurazioni sono davvero molte: si parte dai 500 DPI che avranno come risultato un puntatore lento, fino ai 4000 DPI dove farete fatica a seguirlo con lo sguardo da quanto veloce percorrerà il vostro monitor. Le modifiche possono essere eseguite a step di 100 DPI alla volta con la memorizzazione di cinque profili: quello in uso sarà indicato da un indicatore luminoso posto a lato sulla parte superiore.

2
I tasti sul lato sinistro saranno i vostri migliori amici, soprattutto quello che attiverà le macro.

La rilevazione del movimento è affidata a ben due sensori laser collocati nella parte inferiore del mouse, e la presenza del duplice sensore ci garantirà una precisione senza eguali e la capacità di funzionare su qualunque superficie anche se sollevato dalla stessa (fino a un massimo di 2 mm).

L'utility di configurazione permette di avere quattro profili, uno predefinito nominato CM Storm con una configurazione tipo, e altri tre completamente personalizzabili dall'utente. Per ogni creazione è possibile assegnare ben cinque step di sensibilità indicata in DPI, e sarà possibile passare fra queste opzioni direttamente dal mouse mentre si gioca utilizzando due tasti dedicati senza dover caricare il software.

"Il mouse risulta molto comodo e confortevole: la presa è solida e la forma ergonomica non affatica durante l'uso"

Il mouse risulta molto comodo e confortevole: la gomma presente su entrambi i lati rende la presa solida e la forma ergonomica non affatica durante l'uso. Il peso di 160 grammi circa non lo rende particolarmente pesante e si sente la mancanza di poterlo aumentare attraverso i bossoli da posizionare nella parte inferiore, cosa possibile nel Sentinel Advance. Un vero peccato!

Ovviamente, data la forma ma soprattutto la disposizione dei pulsanti, è utilizzabile al meglio delle sue capacità solo dai destrimani; i mancini potranno usarlo ugualmente, però non potranno contare sull'uso dei tasti laterali, che come vedremo sono fondamentali per accedere a delle funzionalità avanzate.

3
Nella parte frontale si può intravvedere l'illuminazione rosso fuoco che simula le fiamme: d'altronde, si chiama Inferno!

Gli undici tasti sono ben disposti e facilmente accessibili. Nella parte superiore, leggermente di lato dei pulsanti usuali sinistro e destro, ne troviamo due ulteriori di default impostati con le funzionalità di "fuoco rapido" e "storm tactics", che ci permette di assegnare una seconda azione per tutti gli altri se la pressione è contestuale a questo, aumentando a 32 le combinazioni e quindi le funzioni, al punto che sarà persino difficile ricordarsi tutto ciò che avremo registrato.

Sotto la rotella di scorrimento, anch'essa cliccabile, abbiamo il controllo dei DPI e il profile switcher, con il quale possiamo passare tra i vari profili direttamente in -game. Sul lato sinistro infine troviamo gli ultimi tre, ossia quello per avviare le macro, creabili dal configuratore in maniera analoga a quanto visto con il Sentinel Advance.

Anche in questo caso le prime macro che realizzeremo saranno molto semplici ma con la pratica potremo crearne di molto complesse, dato che è possibile assegnare anche un certo delay fra un'azione e un'altra. Le macro non sono da considerare solo per il gaming, ma sono applicabili anche ad azioni abituali di alcuni programmi così da velocizzare il proprio lavoro.

Di seguito, ecco la scheda tecnica:

"Con la pratica potremo creare macro molto complesse, essendo possibile assegnare anche un delay fra un'azione e un'altra"

  • Modello: SGM-4000-KLLN1-GP
  • Colorazione: nero e grigio
  • Materiali: gomma (rivestimento) / plastica ABS / metallo (interno e fondo)
  • Dimensioni: 80X 135 X 40 mm
  • Peso: 161.5 grammi
  • Sensore: 4000 DPI Storm Tactical Laser
  • Configurazione assi X&Y: indipendenti e programmabili
  • Velocità massima tracciamento: 115 IPS
  • Tempo di Polling: 1.0ms
  • Misurazione della velocità: tempo reale
  • Adattabilità dinamica alle superfici: tracciamento su tutte le superfici distanza massima 2mm
  • Memoria Onboard: 128 Kb
  • Forma: destrimani, ergonomica
  • Pulsanti programmabili: 11
  • Illuminazione: illuminazione dinamica programmabile a LED Rossi
  • Display DPI: LED

Nella parte inferiore del mouse troviamo dei cuscinetti sostituibili in teflon, che garantiranno una perfetta scorrevolezza su quasi ogni superficie. Nella pratica il Cooler Master Storm Inferno si comporta proprio come ci aspettavamo, cioè alla grande. Il doppio laser consente di compiere spostamenti rapidi e allo stesso tempo precisi, e in caso abbiate bisogno di un controllo più gestibile a discapito della velocità, è possibile variare la sensibilità con la semplice pressione di un tasto. L'utilizzo delle macro e degli script in giochi complessi può inoltre farvi risparmiare molto tempo e offrirvi un certo vantaggio nei confronti dell'avversario.

Il Cooler Master Storm Inferno è venduto a un prezzo di circa 50 Euro, un valore in linea dunque col segmento di riferimento e più che giustificato dalla qualità del prodotto e dalle personalizzazioni che potremo apportare. Il look semplice ma al contempo curato non lo farà poi sfigurare posto su qualunque scrivania.

9 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (16)

Riguardo l'autore

Marco Ballabio

Marco Ballabio

Redattore

Adepto spirituale del Pastore fin dai tempi di TGM, è sempre alla ricerca dell’ultimo pezzo per completare il suo PC definitivo. Impresa, come quella di Dylan Dog e del suo galeone, infinita.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGoogle Stadia - prova

Connessione, risoluzione, FPS e input lag: tutto quello che c'è da sapere.

Midway - recensione

Non molto tempo fa, in una galassia molto vicina…

Harvest Moon: Light of Hope Special Edition Complete - recensione

Il farming game approda su Nintendo Switch nella sua versione completa.

Articoli correlati...

Commenti (16)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza