Inafune: "il pubblico occidentale ci sta voltando le spalle"

Ennesimo allarme lanciato dall'ex Capcom.

Keiji Inafune, ex producer Capcom ora a guida di Comcept, ha lanciato un nuovo allarme sullo stato dell'industria videoludica nipponica.

"Dovreste dire la verità sui giochi giapponesi che non sono ciò che erano una volta", ha spiegato il developer ai microfoni di Wired. "A meno che non raccolgano questa critica, gli sviluppatori giapponesi continueranno a sedersi sulle glorie del passato. Non riceveranno il messaggio che il pubblico occidentale ci sta voltando le spalle".

Il talentuoso designer aveva già espresso un parere negativo sul game development del Sol Levante, raccolto in altre circostanze ma con toni simili da Hideo Kojima.

Vai ai commenti (12)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Street Fighter V accoglie Rose e i suoi incredibili Poteri dell'Anima. In azione in un trailer gameplay

Disponibile da oggi la lottatrice introdotta in Street Fighter Alpha.

Days Gone, AAA flop e sequel impossibili colpa dei giocatori? Un noto analista non è d'accordo

Mat Piscatella di NPD risponde a John Garvin, director di Days Gone.

Six Days in Fallujah sviluppato da Sony Santa Monica? Lo studio di God of War pare fosse coinvolto

Anche Sony avrebbe lavorato al controverso gioco durante il lungo sviluppo.

Oddworld Soulstorm - recensione

L'odissea di Abe è appena iniziata.

Commenti (12)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza