Blizzard e Valve si accordano per l'uso del nome DOTA

Il titolo dei creatori di Warcraft diventa Blizzard All-Stars.

Blizzard e Valve hanno raggiunto un accordo per l'uso del nome DOTA.

Valve continuerà ad usarlo per le iniziative commerciali, mentre Blizzard manterrà i diritti per l'uso non commerciale del titolo per la sua community, in particolare per le mappe create dai giocatori per Warcraft 3 e StarCraft 2.

Di conseguenza, Blizzard ha accettato di rinominare il suo prossimo progetto ambientato nel mondo di DOTA, che si intitolerà Blizzard All-Stars.

"Blizzard e Valve riconoscono che, in fin dei conti, i giocatori vogliono soltanto poter giocare i titoli che aspettano di più, perciò siamo felici di aver raggiunto un accordo che permetta a entrambi di restare concentrati su questo", è stato il commento di Rob Pardo, Blizzard.

Dal canto suo, Gabe Newell di Steam ha aggiunto che "siamo lieti di aver raggiunto questo accordo con Blizzard senza che le cose degenerassero in un modo che non avrebbe fatto bene a nessuno". "Siamo entrambi concentrati sulle cose che i fan amano davvero, per creare e pubblicare grandi giochi per le nostre community".

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

L'Evo 2020 diventa un evento digitale a causa del Coronavirus

Cancellata la competizione che ora si svolgerà solo online.

ArticoloScoperti gli esport, si può tornare indietro? - editoriale

La pandemia non ha fermato l'industria videoludica. Soprattutto gli esport hanno rafforzato la loro posizione.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza