World of Warcraft e Diablo III bannati in Iran

Ma la "giustizia" locale non colpisce soltanto Blizzard.

Un numero di MMO e giochi per PC sono diventati inaccessibili per l'utenza iraniana, apparentemente per un ban governativo su alcuni contenuti non ammessi.

In particolare, i giocatori hanno lamentato l'impossibilitÓ ad accedere a Diablo III e World of Warcraft sui forum ufficiali di Blizzard.

Un utente colpito dal provvedimento ha riportato un meeting tenuto dal Ministro della Cultura e della Guida Islamica questo mese, che si Ŕ concluso con la formazione di un gruppo chiamato Islamic Revolution Game Designers Community ed incaricato di bannare i giochi che includono superstizioni, mitologie, violenza e abiti provocanti.

Stando ad altri giocatori, comunque, Blizzard non Ŕ la sola a dover fare i conti con queste assurde misure: Guild Wars, RuneScape, Second Life, Dofus, Evony ed Entropia Universe, tra gli altri, sono stati anch'essi bloccati.

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

No Man's Sky: Beyond Ŕ ora disponibile

Arriva una valanga di novitÓ per il titolo Hello Games.

Destiny 2: la prossima settimana arriva il cross save

Potremo giocare su tutte le piattaforme che desideriamo.

Star Citizen: la campagna crowdfunding supera quota 231 milioni di dollari

Gli sviluppatori pubblicano un nuovo video che mostra alcuni nuovi contenuti in arrivo.

Articoli correlati...

Black Desert per PS4 ha una data di uscita

L'MMO di Pearl Abyss in arrivo anche sulla console di Sony.

The Elder Scrolls Online: Elsweyr, l'avventura tabletop di Bethesda Ŕ stata rimossa per plagio

Parti della storia sarebbero state prese da un modulo di avventura di Dungeons & Dragons.

Rare sta lavorando a una nuova IP next-gen che piacerÓ a chi apprezza giochi come Sea of Thieves?

La storica software house potrebbe continuare sulla strada dei game as service.

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza