I dev di ArmA III arrestati "erano in vacanza"

Il CEO di Bohemia difende così i suoi dipendenti.

Marek Spanel, CEO di Bohemia Interactive, ha fornito la versione dello studio ceco sull'arresto di due suoi sviluppatori in Grecia.

I dev sono stati accusati di spionaggio per aver raccolto materiale inerente ad ArmA III.

Ma la storia di Spanel è molto diversa: i due developer erano in vacanza e intendevano semplicemente avere dei ricordi degli spettacolari paesaggi greci.

"Bohemia Interactive crea i suoi giochi solo in base alle informazioni pubbliche. Rispettiamo sempre la legge e non vogliamo violarne alcuna di nessun paese".

Il CEO si è infine augurato che la situazione possa risolversi in tempi brevi, anche se, contrariamente alle aspettative iniziali, i malcapitati rischierebbero fino a 20 anni di carcere.

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Chrono Cross Remastered sarebbe realtà ma solo un progetto a basso budget

Il remake di Chrono Cross potrebbe essere in cantiere.

Nvidia RTX 2060 un leak per le specifiche del ritorno per sopperire alla serie 3000 introvabile

Le RTX 2060 sono costrette a tornare, visto le difficoltà nel reperire le 3000.

Final Fantasy XVI sarà ai The Game Awards 2021 per nuovi rumor

Le voci su un reveal di Final Fantasy XVI ai TGA si fanno più concrete.

Starfield ci trasporta in un epico viaggio interstellare con il suo tema musicale

L'Orchestra Sinfonica di Londra ci porta in Starfield ben prima del tempo.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza