"Reazioni impulsive" ai primi trailer di Splinter Cell: Blacklist

Il lead designer prova ad approfondire i due approcci.

L'accoglienza negativa dei fan a Splinter Cell: Blacklist è stata semplicemente "una reazione impulsiva" basata su certe "parti verticali" del gioco, stando al director David Footman.

I primi trailer, tra cui quello mostrato all'E3 2012, hanno evidenziato la componente action della nuova avventura di Sam Fisher, posta peraltro in una insolita ambientazione diurna.

"Tutti possono avere reazioni impulsive, che sono davvero disinformate rispetto a quella che l'esperienza nella sua interezza, a una parte verticale del gioco", ha spiegato Footman a Eurogamer. "Dobbiamo essere molto pazienti finché non sveleremo tutto del nostro titolo".

"Ci sono due distinti stili di gioco. Potete affrontare una mappa senza farvi scoprire o avere un approccio più frenetico. Ci sono parti in cui bisognerà giocare alla maniera degli stealth, ma ce ne sono altre in cui sarà difficile non usare l'approccio action".

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza