Analisti divisi sulle prospettive del Wii U

Tanta attenzione e pochi investimenti sulla nuova console Nintendo.

John Taylor di Arcadia è convinto che la richiesta di Nintendo Wii U rimarrà alta non solo durante il periodo natalizio, ma che si assesterà su alti livelli almeno fino alla primavera del 2013.

Colin Sebastian di R. W. Baird è della stessa opinione e dice che sei mesi dopo il lancio la situazione sarà "positiva, visto il modo in cui la console è seguita dai consumatori".

Michael Pachter di Wedbush Morgan è convinto che il Wii U perderà l'impatto positivo a causa del prezzo, visto che al momento esistono diverse alternative paragonabili e sicuramente più economiche.

Eric Handler di MKM Partners ritiene che la sfida maggiore per la console sarà quella di espandersi oltre il suo pubblico attuale. E ha aggiunto: "Tutti i publisher sono molto cauti con il Wii U. Non stiamo vedendo molti giochi specifici per la console. Solo conversioni. Nessuno sta ancora investendo molto denaro".

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti č un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza