Warren Spector guarda al futuro

Niente di deciso dopo la chiusura di Junction Point.

1

Dopo la chiusura di Junction Point confermata nella chiusura di ieri, Warren Spector ha parlato apertamente dell'esperienza vissuta con lo studio in seno a Disney.

"Sono triste ed eccitato per il futuro", ha esordito il designer sulla propria pagina Facebook, "Junction Point Studios è stata attiva per otto anni e ho lavorato con persone eccezionali su progetti eccezionali. Ho conosciuto i fan e i membri di Disney, conosciuto la storia della società, camminato dove ha camminato Walt Disney stesso... l'unica parola giusta per descrivere l'esperienza è 'magica'".

"Ma ora è tempo per un'altra avventura. Non chiedetemi di cosa si tratterà, perché non lo so ancora (e i giornalisti non si sprechino, tutte le domande della stampa vanno a Brian Nelson e Carrie Davis di Disney)".

Per quanto riguarda la serie di Epic Mickey, Spector è convinto che la serie abbia avuto un impatto notevole nonostante la tiepida accoglienza di critica e pubblico e gli scarsi risultati di vendita.

"Qualsiasi cosa pensiate di me, Junction Point, Disney o dei giochi della serie Epic Mickey, abbiamo polarizzato il pubblico! Guarderò sempre con orgoglio a questi otto anni, non sono mai stato parte di qualcosa che abbia toccato le persone a un livello così profondo come i giochi della serie Epic Mickey".

"Quando abbiamo cominciato a lavorare su Epic Mickey pensavo che nel peggiore dei casi saremmo stati ricordati come una parte marginale della storia di Disney, invece abbiamo fatto di molto meglio. NOI l'abbiamo fatto, Junction Point".

Spector conclude con i ringraziamenti di rito e a conti fatti si rimette poi sul mercato, come confermato anche dal profilo Linkedin del designer, che recita: "In cerca di lavoro".

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Emiliano Baglioni

Emiliano Baglioni

Redattore

Emiliano si affaccia al mondo dei videogiochi all’epoca del Vic 20. Vive la sua storia di giocatore pensando che prima o poi crescerà e mollerà il joypad, ma non abbandona mai la sua passione, che riesce in qualche modo misterioso a conciliare con tutto il resto.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloLegends of Runeterra - prova

Siamo volati a Dublino per il gioco di carte di League of Legends. E non solo!

ArticoloStar Citizen? “È come sviluppare tre tripla A simultaneamente” - speciale

Intervistiamo Marco Corbetta, senior technical director di Cloud Imperium Games e Foundry 42.

Stela - recensione

SkyBox Labs esce dall'ombra.

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza