Capcom analizza il fallimento di Resident Evil 6

"Le nuove sfide che abbiamo intrapreso a livello di sviluppo non sono piaciute agli utenti".

Capcom in questi giorni sta analizzando le cause delle scarse vendite di Resident Evil 6, "solo" 4,8 milioni di copie, imputate ad alcuni fattori chiave come le nuove sfide dello sviluppo di videogiochi, un'organizzazione inadeguata e scarso marketing.

"Stiamo analizzando le cause, che coinvolgono il nostro team di sviluppo e il team vendite", si legge in un comunicato rilasciato durante l'analisi del quadrimestre fiscale. "Non abbiamo ancora raggiunto una chiara conclusione, crediamo che le quasi 5 milioni di copie siano una prova che il titolo è popolare, tuttavia pensiamo anche che le nuove sfide che abbiamo intrapreso a livello di sviluppo non siano piaciute agli utenti".

"Inoltre crediamo che ci sia stata un'organizzazione inadeguata all'interno della compagnia, soprattutto nel marketing, nella promozione, nella pianificazione e in altri settori. Dovremo analizzare i risultati da molti punti di vista".

"Analizzeremo nuovamente i nostri flussi aziendali e l'organizzazione per identificare le aree che devono essere migliorate, sia nello sviluppo che nell'area amministrativa".

Auguri a Capcom dunque: speriamo che trovi la falla e riporti Resident Evil nel gruppo dei titoli più venduti, dove merita di stare.

Vai ai commenti (22)

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (22)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza