Dark Souls 2: la difficoltà deve essere bilanciata con la soddisfazione

Parola di Yui Tanimura.

Una delle paure più grandi dei fan di Dark Souls è che la parola 'accessibilità' utilizzata per descrivere Dark Souls 2 si traduca con semplicità.

Parlando con GameInformer Yui Tanimura, il director del gioco, ha detto che non è così, ma è solo un modo per rendere l'essenza più pura del gioco maggiormente comprensibile.

"Se togliessimo la difficoltà dal gioco, non ci sarebbe più un gioco! Quello che abbiamo fatto è ricalibrare tutte le difficoltà per avere un miglior bilanciamento lungo tutto il gioco."

"Credo sia questo il lavoro principale svolto dal team per questo seguito," ha detto Tanimura. "Abbiamo speso tantissimo tempo a pianificare dove posizionare i nemici, la loro forza in modo che rappresentino sfide complesse, ma soddisfacenti da superare."

Dark Souls 2 arriverà su PC, PS3 e Xbox 360 nel marzo 2014.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Luca Forte

Luca Forte

Redattore

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza