GeForce GTX 770 - review

Il top della gamma Nvidia sotto la lente di ingrandimento.

La GeForce GTX 770 è la nuova nata in casa Nvidia che si pone come top di gamma del segmento intermedio della società di Santa Clara. Utilizza lo stesso chipset che abbiamo trovato nelle schede GTX 680, nome in codice Kepler, con delle modifiche alla frequenza di clock, un aumento del quantitativo di memoria e un prezzo più competitivo rispetto alle top di gamma della serie precedente. Cos'è quindi la GTX 770? Fondamentalmente una GTX 680 anabolizzata.

Abbiamo avuto modo di testare la versione con 2GB di DDR5 a bordo, anche se in commercio è possibile trovarne anche una versione da 4GB. Le differenze con la GTX 680 sono estetiche, con un nuovo blocco di dissipazione che ricorda quello che abbiamo potuto vedere sulle nuove Titan, frequenze di clock più alte impostate a 1046 MHz per la GPU che in fase di boost vengono portate a 1085MHz e a 1753 MHz per le memorie, lasciando comunque spazio all'overclock per chi volesse cimentarsi in questa pratica.

Il chipset Kepler delle GTX 770 è frutto del processo produttivo a 28nm, ovviamente ritroviamo la standard PCI- Express 3.0 bus a 256 bit per le memorie con un bandwidth di 224,4 GB/s. Mantenuti anche i 1536 processori CUDA con supporto all'Nvidia GPU Boost 2.0 che si prende carico dell'aumento di frequenza di clock della GPU. Rispetto alla serie precedente troviamo un consumo energetico leggermente maggiore: 230W rispetto ai 195W della GTX 680, la maggiore richiesta energetica necessita infatti di un connettore a 6 pin e uno a 8 pin, con un alimentatore consigliato dalla stessa Nvidia da almeno 600W.

"Sulla PCB troviamo due connettori SLI che rendono teoricamente possibile una configurazione quad-SLI"

Il nuovo layout esterno simile alle Titan risulta curato e bello da vedere, e la singola ventola è in grado di tenere le temperature sotto controllo pur mantenendo un buon livello di silenziosità. Per chi è interessato anche all'estetica, è da segnalare all'interno del case la presenza di un led luminoso verde che andrà a illuminare il nostro case al di sotto della scritta GeForce GTX posta sul lato della scheda. L'ingombro è di due slot, al prezzo dei quali troviamo quattro connettori video, due DVI dual-link, una Display Port e infine una HDMI. Chi fosse interessato a una configurazione multimonitor può stare tranquillo.

Sulla PCB troviamo due connettori SLI, quindi teoricamente è possibile configurare un quad-SLI anche se, per evitare problemi di configurazione e di portafoglio, sarebbe meglio limitarsi a due schede. La lunghezza della GTX 770 è di 27 centimetri, sarà quindi installabile senza particolari difficoltà su case middle tower, dato che i connettori per l'alimentatore sono posizionati lateralmente.

È sempre consigliabile munirsi degli ultimi driver WHQL per ottenere il massimo dalle nostre schede video, al momento della recensione sono stati utilizzati gli ultimi rilasciati in versione 320.18.

"Rispetto alla serie precedente abbiamo registrato un consumo energetico leggermente maggiore: 230W rispetto ai 195W della GTX 680"

2
Il settore collegamenti offre tutto il necessario: due DVI, una HDMI e una display port. Serve altro?

Per il test è stata utilizzata questa configurazione:

  • CPU: Intel i7 3930K@4.0GHz
  • MOBO: MSI X79A-GD65 8D
  • RAM: 16GB DDR3 Corsair Vengeance
  • HDD: 1x Corsair 128GB Force GT + 1HDD 500GB Sata3 Western Digital
  • PSU: Corsair AX1200W
  • OS: Windows 7 64 bit SP1
  • DirectX: 9/10/11
  • Driver: 320.18 WHQL

La temperature di idle rilevata è stata di 34 gradi, mentre dopo tutti i benchmark abbiamo raggiunto i 68 gradi. La temperatura massima sopportata dalla scheda è settata a 98 gradi. Come abbiamo già detto la scheda è risultata incredibilmente silenziosa, con un livello di rumorosità pressoché identico fra la fase di idle e quella di carico.

Software utilizzato per i benchmark:

  • Far Cry 3
  • Medal of Honor: Warfighter
  • Sleeping Dogs
  • Battlefield 3
  • Crysis 3
  • 3D Mark 11 Advanced

"La GTX 770 si è comportata in maniera perfetta con Far Cry, 3 anche a risoluzioni molto elevate come 2560x1600 pixel"

3
Esteticamente molto curata, con dettagli semplici ma d'effetto. Ecco la GTX 770.

Far Cry 3

Far Cry è stato utilizzato con impostazioni grafiche al massimo (Very High) e utilizzando le librerie DirectX 11. Anti-Aliasing MSAA 2x e filtro Anisotropico a 16x AF completano i settaggi. Le risoluzioni utilizzate sono state 1600x1200, 1920x1200 e 2560x1600.

Far Cry 3 è un bel test per le schede video, soprattutto con risoluzioni elevati e l'anti-aliasing MSAA attivato. La GTX 770 si è comportata in maniera perfetta anche a risoluzioni molto elevate come 2560x1600 pixel, considerando anche il segmento di vendita al quale appartiene.

Medal of Honor Warfighter

Medal of Honor: Warfighter è un FPS sviluppato da Danger Close Games e distribuito da EA che utilizza come motore grafico il Frostbite 2. Lo abbiamo avviato con impostazioni grafiche Ultra, Anti-Aliasing a 4x MSAA e DirectX 11 attivate. Le risoluzioni utilizzate sono state 1600x1200 pixel, 1920x1200 pixel e 2560x1600 pixel.

Sleeping Dogs

Sleeping Dogs è un gioco GTA style, ambientato a Hong Kong. Le impostazioni utilizzate sono state: grafica Alta Qualità, DirectX 11, Anti-Aliasing abilitato, filtro Anisotropico abilitato. Le risoluzioni utilizzate sono state 1600x1200 pixel, 1920x1200 pixel e 2560x1600 pixel.

Anche qui le prestazioni si sono attestate ben al di sopra dei 30 FPS, valore di riferimento per giocare in maniera ottimale.

"L'uscita della GeForce GTX 770 sorprende, in quanto non si tratta di una scheda basata su un nuovo chispet come la GTX 780 e le Titan"

Battlefield 3

Battlefield 3 è l'ultima incarnazione dell'FPS di DICE, il motore grafico anche in questo caso è il Frostbite 2. Il gioco è stato lanciato con dettaglio Ultra, DirectX 11 attivate, Anti-Aliasing a 4xMSAA, Filtro Anisotropico a 16x, HBAO attivato. Le risoluzioni utilizzate sono state 1600x1200 pixel, 1920x1200 pixel e 2560x1600 pixel.

Crysis 3

Ultimo capitolo FPS della saga di Crysis, mosso dal CryENGINE 3, in grado di renderizzare ambienti molto ampi con un elevato livello grafico. Probabilmente il gioco più al momento impegnativo per le schede video. Le impostazioni utilizzate: Grafica a livello molto alto, DirectX 11, Anti-Aliasing FX. Le risoluzioni utilizzate sono state 1600x1200 pixel, 1920x1200 pixel e 2560x1600 pixel.

L'unico gioco che è stato in grado di mettere in difficoltà la GTX 770 alla risoluzione 2560x1600px, anche se è sicuramente una risoluzione poco utilizzata: la media degli FPS è stata sotto i 30 FPS, da prendere come riferimento.

3D Mark 11 Advanced

Uno dei benchmark più noti per testare le schede video, abbiamo eseguito i test completi sia in modalità performance che in modalità extreme.

I risultati sono stati per quanto riguarda la modalità Performance: 10525 punti, per la modalità extreme di 3651 punti. Rispetto alla sua derivazione, la GTX 680, per la modalità performance c'è un incremento di circa 500 punti, per la modalità estrema di circa 300.

"GeForce Experience suggerisce le impostazioni da modificare per ottimizzare i giochi in base alla configurazione del PC"

Con l'ultima release dei driver Nvidia è stata resa disponibile una utility chiamata GeForce Experience, che permette di ottimizzare le impostazioni dei giochi in base alla configurazione del nostro PC, suggerendoci quali impostazioni modificare. Per i più pigri, è presente un tasto di ottimizzazione che svolgerà per noi tutto il lavoro. In estate verrà inoltre rilasciata anche una nuova utility di Nvidia chiamata Shadowplay, che la GeForce GTX 770 supporterà. L'utility permetterà di registrare e condividere sessioni di gioco fino a 20 minuti con un consumo minimo di risorse del PC, con codifica in HD attraverso il codec H.264

L'uscita della GeForce GTX 770 sorprende in quanto non si tratta di una scheda basata su un nuovo chispet, come la GTX 780 e le Titan, ma di un aggiornamento della GTX 680, prodotto che ad oggi non sfigura di fronte agli ultimi giochi usciti sul mercato. In questa nuova versione possiamo trovare un incremento globale del 10% in termini di prestazioni, grazie alle frequenze di clock aumentati e dalla memoria on board, a un prezzo inferiore.

Si tratta di una scheda esteticamente bella, con un ottimo sistema di raffreddamento e adatta anche a case non particolarmente grandi. In più la GTX 770, silenziosa e affidabile, consente di giocare a tutti i titoli più recenti o che usciranno nei prossimi mesi a una risoluzione di 1920x1200 pixel senza alcun pensiero. In alcuni casi, per chi fosse interessato, sarà possibile sperimentare senza problemi anche risoluzioni maggiori. Il prezzo di vendita di circa 300-350€ la rende anche un acquisto molto appetibile se siete alla ricerca di una nuova scheda che abbia davanti a se una certa longevità.

9 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (29)

Riguardo l'autore

Marco Ballabio

Marco Ballabio

Redattore

Adepto spirituale del Pastore fin dai tempi di TGM, è sempre alla ricerca dell’ultimo pezzo per completare il suo PC definitivo. Impresa, come quella di Dylan Dog e del suo galeone, infinita.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Pride Run è il videogioco che celebra i Pride di tutto il mondo

Ill 10% dei ricavi verrà donato per supportare le comunità LGBTQ+.

Fortnite e Batman insieme: Epic svelerà tutti i dettagli nella giornata di domani

Il Battle Royale festeggia così gli 80 anni dell'eroe di Gotham.

Commenti (29)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza