Miyamoto: una nuova IP la si fa col gameplay

Ecco spiegata la proliferazione di mascotte.

In una recente intervista a GameInformer, Shigeru Miyamoto, storico game designer in forza a Nintendo, ha spiegato una volta per tutte il motivo per il quale Nintendo non ha bisogno di investire maggiormente in nuove IP.

Per Miyamoto, infatti, un nuovo gioco o un nuova IP non si giudicano dai personaggi o le mascotte che sono inseriti in esso: "Ciò che fa nuovo un videogioco è il tipo di interazione che si ha con esso, a prescindere dal fatto che sullo schermo ci sia un idraulico o una scimmia. Quando pensiamo a un nuovo prodotto, ragioniamo prima sul tipo di gameplay, e solo successivamente a quale personaggio sarebbe più adatto a rappresentarlo."

In altre parole un "gioco di Mario" non è sempre la stessa solfa, perché una volta l'idraulico gioca a tennis, quella dopo salta le piattaforme e quella dopo ancora vive un'avventura ruolistica. I personaggi sono i medesimi, ma le esperienza offerte sono incredibilmente diverse e variegate.

Parola di Miyamoto.

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Luca Forte

Luca Forte

Redattore

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza