Sony Xperia SP - review

Il nuovo smartphone della serie Xperia alla prova dei fatti.

Sony ha da poco presentato il suo telefono di punta, l'Xperia Z, ma per quanto riguarda il segmento di fascia media non era stato ancora annunciato alcun prodotto, un vuoto che è stato colmato dal Sony Xperia SP. Trattasi di una derivazione del più potente Z e si presenta in forma rettangolare in tre varianti: bianco, rosso e nero.

Tutti i modelli presentano una barra traslucida nella parte inferiore, che cambia colore a in relazione alle azioni compiute da parte dell'utente o del verificarsi di determinati eventi. Gli angoli sono arrotondati e il profilo è in alluminio, mentre il vetro a protezione dello schermo è il classico gorilla glass. Si tratta di un vetro estremamente resistente quanto pesante, una caratteristica che va ad incidere sul peso complessivo del dispositivo, che si attesta a ben 155 grammi. Una caratteristica non troppo apprezzabile così come lo spessore, leggermente maggiore rispetto a quanto ci hanno abituato i dispositivi di recente uscita sul mercato.

Il display da 4.6 pollici è sicuramente generoso mentre nella parte superiore sono presenti i sensori della luce e la fotocamera frontale VGA. In basso a sinistra troviamo il microfono, in una posizione non particolarmente azzeccata: afferrando il telefono nella parte inferiore con la mano destra è facile andare a coprirlo interamente con le dita.

1
Il Sony Xperia SP nelle tre colorazioni disponibili, bianco, nero e ciliegia.

Come abbiamo accennato è presente anche una barra trasparente, di materiale plastico, che al suo interno ospita alcuni LED che si illuminano a ritmo di musica utilizzando il media player quando giochiamo o alla ricezione di un messaggio, di una mail o di una chiamata.

I pulsanti sono stati posizionati tutti sul lato destro del telefono: i primi sono dedicati alla regolazione del volume, quindi ne troviamo uno rotondo destinato all'accensione, allo spegnimento e al blocca schermo, mentre un altro tasto è dedicato all'avvio della fotocamera. Sul lato sinistro invece è presente solamente una porta micro-USB mentre il jack per le cuffie, da 3.5 millimetri, è posizionato nella parte superiore del telefono.

La cover posteriore, in plastica, è arrotondata e removibile e al suo interno sono disposti l'alloggiamento per la scheda SIM e uno slot microSD. Si nota l'impossibilità di rimuovere la batteria, precludendo la possibilità di sostituirla in autonomia quando comincerà a non essere più performante. Nella parte posteriore troviamo anche l'obiettivo della fotocamera ad 8 megapixel, dotato anche di microfono e flash LED.

"Il Sony Xperia SP, una derivazione del più potente Z, si in tre varianti: bianco, rosso e nero"

Lo schermo da 4.6 pollici ha una risoluzione di 720x1280 pixel ed è leggermente più piccolo (0.3 pollici), rispetto allo schermo dell'Xperia Z. Pur essendo sprovvisto di una risoluzione Full-HD, è presente il BRAVIA Engine 2 di Sony, per garantire una migliore visualizzazione di immagini e video. La resa visiva delle immagini e del testo è chiara, mentre i colori non sono particolarmente brillanti anche se nel complesso la gamma è buona: sicuramente un'opzione di bilanciamento del bianco sarebbe stata gradita. La regolazione automatica della luminosità compie comunque bene il proprio dovere, rendendo utilizzabile il telefono in qualsiasi condizione di luce. Anche sotto il sole diretto, con la luminosità portata al massimo è stato possibile vedere chiaramente il testo e le icone della dashboard Android.

2
Uno spaccato di come è assemblato il Sony Xperia SP, il gorilla glass a protezione dello schermo è anche il motivo del suo peso, la batteria posta subito sotto lo schermo non è possibile sostituirla autonomamente.

Il Sony Xperia SP viene fornito con il sistema operativo Android 4.1.2 Jelly Bean. Non è la versione più recente, anche se sicuramente verranno rilasciati aggiornamenti successivi da parte della casa madre. Sony ha modificato l'interfaccia di Android con una personalizzata, anche se non particolarmente modificata come invece accade con i dispositivi di HTC, Samsung o LG. Si tratta di una dashboard simile a quella vista anche sui tablet della casa giapponese, così da rendere unificata e sicuramente più intuitiva la gestione. La schermata di blocco offre anche una serie di tasti di scelta rapida per avviare direttamente il Walkman (per la riproduzione musicale) e l'applicazione della fotocamera. Tuttavia, a differenza del LG Optimus G, non è possibile personalizzare l'animazione di sblocco o modificare i collegamenti alle applicazioni.

"Il Sony Xperia SP viene fornito con il sistema operativo Android 4.1.2 Jelly Bean"

Un'altra modifica apportata da Sony è la tastiera on-screen, che non introduce grandi modifiche alla versione base: le parole suggerite nella parte superiore durante la digitazione variano in base alla lunghezza del testo che immettiamo, inoltre di default è attivato il feedback tattile alla pressione dei tasti.

L'Xperia SP offre la possibilità di utilizzare alcuni temi grafici, che modificano lo schema dei colori dei menù del telefono oltre alla schermata principale e allo sfondo della schermata di blocco. È possibile scegliere di aggiungere fino a sette "pagine" nella schermata principale e in queste pagine è possibile aggiungere scorciatoie per avviare le applicazioni installate o installare dei widget per le app che necessitano solo di colpo d'occhio, come ad esempio il meteo o l'andamento della borsa.

Il video ufficiale di presentazione del Sony Xperia SP.

Nella parte superiore dello schermo è possibile far apparire la finestra delle notifiche facendo scorrere il dito dall'alto verso il basso, ed è possibile attivare e disattivare immediatamente l'antenna Wi-Fi, quella Bluetooth, gli schemi sonori (Normale, Vibrazione, Silenzioso), attivare o disattivare il traffico dati e infine accedere al menù delle impostazioni. Ovviamente l'applicativo di riproduzione musicale è brandizzato Sony Walkman e non offre grandi funzionalità aggiuntive a quello di default di Android se non un'interfaccia più accattivante.

"Lo schermo da 4.6 pollici ha una risoluzione di 720x1280 pixel ed è più piccolo di 0.3 pollici rispetto a quello dell'Xperia Z"

Per quanto riguarda la navigazione in internet, il Sony Xperia SP viene venduto con installato direttamente Google Chrome, il che ha comportato la completa rimozione del browser di default di Android. Una scelta questa discutibile, in quanto Google Chrome sui dispositivi Android non supporta la riproduzione delle applicazioni in Flash, anche con l'apposito client Flash Player installato sul device. Pertanto, nel caso dobbiate riprodurre del contenuto in flash, sarete obbligati a installare un browser ulteriore scaricandolo dallo store Google Play.

Il parco delle applicazioni è comunque molto ricco: possiamo trovare un software per la creazione e il ripristino di Backup, un antivirus, il McAfee Security, NeoReader per la lettura e interpretazione dei codici QR, e TrackID, un software simile a Shazam per il riconoscimento musicale. Smart Connect consente di impostare un evento e delle impostazioni particolari al momento della connessione o disconnessione di un accessorio al telefono. L'Xperia Link è utile per condividere la connessione Internet con altri dispositivi Sony, mentre Wise Pilot è un navigatore per auto. Buon ultimo troviamo Sony Select, un app-store di Sony da affiancare a quello nativo Google Play.

3
Il Led colorato posto nella parte inferiore del telefono è personalizzabile per avvertirci di particolari eventi, come la ricezione di un messaggio o una chiamata.

Il pulsante Task Switcher consente di accedere agli ultimi applicativi eseguiti, aprendo sul lato destro una lista di icone selezionabili. Nel caso non volessimo avere una certa applicazione in questa lista sarà sufficiente scorrere il dito verso il lato per rimuoverla. C'è da dire che la rimozione da questa lista non comporta la chiusura effettiva del programma, che va comunque terminato dal task manager nel caso volessimo liberare la memoria occupata.

"È presente il Bravia Engine 2 di Sony, per garantire una migliore visualizzazione di immagini e video"

La fotocamera posteriore del Sony Xperia SP è da 8 MegaPixel, con autofocus e flash LED: non è presente una modalità di scatto a raffica come sul fratello maggiore Xperia Z ma almeno l'app che si occupa delle foto è ricca di funzionalità ed effetti, che ci verranno mostrati in un'anteprima a mosaico live, così da scegliere il migliore e quindi scattare a pieno schermo la foto. La modalità automatica si occupa di selezionare i valori migliori del sensore: in modalità normale, invece, è possibile andare a regolare diversi parametri come l'esposizione, il bilanciamento del bianco, i valori ISO e altro ancora. Ovviamente è possibile registrare anche filmati sia in modalità fotocamera sia in quella videocamera, ove sia presente uno stabilizzatore per minimizzare gli spostamenti dovuti al movimento delle mani in fase di scatto.

Le foto prese durante il giorno all'aperto sono state di buona qualità, anche se i colori risultano un po' troppo carichi. Al chiuso, con una buona illuminazione, i risultati sono stati altrettanto buoni mentre in penombra si notano alcune difficoltà con una perdita di grana dell'immagine. Il flash LED è poi in grado di intervenire in maniera utile solo su oggetti vicini e non su un ambiente ampio come può essere una stanza.

4
L'applicativo Sony Walkman per la riproduzione musicale utilizza anch'esso il led, scegliendo una colorazione abbinata ai colori dello sfondo.

La modalità automatica risulta più lenta di quella manuale, in quanto per stabilire i diversi parametri, dal momento della pressione del tasto allo scatto effettivo passa un secondo abbondante. L'Xperia SP è in grado di catturare video a 1080p, anche se non è disponibile la modalità HDR che troviamo invece nel comparto fotografico. Il tasto della fotocamera posto sul lato destro del telefono è in ogni caso modificabile per lanciare l'applicazione fotocamera in modalità foto o video. L'Xperia SP dispone poi di una fotocamera frontale VGA, utile per chi voglia effettuare video chiamate, altrimenti non verrà praticamente mai utilizzata.

L'Xperia SP è gestito da un processore da 1,7 GHz Qualcomm MSM8960Pro dual-core dotato di 1 GB di RAM e da un chip integrato Adreno 320 per l'elaborazione della grafica. Sono disponibili 8GB di memoria interna, espandibili fino a 32 attraverso l'installazione di una scheda MicroSD. Tuttavia, solo 5.37 GB degli 8 GB sono disponibili, visto che la parte restante è occupata dal software di sistema.

Con Android 4.1.2 Jelly Bean, l'esperienza complessiva di navigazione attraverso l'interfaccia è soddisfacente, veloce e reattiva, senza lag nel lancio di applicativi o giochi. Siamo stati in grado di riprodurre clip in full-HD in tutti i formati, tra cui MOV e AVI supportati nativamente dal telefono.

L'altoparlante del dispositivo offre un suono di buona qualità anche al massimo volume impostabile, anche se la possibilità di alzarlo ulteriormente sarebbe stata sicuramente gradita. Il telefono supporta anche il ClearAudio + che si occupa della regolazione del flusso audio per garantire un suono più chiaro durante la riproduzione musicale. Una caratteristica sicuramente apprezzata è poi la presenza di un sintonizzatore FM per ascoltare la radio.

"L'Xperia SP è dotato di una batteria da 2370mAh che consente una durata di circa 36 ore"

L'Xperia SP è dotato di una batteria da 2370mAh, adeguata al telefono considerando che il brand Walkman lo inquadra anche come lettore musicale oltre che come telefono, consentendo una durata di circa 36 ore con un uso sufficientemente intensivo nell'arco della giornata. Intendiamo un paio di ore di telefonate, un account email impostato in modalità push, l'ascolto di musica attraverso Spotify o radio FM, Facebook e WhatsApp. È possibile comunque intervenire sulle impostazioni del telefono quali la gestione dell'antenna, la regolazione della luminosità e terminando le applicazioni che non utilizziamo per aumentare ulteriormente la durata della batteria.

5
Stesso Scatto due telefoni diversi, è ben visibile come la fotocamera del Sony Xperia SP non produca foto convincenti sia per quanto concerne la definizione sia per la gamma cromatica. Confidiamo in un aggiornamento firmware quanto prima, per poter migliorare la qualità complessiva.

Il telefono è dotato di tecnologia NFC, che può essere utilizzata per trasmettere file ad altri telefoni cellulari abilitati e potrà essere utilizzata anche per effettuare pagamenti quando verranno attivati dei terminali abilitati. Il telefono supporta anche la connettività LTE (4G) dove presente.

Il Sony Xperia SP risulta essere un buon smartphone Android di fascia media. Tuttavia, a un prezzo di circa 400€, è possibile trovare device migliori sotto l'aspetto di alcune funzionalità, soprattutto per quanto riguarda la fotocamera e la qualità complessiva dello schermo, considerando che con l'uscita del Samsung S4, il modello precedente, l'S3 ha subito un taglio di prezzo che lo porta sulla stessa fascia di questo Sony Xperia SP. Che però offre caratteristiche differenti, come una qualità complessiva dei materiali con i quali è stato assemblato, e una durata della batteria davvero importante, tenendo in considerazione che alcuni difetti di gioventù potranno essere sistemati quanto prima con un aggiornamento firmware da parte di Sony.

7 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Marco Ballabio

Marco Ballabio

Redattore

Adepto spirituale del Pastore fin dai tempi di TGM, è sempre alla ricerca dell’ultimo pezzo per completare il suo PC definitivo. Impresa, come quella di Dylan Dog e del suo galeone, infinita.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Pride Run è il videogioco che celebra i Pride di tutto il mondo

Ill 10% dei ricavi verrà donato per supportare le comunità LGBTQ+.

Fortnite e Batman insieme: Epic svelerà tutti i dettagli nella giornata di domani

Il Battle Royale festeggia così gli 80 anni dell'eroe di Gotham.

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza