Il Dr. Zaheer Hussain dell'università di Derby ha dichiarato che gli sviluppatori degli MMORPG dovrebbero accorciare le quest principali dei loro giochi per prevenire il rischio di dipendenza per i giocatori.

Il tema è stato trattato nello studio "Social responsibility in online videogaming: What should the videogame industry do?", stilato, oltre che dal dottor Hussain, anche dal Dr. Shumaila Yousafzai della Cardiff Business School e dal Professor Mark Griffiths, direttore della International Gaming Research Unit.

Il testo sostiene che alcuni giocatori arrivino a giocare sessioni di 90 ore, sviluppando un attaccamento patologico al gioco. Una distinzione fondamentale viene fatta tra i giochi con un termine ben definito e gli MMORPG, che possono proseguire virtualmente all'infinito.

Secondo i ricercatori, la percentuale di giocatori affetta dalla patologia si attesterebbe tra il 7% e l'11%.

Riguardo l'autore

Emiliano Baglioni

Emiliano Baglioni

Redattore

Emiliano si affaccia al mondo dei videogiochi all’epoca del Vic 20. Vive la sua storia di giocatore pensando che prima o poi crescerà e mollerà il joypad, ma non abbandona mai la sua passione, che riesce in qualche modo misterioso a conciliare con tutto il resto.

Altri articoli da Emiliano Baglioni

Commenti (10)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

Warcraft: L'Inizio - recensione

La lotta tra Orchi e Umani prosegue al cinema.

Sony non sarà presente all'E3 2019

La compagnia non rimarrà però con le mani in mano.

N64 Classic Mini non rientra al momento nei piani di Nintendo

Lo conferma il presidente di Nintendo of America.

le ultime

Sony non sarà presente all'E3 2019

La compagnia non rimarrà però con le mani in mano.

N64 Classic Mini non rientra al momento nei piani di Nintendo

Lo conferma il presidente di Nintendo of America.

Secondo il CEO di GAME, l'early access incentiva la vendita delle edizioni speciali

La possibilità di giocare i titoli in anticipo attira molti utenti.

Pubblicità