La scorsa settimana abbiamo pubblicato i risultati dei sondaggi portati avanti sulle nostre pagine social per assegnare i premi ai migliori della titoli della generazione PS3, Xbox 360 e Wii. I risultati, com'era prevedibile, hanno diviso i lettori in molte delle categorie proposte, dando vita a interessanti discussioni.

Oggi siamo qui per presentare i risultati dei medesimi sondaggi condotti questa volta all'interno della nostra redazione. Visto il numero dei voti in alcune sezioni abbiamo registrato diversi pareggi, mentre in altri casi è emersa prepotentemente la grande varietà di opinioni che caratterizza il nostro team. Siete curiosi di scoprire le nostre preferenze? Continuate a leggere e troverete la risposta a ogni vostra domanda. Vi aspettiamo nei commenti per tutti i feedback del caso!

MIGLIOR PROTAGONISTA

Sono stati tanti i nomi fatti in questa categoria, a dimostrazione di quante figure interessanti siano state create dagli sviluppatori durante la lunga e prolifica generazione PS3/360/Wii. A spuntarla sulla concorrenza è stato John Marstron, eroe di quel Red Dead Redemption rimasto nel cuore di buona parte della redazione. Al secondo posto si è piazzato invece Joel di The Last of Us, le cui scelte nel corso dell'avventura dei Naughty Dog hanno saputo convincere diversi di noi. Il terzo posto spetta agli eroi di tanti altri giochi, tra i quali menzioniamo Garcia Hotspur (Shadow Of The Damned), Rex Colt (Far Cry 3: Blood Dragon) e l'italianissimo Ezio Auditore di Assassin's Creed II.

MIGLIORE SCENEGGIATURA

Secondo la redazione di Eurogamer.it, la categoria della miglior sceneggiatura è stata dominata da due titoli particolarmente apprezzati anche dai lettori: The Last of Us e The Walking Dead. Ad aggiudicarsi il premio, tuttavia, è stato il titolo dei Naughty Dog per appena un voto, lasciando l'opera sviluppata dai TellTale sul secondo gradino del podio, seguita Mass Effect 2, Red Dead Redemption e GTA V che condividono il terzo posto.

MIGLIORE AMBIENTAZIONE

Tra le tante ambientazioni che abbiamo esplorato nel corso di questa generazione ce n'è stata una che ha conquistato la maggior parte dei voti. Si tratta dell'utopica e terrificante Rapture di BioShock, che ha saputo ammaliare con la sua immagine pallida e ammuffita di un sogno naufragato trasformatosi in una grottesca tragedia. Al secondo posto si è piazzato Mass Effect 3, che al netto delle polemiche relative al finale ha sicuramente avuto il pregio di immergere i giocatori in un'eccellente ambientazione fantascientifica. Anche in questo caso il terzo gradino del podio risulta particolarmente affollato, visto che ogni elemento della redazione ha votato per un titolo differente. Tra le medaglie di bronzo citiamo le lande di Skyrim, l'Italia di Assassin's Creed II, Columbia di BioShock: Infinite, Batman: Arkham City e le oscure e pericolose ambientazioni di Dark Souls.

MIGLIOR GAMEPLAY

"Portal è un'esperienza stimolante, divertente e splendidamente bilanciata"

A meritare questo ambito trofeo, secondo la redazione di Eurogamer.it è stata la saga di Portal, comprensiva del primo "piccolo" esperimento e del ben più vasto e completo sequel. Valve è riuscita a creare un'esperienza stimolante, divertente e splendidamente bilanciata, mescolando elementi tipici degli FPS con la genialità dei rompicapo. I secondi classificati, che hanno cercato fino all'ultimo di contendere il primo posto alla perla Valve, sono Super Mario Galaxy, Dark Souls e The Last of Us. Sul terzo gradino del podio, in ordine sparso, troviamo il frizzante Bayonetta, Diablo III e Batman: Arkham City.

MIGLIOR GRAFICA

Il premio per la miglior grafica è stato quello che ha meno diviso la redazione. Nonostante si dovesse confrontare con un mostro di potenza del calibro di Crysis 3 o con un gioiello di stile come Ni No Kuni, The Last of Us è stato votato da ben 7 redattori. Gli altri contendenti, arrivati secondi a pari merito, erano GTA V, God Of War: Ascension e Crysis 2.

MIGLIOR MULTIPLAYER

Il re del multiplayer per la redazione di Eurogamer.it, in particolar modo sul fronte competitivo, è Battlefield 3, che è riuscito a spuntarla per un unico voto sul rivale storico, Call of Duty 4: Modern Warfare, piazzatosi al secondo posto. Il resto dei voti è stato frammentato su un numero importante di nomi differenti, tra i quali meritano una menzione d'onore il fantastico Left 4 Dead, Borderlands 2, Halo: Reach e, a sorpresa, Journey.

MIGLIOR COLONNA SONORA

"Sorprende l'assenza di Nintendo tra le colonne sonore"

Quali sono le musiche dei videogiochi che sono rimaste impresse nell'immaginario di noi redattori? Ovviamente ce ne sono state moltissime ma a raccogliere il numero maggiore di voti è stata la saga di Mass Effect, seguita a ruota da GTA V. Al terzo posto, in ordine rigorosamente sparso, troviamo Portal (Still Alive!), Child of Eden, Fez, Assassin's Creed II, BioShock e Red Dead Redemption. Sorprende l'assenza di giochi Nintendo. Le saghe di Mario e Zelda da sole contengono musiche davvero memorabili ma evidentemente nella generazione che si avvia lentamente alla conclusione siamo rimasti colpiti da altri tipi di sonorità.

MIGLIOR PICCHIADURO

La sezione dedicata ai picchiaduro è stata un'altra in cui il giudizio della redazione è stato particolarmente unito. Gran parte dei redattori ha infatti votato Street Fighter 4 miglior picchiaduro della generazione, probabilmente riconoscendogli il merito di aver riportato in auge un genere da anni abbandonato nel dimenticatoio. Altri nomi, tuttavia, sono stati gettati nell'urna e alcuni di questi avrebbero tranquillamente potuto ambire al titolo. Oltre al ritorno di Ryu e soci, infatti, la redazione ha tirato in ballo Virtua Fighter 5: Final Showdown, Tatsunoko Vs. Capcom e Mortal Kombat.

MIGLIOR GIOCO INDIE

Sono state poche le categorie in cui il vincitore è emerso in modo chiaro e inequivocabile. Tra i giochi Indie il successo di Journey è stato a dir poco schiacciante, visto che il titolo sviluppato da ThatGameCompany ha raccolto da solo quasi il 50% dei voti. Il meritatissimo secondo posto è andato all'affascinante Brothers: A Tale of Two Sons, uscito pochi mesi fa ma immediatamente amato da molti di noi. La medaglia di bronzo è spettata all'ottimo Braid, a Terraria e al nostalgico Legend of Grimrock.

MIGLIOR GIOCO CASUAL

"Wii Sports è stato l'apripista di un mercato completamente nuovo"

In una generazione in cui Nintendo ha portato i videogiochi nella casa dei casual gamer, quale titolo poteva aggiudicarsi il premio in questa categoria? Naturalmente Wii Sports, vero e unico apripista di un mercato completamente nuovo che ancora oggi gli hardcore gamer faticano ad accettare. Il gioco sportivo multievento realizzato da Nintendo e venduto in bundle con il Wii è stato votato da circa il 60 per cento della redazione. Gli altri titoli gettati nella mischia sono stati Peggle, Angry Birds, Skylanders e Pac Man: Championship Edition, ma sinceramente non c'è mai stata sfida.

MIGLIOR PLATFORM

Eccoci arrivati alla categoria non votata da voi lettori. La difficile votazione per scegliere il miglior platform della generazione ha premiato con convinzione l'eccezionale Rayman Legends, nonostante le versioni PS3 e Xbox 360 non offrissero tutte le caratteristiche apprezzate su Wii U e PS Vita. Al secondo posto troviamo un Super Mario Galaxy premiato da tre membri del team, mentre al terzo posto, a pari merito, si piazzano Donkey Kong Country Returns, Braid e LittleBig Planet.

MIGLIOR GIOCO SPORTIVO

Pochi nomi e tanti seguiti hanno tenuto banco nella categoria degli sportivi. Probabilmente nessuno di voi rimarrà sorpreso scoprendo che ad aggiudicarsi il titolo di miglior gioco sportivo è stata la serie di FIFA, ma qualcuno potrebbe trasalire leggendo che sono stati in molti a preferire FIFA 10 all'episodio uscito solo di recente anche sulle console next-gen. A una certa distanza segue la serie di NBA 2K, a sua volta tallonata da Fight Night (Round 3 e 4).

MIGLIOR GIOCO DI CORSE

"La categoria dei giochi di corse ha assistito all'ennesima spaccatura della redazione"

La categoria dei giochi di corse ha assistito all'ennesima spaccatura della redazione. Mentre due blocchi abbastanza compatti hanno deciso di premiare Forza Motorsport 4 (vincitore del titolo) e Race Driver GRID (saldamente al secondo posto), il resto del team ha dato la propria preferenza a una gamma di giochi dal carattere eterogeneo. La medaglia di bronzo va infatti a Mario Kart Wii, Need for Speed: Shift 2, Need for Speed: Most Wanted (2005), Need for Speed: Hot Pursuit e a F1 2013.

MIGLIOR GIOCO D'AZIONE

La battaglia per aggiudicarsi il titolo di miglior gioco d'azione è stata particolarmente combattuta ma ha visto uscire vincitore Uncharted 2, indubbiamente il capitolo migliore della trilogia sviluppata da Naughty Dog. L'intensità dello scontro appare evidente nel momento in cui si osserva il secondo gradino del podio, occupato da nomi del calibro di Dark Souls, Batman: Arkham City, The Last of Us e GTA V. A osservare dal basso, infine, troviamo Red Dead Redemption e Uncharted 3.

MIGLIOR GDR

Mai come in questa generazione abbiamo assistito allo scontro diretto tra i GDR di stampo occidentale e quelli giapponesi, i cui esponenti migliori sono probabilmente usciti su Wii. A quanto pare la redazione di Eurogamer è rimasta maggiormente colpita dalla scuola occidentale, visto che secondo le nostre votazioni il gradino più alto del podio è occupato da Skyrim, The Witcher 2 e solo terzo Ni No Kuni. Tra gli inseguitori, a pari merito, troviamo titoli altrettanto eccezionali come Fallout 3, Dragon Age: Origins, Mass Effect (rigorosamente il primo) e l'affascinante Xenoblade Chronicles.

MIGLIOR FPS

"I voti della redazione nella categoria degli FPS si sono concentrati su pochi titoli"

La categoria degli FPS era particolarmente affollata ma nonostante questo i voti della redazione si sono concentrati su pochi titoli. A svettare sopra ai diretti concorrenti è stato Borderlands 2, forte del suo gameplay ripetitivo ma pericolosamente ipnotico e dello stile unico che tanti giocatori ha saputo conquistare. Al secondo posto, stretti stretti e vicini vicini, troviamo Bioshock, Bioshock: Infinite e Battlefield 3. A dividersi la medaglia di bronzo, invece, sono i frizzantissimi Battlefield: Bad Company e Far Cry 3: Blood Dragon.

MIGLIOR GIOCO DI STRATEGIA

Anche nella categoria degli strategici l'assegnazione del titolo è stata piuttosto semplice, visto che gran parte della redazione ha votato XCOM: Enemy Unknown senza pensarci due volte. Il resto della ciurma di Eurogamer ha preferito dare il proprio voto ad altri nomi, tirando in ballo perle del calibro di Valkyria Chronicles per PS3, Fire Emblem Radiant Dawn per Wii e Civilization Revolution.

GIOCO DELLA GENERAZIONE

Ci siamo. Finalmente è arrivato il momento di scoprire qual è stato il miglior gioco della generazione PS3/360/Wii secondo la redazione di Eurogamer.it. Appena una settimana fa voi lettori avete scelto di premiare Naughty Dog per lo splendido The Last of Us, uno dei pochi giochi ad aver ottenuto il massimo dei voti su questo sito. A sorpresa la maggioranza della redazione ha deciso di dare la propria preferenza a GTA V, premiando il titolo Rockstar con la più alta delle onorificenze.

Al secondo posto, poco distanti e a pari merito, si sono piazzati The Last of Us e l'amatissimo Dark Souls. Il titolo di From Software accetta la medaglia d'argento con non pochi rimpianti, visto che un membro della redazione ha preferito dare il proprio voto a quel Demon's Souls che su PS3 divenne un vero fenomeno di massa. Se solo quella preferenza fosse andata al più raffinato seguito, il primo gradino del podio non sarebbe stato occupato da GTA V in completa solitudine. Tra gli altri giochi votati ricordiamo il primo Gears of War (responsabile di aver profondamente influenzato un intero genere), BioShock, Fez e Wii Sports.

Giochi trattati in questo articolo

BioShock

Portal

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Altri articoli da Filippo Facchetti