La Corte conferma: legittimi i sistemi anti-pirateria di Nintendo

Il giudizio Ŕ stato dato nell'ambito del caso Nintendo contro PC Box

1

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea (CGUE) ha confermato la legalità dei sistemi anti-pirateria utilizzati da Nintendo all'interno delle proprie console.

La disputa ha origine dalla querela di Nintendo nei confronti di PC Box, colpevole secondo l'azienda di "distribuire dispositivi di elusione delle misure di sicurezza dei giochi Nintendo, finalizzati a rendere possibile la fruizione di copie non autorizzate di videogiochi originali", come leggiamo nel comunicato ufficiale giunto in redazione.

Nintendo ha inoltre affermato di voler continuare la propria azione di fronte al Tribunale di Milano, che ha commissionato il rinvio alla CGUE, "al fine di raggiungere una decisione ponderata nel giudizio civile tra Nintendo e PC Box".

"Nintendo conferma che la commercializzazione di dispositivi di elusione viola la legge sul copyright, così come altre leggi sulla proprietà intellettuale", conclude il comunicato.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Tabai

Matteo Tabai

Redattore

╚ un ragazzo abbastanza alto, appassionato di videogiochi, musica, montagna e buon cibo. Onnivoro sia a tavola che con un controller in mano, ha l'assurda pretesa di fare dei videogames la sua professione. Chi vivrÓ, vedrÓ.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza