I mod, croce e delizia degli smanettoni PC più incalliti, non passano mai di moda nonostante molti produttori negli ultimi anni abbiamo ridotto il loro supporto alle community più attive. Anche se rimane un argomento riservato quasi esclusivamente ai possessori di home computer, abbiamo pensato fosse più che opportuno dedicar loro una rubrica all'interno di Eurogamer.it. Ad occuparsene non poteva essere altri che il nostro Matteo "Elvin" Lorenzetti, che si prenderà la briga di segnalarvi le uscite più interessanti per i titoli più recenti, ma anche i progetti di maggiore successo degli anni passati capaci di dare nuova linfa a schifezze conclamate.

Buona lettura!

Shogun 2 - Darthmod

Poiché gli strategici non sono particolarmente in auge negli ultimi tempi, partiamo con Total War: Shogun 2. L'ultimo Rome di Creative Assembly è infatti ancora abbastanza fresco e nonostante l'ampia comunità di modder sia già al lavoro su molti progetti interessanti, si sono visti pochi mod realmente concreti. Shogun 2 è invece in pista da due anni e i progetti interessanti non mancano. Uno di questi è il Darthmod, storico marchio di altre modification realizzate in passato per altri strategici della serie Total War, che punta a migliorare il più possibile il realismo del gameplay togliendo di mezzo quante più contaminazioni arcade possibili.

1
La dinamica delle mischie non è l'unico aspetto ad essere stato migliorato nel Darthmod per Shogun 2.

Questo si traduce in numerose novità introdotte durante gli scontri in tempo reale: le mischie sono ora più violente con cambi di fronte repentini e movimenti delle formazioni più coordinati rispetto alla marmellata di unità che spesso caratterizza alcuni scontri. All'interno delle mischie si notano anche duelli uno contro uno più lunghi ed evoluti, per non parlare della gestione degli arcieri e delle concentrazioni di frecce in volo. Anche il gameplay degli assedi è stato reso più difficile avvantaggiando i difensori, mentre le battaglie navali beneficiano di nuovi effetti di fumo che rendono più difficili individuare le navi nemiche. Non solo: economia migliorata, evoluzione tecnologica delle fazioni finalmente bilanciata e un sacco di migliorie sparse a estetica e sostanza del gameplay ne fanno uno dei mod perfetti per tirare fuori dalla custodia il DVD ammuffito di Shogun 2.

F1 2013 - True to Life AI

Quella dell'intelligenza artificiale di tutti gli F1 della serie Codemasters è un argomento spinoso, vista la disastrosa coerenza dei tempi dei nostri avversari virtuali in F1 2010 e 2011. Solo con l'arrivo di F1 2012 e 2013 gli sviluppatori inglesi hanno progressivamente migliorato il comportamento dei nostri concorrenti. Nonostante questo è abbastanza chiaro a tutti che i limiti del gioco siano dovuti a un modello d'intelligenza artificiale ingessato basato su tabelle predefinite pensato per non gravare sulle CPU delle vecchie console. A causa di queste limitazioni, molte incoerenze sono arrivate anche nell'ultima versione del gioco e sono sopravvissute a numerose patch.

2
Un incidente causato dall'IA di F1 2013 in cui non è coinvolto il pilota? Roba da non credere ai propri occhi.

A provare a correggere questi difetti, anche se non eliminandoli completamente, pensa il True to Life AI mod che cambia proprio il comportamento dei nostri avversari. La lista delle modifiche è lunga: la più importante è la correzione dei punti di frenata in base al livello di difficoltà prescelto, eliminando la facilità di compiere sorpassi in determinati punti di molte piste. Ora i piloti avversari sono propensi a rischiare di più e commettere errori da soli o in gruppo causando incidenti che nella versione liscia di F1 2013 capitavano molto (troppo) di rado.

È stata cambiata la velocità con cui si usurano le gomme per rendere le gare più interessanti e permettere di giocare con le strategie, ma anche modificato il sistema di penalità per collisioni e tagli di chicane e introdotte tutta una serie di modifiche per migliorare il realismo delle gare di un titolo che non si è mai riuscito ad esprimere al massimo delle proprie possibilità proprio per questo motivi. Il responso degli utenti è stato ottimo e per questo motivo ve lo riproponiamo in questa sede.

XCOM Enemy Unknown - Random Alien Pods

L'ultimo XCOM Enemy Unknown è stato un gioco molto apprezzato da critica e pubblico per come ha saputo riportare in auge, soprattutto su console, il genere degli strategici turni: grazie a un sistema di controllo raffinato e meccaniche di gioco alleggerite rispetto alla complessità del passato, i Firaxis sono riusciti a sdoganare con successo un marchio che molti ritenevano ormai sepolto da altri generi di maggiore successo. Nonostante questo, anche quest'ultimo Enemy Unknown ha i suoi limiti e uno di questi è la prevedibilità di una partita: rigiocando la campagna o missioni singole, gli scontri hanno un sapore di déjà-vu piuttosto netto, sia per il posizionamento degli alieni, sia per la loro tipologia.

3
Stufi di trovare sempre i soliti alieni nei soliti punti? Il Random Alien Pods mod per l'ultimo XCOM è quello che fa al caso vostro.

Il mod Random Alien Pods rimedia a questo problema generando all'inizio del round il posizionamento casuale di alieni singoli o pattuglie in più rispetto a quelli predefiniti. Gli effetti di questa modification sono essenzialmente due: la prima è una rigiocabilità nettamente migliorata dovuta al fatto che le insidie possono celarsi dietro un angolo diverso ad ogni partita. La seconda è che il gioco è diventato molto più difficile di prima in quanto, mediamente, per ogni singola mappa del gioco completo o anche dei DLC, ci sono almeno 6-8 alieni in più con cui fare i conti. L'installazione di questo mod va quindi a cambiare sensibilmente il livello di difficoltà complessivo, per cui tenetene conto se state giocando un'intera campagna e volete complicarvi ulteriormente la vita. Grazie a questa modification riuscirete perfettamente nell'intento.

The Witcher 2 - Saves for all outcomes

The Witcher 2 è senza dubbio uno dei migliori RPG mai pubblicati negli ultimi anni e sotto molti punti di vista un gioco di grande qualità anche su console, grazie a una realizzazione tecnica di alto livello. Oltre ad un gameplay eccellente, uno degli aspetti che hanno decretato il successo di questa produzione sono i finali aperti che vengono decisi in base alle scelte compiute dal giocatore nel corso dell'avventura. Va bene la varietà, ma rifarsi il gioco otto volte per vedere tutti i finali possibili è effettivamente un po' troppo.

4
Rigiocarsi the Witcher per otto volte di fila per vedere i vari finali è effettivamente piuttosto impegnativo: con l'All Ending Savegames mod risolverete brillantemente il problema.

Per questo motivo, un gruppo di avventurieri l'ha fatto per voi integrando in un unico pacchetto tutti e otto gli starting point dell'ultima sequenza chiamato Saves of all outcomes. Come simpatico bonus troverete un Geralt pompatissimo come statistiche e dotato di armi e armature epiche tra le più potenti presenti nel gioco con cui divertirvi nello scontro finale.

Far Cry 3 - Rebalanced

Far Cry 3 è sicuramente stato uno dei titoli più belli da vedere del 2012 e anche uno dei più divertenti. Tuttavia, le mirabolanti avventure del giovane protagonista sono state considerate da molti, compreso il sottoscritto, un po' troppo facili da portare a termine al massimo livello di difficoltà. Per questo motivo non sono mancati i mod che alteravano i rapporti di forza tra il giocatore e i balordi che popolano l'isola: uno dei migliori in questo senso è sicuramente Far Cry 3 Rebalanced che punta ad alzare il realismo e quindi anche il livello di difficoltà generale, pur senza snaturare Far Cry 3 nel suo gameplay di fondo.

5
Le sparatorie di Far Cry 3 non sono mai state considerate particolarmente difficili, fino all'arrivo del Rebalanced Mod.

I cambiamenti effettuati sono decine: i più importanti riguardano i danni delle armi e la loro precisione che rendono le sparatorie meno ripetitive e soprattutto molto più rischiose (per voi). In seconda battuta, è stata tolta dalla minimappa la posizione dei nemici rendendo le imboscate difficili da eseguire e il movimento più in generale molto più rischioso. A bilanciare tutto questo, molte armi, ricette e abilità sono state sbloccate sin dall'inizio rendendo la parte iniziale dell'avventura leggermente meno noiosa e in effetti la scelta pare funzionare bene: in questo senso il Rebalanced mod sembra un'ottima soluzione per chi voglia una sfida più impegnativa o desideri ricominciare l'intera campagna single player senza avere l'intenzione di partecipare a una gita fuori porta.

Skyrim - SkyMoMod V12

Nel caso, piuttosto improbabile, che il bestiario di Skyrim non vi soddisfi completamente, lo SkyMoMod V12 potrebbe essere il pacchetto capace di risollevare la monotonia delle vostre sessioni di roleplay. Si tratta di una modification piuttosto corposa che introduce centinaia di nuove creature con cui avere accesi scambi d'opinioni a cielo aperto a anche all'interno dei dungeon.

6
Centinaia di creature diverse sono un buon incentivo a riprendere in mano Skyrim. Alcune menano come fabbri, altre pure.

Oltre alla rappresentazione grafica discreta quanto a texture e animazioni, è importante considerare il fatto che ogni creatura inserita nello SkyMoMod V12 dispone di armi d'attacco particolari assenti nel gioco e persino d'incantesimi inediti. Per i fan dei draghi, sappiate che questa modification ne introduce una settantina (!) con diverse varianti per capacità d'infliggere danni e resistenza ai nostri attacchi. Non solo, nel mod sono presenti anche creature estemporanee che poco hanno a che vedere con l'ambientazione di Skyrim ma di cui scoprirete presto la letalità.

Riguardo l'autore

Matteo Lorenzetti

Matteo Lorenzetti

Redattore

Dopo dieci anni di The Games Machine, approda finalmente alla redazione di Eurogamer.it. Onnivoro per quanto riguarda i generi, predilige sparatutto, giochi di guida ed RTS.