Nell'ultimo dev diary i Creative Assembly spiegano come hanno ricreato la particolare atmosfera del film di Ridley Scott nel loro Alien: Isolation.

Definito "low-fi sci-fi", lo stile fantascientifico del gioco non è di tipo moderno, non troveremo schermi LCD, touch screen o ologrammi, ma una tecnologia analogica, più semplice e vecchio stile.

L'idea è quella di non realizzare nulla che non si sarebbe potuto trovare sul set di Alien nel 1979.

Questo ha delle ripercussioni non solo sullo stile visivo, ma anche sul gameplay: lo strumento per la rilevazione del movimento, ad esempio, è un apparecchio ingombrante, pesante, e non può essere utilizzato contemporaneamente ad un'arma.

Ci ritroveremo in "un mondo in cui la tecnologia non può salvarti", spiegano gli sviluppatori.

Alien: Isolation arriverà il 7 ottobre su PC, PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One.

Riguardo l'autore

Elio Cossu

Elio Cossu

Redattore

Morso da un C64 radioattivo in tenera età, si trasforma lentamente in un videogiocatore accanito e nerd di un certo livello. Lo si trova spesso a frugare tra i giochi indie alla ricerca di qualche perla nascosta.

Altri articoli da Elio Cossu