Ancora previsioni in perdita per Sony

Anche quest'anno il trend è negativo, ma c'è un segnale di ripresa.

Bene il mercato videoludico per Sony, male tutto il resto. Questo è quanto emerge dalle previsioni finanziarie del colosso nipponico anche per l'anno in corso.

Nonostante la multinazionale abbia affermato che si aspetta una crescita nelle vendite per il 2014 dello 0.4%, ha anche previsto una perdita netta di 50 miliardi di yen (circa 490 milioni di dollari) durante quest'anno fiscale.

Si tratta però di un segnale di ripresa rispetto ai 128.4 miliardi di yen (1.25 miliardi di dollari) di perdita annunciati per l'anno fiscale conclusosi lo scorso marzo.

La divisione giochi è quella in attivo, grazie soprattutto a PlayStation 4, e sarà quella che trainerà l'economia della società, dato che gli altri settori rimangano in passivo.

Sony si aspetta che tutte le sue console domestiche, vale a dire PS4, PS3 e PS2, possano vendere complessivamente 17 milioni di unità rispetto ai 14.6 milioni di pezzi dell'anno passato. A queste cifre si aggiunge, ovviamente, anche PS Vita, Vita TV e PSP, dispositivi però visti in forte calo, con una diminuzione da 4.1 milioni a 3.5 milioni di unità. Le vendite totali di software sono previste in aumento da 347 milioni a 390 invece.

Kaz Hirai, CEO di Sony, svelerà le strategie di mercato a lungo termine durante il 22 maggio. Quali sorprese ci aspettano?

Vai ai commenti (9)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Marco Gatto

Marco Gatto

Redattore

Si avvicina ai videogiochi grazie a suo papà, incallito videogiocatore. Inizia a smanettare sin dalla tenera età con Intellivision e Atari VCS 2600. Da lì in poi, l’amore viscerale per i videogiochi non si è più assopito.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGamescom 2019: Project x Cloud - prova

Abbiamo testato il servizio di cloud gaming di Microsoft!

ArticoloGamescom 2019: Marvel's Avengers - prova

In occasione della Gamescom abbiamo potuto provare il titolo per la prima volta.

ArticoloGamescom 2019: Shenmue III - prova

Quando la nostalgia vince su tutto.

ArticoloDeath Stranding: il tempo per “spiegarlo” sta finendo - editoriale

Kojima sembra perdere tempo aspettando l'inevitabile: “scoprire” che Death Stranding è soltanto un videogioco.

Articoli correlati...

Commenti (9)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza