Valiant Hearts: The Great War - prova

Ubisoft ci porta al fronte.

Milano - Dopo il bellissimo Child of Light, Ubisoft si rimette al lavoro con l'UbiArt Framework per portare sulle console di nuova e vecchia generazione, più l'immancabile PC, una nuova avventura, che va a pescare storie e tematiche della Prima Guerra Mondiale e le reinventa sotto forma di un'avventura grafica dal sapore moderno, con qualche sprazzo di rhythm'n game e di gioco d'azione.

In questo caso non seguiremo le gesta di un unico soldato, magari nerboruto e molto arrabbiato, ma vivremo la storia di quattro persone normali, la cui vita è stata in qualche modo stravolta dalla guerra.

Abbiamo Emile, un vecchio fattore, che viene strappato dall'affetto di sua figlia e dalla sua terra per essere gettato al fronte a difendere il suo paese. E poi c'è Karl, suo cognato, rispedito con la forza in Germania perché diventato improvvisamente un nemico.

Freddie è invece un americano che per qualche oscuro motivo si è arruolato nell'esercito francese e combatte con foga i tedeschi. Infine c'è Anna, un'infermiera, che seguendo la propria vocazione si reca al fronte ad aiutare moribondi e feriti. A fare da collante tra tutte queste persone c'è anche il simpatico Walt, un pastore tedesco talmente in gamba che Rex al suo confronto sembra Dudù.

1
Gran parte della trama viene narrata attraverso scene animate che strizzano chiaramente l'occhio alle tavole a fumetti.

Ovviamente le storie di queste quattro persone si intrecceranno presto in maniera indissolubile andando a dipingere un affresco della guerra un po' meno banale e standardizzato di quello offerto dallo sparatutto di turno.

"Non seguiremo le gesta di un unico soldato nerboruto, ma vivremo la storia di quattro persone normali"

Questo senza esagerare coi toni cupi o le atmosfere opprimenti, ma anzi lasciandosi andare a qualche divertente divagazione, magari sulle note delle più famose canzoni del tempo.

Grazie a questi cambi di tono, ma anche a quelli di ritmo, gli sviluppatori hanno messo in piedi un'avventura divertente, che si lascia giocare piacevolmente. Lo stile e il gameplay potrebbero ricordare quello di The Cave, divertente avventura dei Double Fine, un gioco nel quale gli enigmi non sono più legati ad un vastissimo inventario con tanti oggetti da combinare tra di loro nella maniera più originale possibile, come nei giochi della compianta LucasFilm, ma sono basati più sulla capacità del giocatore di individuare gli oggetti nascosti per i livelli ed utilizzarli nella giusta sequenza.

A volte dovrete trovare la chiave inglese necessaria ad abbassare il crick che tiene bloccata una macchina, altre dovrete spostare un armadio per trovare le scale nascoste dietro.

2
Emile è stato costretto a mollare la figlia e la fattoria per arruolarsi nell'esercito francese.

Dopo l'introduzione di Walt gli enigmi e i puzzle acquisiscono un'ulteriore strato, dato che sarà possibile impartire al cane dei semplici comandi che vi consentiranno di procedere lungo l'avventura.

"Artisticamente, il gioco ha carattere da vendere"

Il cagnolone, infatti, potrà intrufolarsi all'interno di stretti pertugi per raggiungere zone altrimenti inaccessibili, o potrà tirare delle leve o muovere degli oggetti mentre il protagonista sarà impegnato in altri punti della mappa. Walt potrà persino distrarre i soldati nemici in modo da consentire, nelle brevi fasi stealth, di muoversi inosservati.

Altri intermezzi sono rappresentati da alcuni rhythm'n game in stile Guitar Hero o alcune fughe in macchina in stile arcade anni '90.

Dal punto di vista 'ludico' il gioco non è complesso, anzi, Valiant Hearts: The Great War si propone come un'altra esperienza, similmente a Child of Light, adatta a tutta la famiglia, anche grazie ai generosi check point e ai suggerimenti che si possono sbloccare nel caso in cui si rimanga impantanati da qualche parte.

3
Le cure di Anna sono somministrabili attraverso una sorta di rhythm'n game che richiama Guitar Hero.

Tutti suggerimenti che si possono limitare nelle opzioni selezionando la modalità 'hardcore', ma abbiamo come l'impressione che se qualcuno cerca questo genere di esperienza nel prodotto di Ubisoft è un po' fuori strada.

"Un affresco della guerra un po' meno banale e standardizzato del solito"

Perché il fulcro di tutto è da ricercare nelle atmosfere, nella storia romantica, nella capacità di raccontare fatti drammatici, ma con un piglio leggero e un sano ottimismo di fondo.

Artisticamente il gioco ha carattere da vendere. L'UbiArt Framework riesce anche in questo caso a dare agli artisti di Ubisoft gli strumenti giusti per dipingere un affresco originale e riconoscibile, una sorta di fumetto in movimento con tratti marcati e colori uniformi.

Il risultato è molto piacevole e funzionale, tanto che durante i dialoghi e le scene di intermezzo non viene cambiato il registro e bastano pochi balloon per far passare lo scambio di battute.

4
Il gioco cerca di raccontare la guerra dal punto di vista di persona normali, non il classico super-soldato.

Un narratore esterno, doppiato completamente in italiano, e un ottimo accompagnamento musicale, che spazia da brani originali a riarrangiamenti di alcuni classici del tempo, completano un quadro di assoluto rilievo, soprattutto per una produzione digitale.

Il prossimo 25 giugno, quindi, i possessori di PC, Xbox 360, XboxOne, PS3 e PS4 potrebbero ritrovarsi tra la mani una nuova interessante proposta con la quale smaltire la sbornia post E3.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Luca Forte

Luca Forte

Redattore

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGamescom 2077: Cyberpunk 2077, così si costruisce Night City - intervista

Kendal Husband, level designer di CD Projekt, ci racconta come si creano i mondi di gioco.

ArticoloGamescom 2019: Marvel's Avengers - prova

In occasione della Gamescom abbiamo potuto provare il titolo per la prima volta.

ArticoloGamescom 2019: Project x Cloud - prova

Abbiamo testato il servizio di cloud gaming di Microsoft!

Articoli correlati...

Erica - recensione

Povera, piccola farfalla

Blair Witch, il gioco horror in prima persona si mostra in un lungo video gameplay

Ispirato all'omonimo film degli anni 90, come si presterà pad alla mano?

The Legend of Dragoon: remaster all'orizzonte?

Bluepoint Games potrebbe avere in serbo qualche sorpresa.

ArticoloGamescom 2077: Cyberpunk 2077, così si costruisce Night City - intervista

Kendal Husband, level designer di CD Projekt, ci racconta come si creano i mondi di gioco.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza