Ready at Dawn spiega i 30fps di The Order: 1886

Una questione di estetica.

Dana Jan, director di The Order: 1886, ha difeso la scelta dei 30fps per il nuovo titolo di Ready at Dawn.

"60fps sono davvero reattivi e molto cool", ha spiegato Jan a Kotaku. "Mi piace giocare a 60fps. Ma una cosa che cambia molto è l'estetica del gioco a 60fps".

"Vogliamo questo aspetto cinematografico, quindi una cosa che sapevamo dall'inizio è che i film vanno a 24fps. Andremo a 30fps perché 24fps non restituiscono una buona sensazione al gioco".

"Questa è l'unica cosa che ci siamo concessi in termini di renderlo esteticamente gradevole, perché deve essere buono da giocare".

Vai ai commenti (23)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

The Irishman - recensione

Martin Scorsese dipinge un affresco di storia contemporanea che resterà negli annali.

Death Stranding - La Guida Completa

Trofei, segreti, consigli: tutto quello che c'è sapere per dominare Death Stranding.

ArticoloArise: A Simple Story - prova

Emozioni, ricordi e rimorsi in un'avventura tra le pieghe del tempo.

Articoli correlati...

Commenti (23)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza