Miyamoto preoccupato sul futuro tracciato dalla realtà virtuale

Porterebbe i giocatori ad isolarsi.

Con il ritorno in grande spolvero della realtà virtuale, grazie ad Oculus Rift e Project Morpheus, anche Nintendo potrebbe pensare ad un suo sistema VR. Shigeru Miyamoto ha espresso tutti i suoi dubbi in una intervista al magazine Time.

Secondo Miyamoto, la realtà virtuale non è la via giusta per Nintendo: "Ciò che cerchiamo di fare è creare giochi per tutti da avere nel salotto. È nostra intenzione non solo far divertire la persona che gioca, ma anche chi gli sta accanto".

"Quando si pensa a cos'è la realtà virtuale, immaginiamo una persona che indossa una sorta di occhiali e gioca da solo in un angolo o in una stanza separata. Questo va in contrasto con ciò che vogliamo fare con Wii U" spiega Miyamoto.

Per ora Nintendo si focalizzerà su titoli che possano coinvolgere quante più persone possibile anche se non giocano direttamente.

Voi cosa ne pensate? Nintendo dovrà rispolverare il vecchio Virtual Boy?

1
L'ultimo Dev Kit di Oculus Rift.

Vai ai commenti (11)

Riguardo l'autore

Marco Vitiello

Marco Vitiello

Redattore

Videogiocatore fin dai tempi del primo Super Mario su Atari, è cresciuto a pane e The Games Machine. Esperto di GdR pen&paper, bazzica spesso per le fiere del fumetto di tutta Italia dove fa incetta di gadget. Toglietegli tutto ma non videogiochi, cinema e serie TV.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloLe uscite del mese di luglio - articolo

La lama di Ghost of Tsushima, il ritorno di Paper Mario e l'armatura di Iron Man.

PlayStation Indies: Sony annuncia l'arrivo su PS4 e PS5 di nove nuovi giochi

Tempo di aiutare i piccoli sviluppatori con una nuova etichetta.

Articoli correlati...

Commenti (11)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza