Sapphire R9 290 Vapor-X OC - review

La testa di serie di Sapphire è pronta a entrare nei vostri case.

Poco tempo fa abbiamo recensito la sorellina minore della R9 290 Vapor-X, la R9 280X Toxic, un prodotto degno delle attenzioni di chiunque cerchi un'ottima scheda dal rapporto qualità/prezzo. A chi invece sia deciso a prendere il top di gamma, chiudendo gli occhi e aprendo il portafoglio senza ritegno, segnaliamo questa recensione della nuova R9 290, personalizzata da Sapphire sia per quanto riguarda le frequenze sia per il modulo di dissipazione del calore.

Una volta tolta dalla scatola, la scheda risulta molto simile alla sorella minore in termini di dimensioni, anche se differisce soprattutto nella colorazione incentrata su azzurro e nero. Troviamo nuovamente le tre ventole posizionate sul radiatore di raffreddamento composto da cinque heatpipe, uno da 10, due da 8 e due da 6 millimetri, seguiti da una camera vapore per aumentare sensibilmente la gestione termica. Il tutto ha un ingombro totale poco superiore alle altre versioni ma comunque veramente importante, in quanto occupa ben 3 slot PCI-Express all'interno del case.

A livello di hardware troviamo come chipset il "solito" Hawaii con processo costruttivo a 28 nanometri e ben 2560 stream processor. Le frequenze sono state ritoccate verso l'alto, portandole dal valore stock di 1000 MHz a 1030 MHz, così come quelle dei 4GB di GDDR5, con una potenza totale di 5600 MHz. Se per caso non fosse sufficiente, è possibile andare ad aumentare ulteriormente questi valori, complice anche il sistema di raffreddamento di alto livello, sebbene sia meglio non esagerare ma procedere a piccoli incrementi, pena il danneggiamento della scheda.

1
Il layout della R9 290 è molto curato: le tre grosse ventole terranno le temperature sempre sotto controllo.

La Sapphire R9 290 Vapor-X OC è una scheda video molto potente ma deve essere alimentata correttamente; pertanto oltre allo slot PCI-Express necessita di due connettori da 8 pin, quindi verificate che il vostro alimentatore sia sufficientemente dotato in termini di connettori e soprattutto di vattaggio. Le uscite video spaziano dalle classiche DVI, una delle quali dual-link, all'HDMI 1.4a fino alla DisplayPort 1.2, rendendo la scheda collegabile a praticamente qualunque pannello sul mercato. La tecnologia Eyefinity di AMD per la connessione Multi-monitor è pienamente supportata senza la necessità di adattatori.

Come per la 280 Toxic, la scheda è dotata di Dual BIOS, uno standard e uno personalizzato per le schede madri dotate di BIOS UEFI. Oltre a questa feature ne è stata aggiunta un'altra denominata IFC, acronimo di Intelligent Fan Control. Si tratta della gestione automatica delle ventole che permette d'utilizzare una sola delle tre nel 2D, attivando le altre due in caso di avvio di applicativi 3D, così da garantire un ambiente più silenzioso se non si usa intensivamente il computer.

Questa funzione è comunque disattivabile per chi volesse far girare sempre tutte le ventole disponibili. A questo sistema è stato affiancato anche un sistema visivo led, che modifica il colore della scritta Sapphire posta sul lato della scheda, passando dal blu delle basse temperature, al giallo e al rosso, all'aumentare della temperatura. Una soluzione che avevamo già visto sui waterblock dei sistemi di raffreddamento a liquido di Corsair.

2
La scheda, data la natura del tipo di raffreddamento a camera di vapore, ha un'armatura che serve a proteggere e raffreddare le componenti.

All'interno della confezione, oltre ovviamente alla scheda, troviamo il manuale, un disco software, gli adattatori per l'alimentazione e un cavo HDMI. Raccomandiamo però di scaricare gli ultimi driver disponibili direttamente dal sito di AMD per poter sfruttare pienamente le potenzialità della scheda.

"In tutti i giochi abbiamo ottenuto ottime prestazioni, com'è possibile vedere dalla galleria dei benchmark"

Per comodità di confronto nei grafici riporteremo anche i risultati ottenuti dalla R9 280X Toxic, che abbiamo precedentemente recensito e che potete andare a leggere a questo indirizzo.

In tutti i giochi abbiamo ottenuto ottime prestazioni, com'è possibile vedere dalla galleria dei benchmark, con frame rate costanti anche alle alte risoluzioni e tutti i filtri attivati. Le temperature sono sempre state ben gestite dall'impianto di raffreddamento: i 31 gradi in fase di idle hanno raggiunto picchi massimi di 69 gradi solo dopo lunghe sessioni di test e con temperature esterne decisamente estive.

Una nota sicuramente positiva è l'ottima silenziosità della scheda anche quando le temperature aumentano sensibilmente la velocità della ventole di raffreddamento che, supportate dalla Vaporchamber, rimangono molto silenziose; nel caso disponiate di un case ben insonorizzato, saranno appena percepibili.

Anche i consumi si sono confermati molto contenuti e durante i benchmark il consumo globale della macchina non ha mai superato i 550 Watt. Questo valore si riferisce non al consumo della singola scheda ma di tutti i componenti all'interno del PC in fase di test, pertanto un buon alimentatore da 700 W dovrebbe essere più che sufficiente a gestire un PC dotato di questa scheda video.

"Una delle migliori schede video attualmente presenti sul mercato"

La Sapphire R9 290 Vapor-X OC si conferma quindi una scheda curata sia sotto l'aspetto costruttivo, avendo scelto ottimi materiali e un sistema di raffreddamento adeguato e silenzioso, sia per quanto riguarda le prestazioni che non scontenteranno nessuno, essendo in grado di gestire risoluzioni fino ai 4K o multischermo tramite Eyefinity.

Nessun gioco uscito fin ora, anche con tutte le impostazioni al massimo, l'ha messa in difficoltà ma tanta potenza ha un prezzo: dovrete infatti sfilare dal vostro portafoglio i 480 Euro necessari per portarvela a casa. Si tratta comunque di una scheda di fascia alta, in grado di accompagnare chi sia alla ricerca di massimo dettaglio e risoluzioni molto spinte per i prossimi anni senza indecisioni.

Nel caso il prezzo sia troppo elevato per le vostre tasche potete sempre optare per la R9 280, disponibile a un centinaio di euro in meno. Chi però non vuole scender a compromessi, godrà delle prestazioni di una delle migliori schede video attualmente presenti sul mercato.

9 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (66)

Riguardo l'autore

Marco Ballabio

Marco Ballabio

Redattore

Adepto spirituale del Pastore fin dai tempi di TGM, è sempre alla ricerca dell’ultimo pezzo per completare il suo PC definitivo. Impresa, come quella di Dylan Dog e del suo galeone, infinita.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Pride Run è il videogioco che celebra i Pride di tutto il mondo

Ill 10% dei ricavi verrà donato per supportare le comunità LGBTQ+.

Fortnite e Batman insieme: Epic svelerà tutti i dettagli nella giornata di domani

Il Battle Royale festeggia così gli 80 anni dell'eroe di Gotham.

Commenti (66)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza