EA ammette: alcuni giocatori di Battlefield 3 bannati per errore

Fate domanda per ripristinare l'account il prima possibile.

Electronic Arts ha ammesso che alcuni giocatori di Battlefield 3 sono stati bannati per errore.

Battlefield 3 usa un software anti-cheat esterno chiamato Punkbuster. A causa di ciò, EA non può semplicemente invertire la decisione da sola, come viene spiegato sul sito ufficiale.

"Stiamo indagando su alcuni ban di Punkbuster applicati per errore ai giocatori. Vi prego di capire che i nostri amministratori di gioco non possono accedere o annullare i ban di Punkbuster, stiamo lavorando col nostro partner Even Balance per risolvere la situazione il prima possibile".

Chiunque si sia ritrovato bannato senza giusta motivazione può far richiesta di ripristino dell'account seguendo le istruzioni sul sito di EA.

"Restate sintonizzati per ogni aggiornamento", ha concluso EA. "Siamo molto dispiaciuti per ogni inconveniente causato".

1

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Marco Vitiello

Marco Vitiello

Redattore

Videogiocatore fin dai tempi del primo Super Mario su Atari, è cresciuto a pane e The Games Machine. Esperto di GdR pen&paper, bazzica spesso per le fiere del fumetto di tutta Italia dove fa incetta di gadget. Toglietegli tutto ma non videogiochi, cinema e serie TV.

Contenuti correlati o recenti

Il creative director di Halo: Infinite lascia 343 Industries

Un'importante perdita per la casa di sviluppo.

Apex Legends: modificate le microtransazioni di Corona di Ferro

Il frutto delle polemiche relative al sistema di monetizzazione del gioco.

Destiny 2: con l'arrivo di Ombre Dal Profondo il potere dei giocatori verrà portato a 750

Oltre a questo il director Luke Smith parla dei nuovi contenuti in arrivo con il prossimo aggiornamento.

Articoli correlati...

Con Shadowkeep Destiny 2 arriverà a pesare 165 GB?

L'imminente DLC potrebbe aumentare in modo considerevole le dimensioni del gioco

Call of Duty: Modern Warfare potrebbe includere una modalità Battle Royale

Le parole dell'art director Joel Emslie portano in questa direzione.

ArticoloCall of Duty: Modern Warfare - prova

Il re degli sparatutto è tornato.

Wolfenstein: Youngblood - recensione

Tale padre, tali figlie.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza