MODGamer #11 - articolo

Ricaviamo il massimo da Thief Deadly Shadows, Torchlight 2, Morrowind, Call of Duty 2 e Assetto Corsa!

Thief Deadly Shadows

Mod: The Collective Thief Shadows Deadly Texture Pack

Ci sono giochi entrati da tempo nell'immaginario collettivo e la serie Thief ha contribuito abbondantemente a proporre titoli di qualità col passare degli anni. Dopo l'ottimo inizio di The Dark Project, Deadly Shadows arrivato nel 2004 si può considerare uno dei capitoli meglio riusciti, grazie anche ad atmosfere di altissimo livello. Chi tra voi se lo sia perso dieci anni fa in versione PC e voglia recuperare il tempo perduto, troverà in questa modification l'occasione perfetta per farlo.

Il Collective Thief Shadows Deadly Texture Pack rimpiazza infatti buona parte delle texture del gioco (non i modelli poligonali) per rendere l'ultima fatica di Ion Storm più gradevole agli occhi dei giocatori odierni, abituati a raffinatezze che nel 2004 potevamo soltanto sognare.

Il risultato è assolutamente apprezzabile e riesce a non far sfigurare eccessivamente l'estetica di un Garrett d'annata, anche grazie alla possibilità di arrivare a risoluzioni una volta impensabili. Trovare un gioco di sostanza come questo su Steam e svecchiarlo con un semplice clic, potrebbe far svoltare la pessima giornata di qualsiasi appassionato di stealth game.

1
L'Unreal Engine 2 con cui era stato realizzato Deadly Shadows dimostra tutti i suoi anni: questo pacchetto di texture è un ottimo modo per dargli una rinfrescata.

Torchlight 2

Mod: Sinergies Mod

Per gli amanti degli action-RPG, i due Torchlight sono stati sicuramente una piacevolissima alternativa alla serie di Diablo; Torchlight 2, in particolare, migliorava l'originale praticamente sotto qualsiasi aspetto. Tanto per non perdere la mano e tornare a scarrozzare tra dungeon e cittadine, ecco uno splendido mod realizzato con l'intento di proporre nuove aree giocabili e cambiare il gameplay in modo consistente. Sinergies è un mix di nuovi contenuti e modifiche al sistema di gioco che merita una reinstallazione di Torchlight 2 a prescindere.

Innanzitutto sono state introdotte due nuove aree tutte da esplorare, una città e un dungeon: entrambe sono piene fino all'orlo di mostri standard ma anche di nuovi boss creati per l'occasione dagli sviluppatori della modification. Se aggiungiamo che la difficoltà è stata rivista verso l'alto, la sensazione è che il livello di sfida non renda Sinergies un'avventura alla portata di tutti. A questo s'aggiunge un diverso sistema di progressione di livelli, oggetti, armi e armature, e tutta una serie di modifiche alle statistiche di quelli originali.

Palla di fuoco finale sulla torta, troviamo tre classi inedite realizzate proprio per questa modification (Warlock, Paladino e Necromante), la possibilità di evocare mercenari da far combattere al proprio fianco e un sacco di altri dettagli tutti da scoprire.


Il Warlock, una classe tutta nuova per Torchlight grazie al Sinergies Mod.

Morrowind

Mod: Morrowind Rebirth

Prima di Oblivion e Skyrim, era stato quel capolavoro rispondente al nome di Morrowind a catturare l'immaginazione degli appassionati di RPG, grazie a una realizzazione tecnica fenomenale (per l'epoca) e alle intuizioni di Bethesda che proprio col terzo capitolo delle Elder Scrolls gettarono le basi per i rolegame che avrebbero realizzato negli anni a venire.

Di mod per Morrowind ne sono stati pubblicati a bizzeffe ma Rebirth è indubbiamente uno dei più interessanti: si tratta fondamentalmente di un overhaul completo del mondo di gioco, che introduce un sacco di elementi capaci di rendere un ritorno a Vvardenfell una sorpresa continua. Il più importante è sicuramente il rifacimento di alcune tra le città più importanti dell'area di gioco, in particolare Seyda Neen, Caldera e Gnisis.

Questi tre centri sono cresciuti parecchio, come se si fossero espansi col passare del tempo con la nascita di nuovi quartieri, diventando anche più affollati grazie alla presenza di un numero maggiore di NPC, sostenuti sicuramente dalla potenza dei nuovi processori e schede video. Sono state eliminate un sacco di creature che rendevano l'attraversamento dell'area di gioco fastidiosa ma ne sono state aggiunte una ventina completamente inedite, tostissime da eliminare nei minidungeon pensati espressamente per esse. Come nel Sinergie Mod di Torchlight 2, non mancano armi, oggetti, bilanciamenti e una montagna di ritocchi al gameplay pensati per dare nuova linfa a uno degli RPG tra i più belli di sempre.


Uno sguardo alle città Completamente rinnovate di Morrowind Rebirth

Call of Duty 2

Mod: 1936-1939: The Spanish Civil War

Nella scorsa edizione di MODGamer ha avuto molto successo un'interessante modification per Medal of Honor, che proponeva nuovi livelli singleplayer da giocare insieme a un retexture quasi completo di quelli presenti nell'originale. Quest'oggi vi presentiamo un progetto simile, basato tuttavia su un altro tra gli sparatutto più giocati del decennio scorso, l'ottimo Call of Duty 2 di Infinity Ward.

In questo caso si tratta quasi di una total conversion più che di una mod, visto che gli autori si sono messi di buzzo buono per ricreare alcuni tra gli scontri più importanti della Guerra Civile che devastò la Spagna da 1936 al 1939. Ben ventiquattro livelli inediti sono stati creati sostituendo americani e tedeschi con repubblicani e nazionalisti del Caudillo.

Gli sviluppatori hanno guardato innanzitutto ai libri di storia e alle campagne militari che hanno insanguinato la penisola iberica in quel periodo: le battaglie di Madrid, Belchite, Teruel ed Ebro hanno tutte un livello dedicato e possono essere giocate impersonando un soldato di entrambe le fazioni, con anche un finale alternativo.


Il trailer di presentazione di 1936 - 1939: The Spanish Civil War per Call of Duty 2.

Il lavoro svolto è stato di alto livello, non solo dal punto di vista della grafica di divise, armi e anche persino veicoli, ma con l'introduzione di cutscene e di un doppiaggio dedicato che magari non sarà il massimo della recitazione, ma è sicuramente divertente e ben fatto . Tanto di cappello per l'introduzione anche del multiplayer, sebbene i server non possono per forza essere più di tanto affollati, ma il già ottimo single player vale tutto lo sbattimento di download e installazione.

Assetto Corsa

Mod: Nurburgring Nordschleife

Ci stiamo avvicinando a grandi passi alla pubblicazione della versione 1.0 di Assetto Corsa, il simulatore di guida sviluppato dagli italiani di Kunos Simulazioni, ma la community dei modder è già da qualche tempo all'opera per proporre nuovi contenuti, spesso vetture o piste convertite da altri simulatori.

È proprio il caso di questa versione del Nurburgring Nordschleife di rFactor realizzata originariamente nel 2007 e riadattata per motore grafico realizzato da Casillo & Co.

Si tratta indubbiamente di un buon lavoro che riprende l'inferno verde con un notevole dettaglio di pista ed elementi di contorno, e che si adatta veramente bene alla reattività del modello di guida di tutte le vetture presenti. Per quanto gratuito, consideratelo un antipasto di quello che deve ancora venire: il team italiano la scorsa estate ha trascorso qualche giorno tra le campagne dell'Eifel per mappare con tecnologia laser la storica pista tedesca. Non c'è niente di meglio di un mod di questo genere per tenersi in allenamento, in attesa di quella che potrebbe rivelarsi la madre di tutte le piste virtuali.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Matteo Lorenzetti

Matteo Lorenzetti

Redattore

Dopo dieci anni di The Games Machine, approda finalmente alla redazione di Eurogamer.it. Onnivoro per quanto riguarda i generi, predilige sparatutto, giochi di guida ed RTS.

Contenuti correlati o recenti

Fallout 4 sarebbe il vero e proprio responsabile di una sparatoria per un sito americano

La guerra non cambia mai. Certi discorsi, nemmeno: Fallout 4 additato a causa di una sparatoria.

Recensione | ELEX II - Il ritorno di Jax

Cinque fazioni, un unico destino…

Recensione | Tails of Iron - Un inaspettato souls-like

Vestiamo i panni di un ratto armato di cappa e spada.

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza