How to Survive: Storm Warning Edition - review

Copia e Incolla su next-gen.

Altri mesi sono serviti ad How to Survive per arrivare su PlayStation 4, dopo aver "deliziato" gli utenti PC, Xbox 360, PS3 e infine Wii U. Le virgolette che avrete sicuramente notato poc'anzi sono d'obbligo visto che anche le precedenti versioni del gioco non avevano offerto particolari spunti originali, pur potendo contare su una formula di gioco ormai solida come quella degli sparatutto-survival con visuale a volo d'uccello.

Cosa propone questa Storm Warning Edition in più rispetto alle precedenti? A livello di gameplay assolutamente nulla, ma la quantità di contenuti è comunque degna di nota, visto che parliamo del gioco originale con l'aggiunta di tutti i pacchetti aggiuntivi usciti finora.

Il setting ovviamente è rimasto lo stesso, ovvero quello di un piccolo arcipelago di isole infestato da orde infinite di zombie affamati... insomma, nulla che un qualsiasi Dead Island o nonno Romero non ci abbiano già raccontato molte volte. L'obiettivo? Come lo stesso titolo suggerisce: sopravvivere!

1
Ai tre personaggi iniziali, la Storm Warning Edition aggiunge un quarto protagonista: Nina, specializzata nel combattimento corpo a corpo.

Per farlo si hanno a disposizione un discreto ma non mostruoso numero di armi e una generosa dose di munizioni. Insomma, non siamo di fronte ad un vero e proprio survival ma ad un action con consistenti elementi di crafting, che consistono nel reperire materiali e risorse in giro per le isole allo scopo di 'costruire' nuovi oggetti ed armi. A parte questo, How to Survive: Storm Warning Edition rimane un gioco in cui si spara, si picchia, si elettrifica, si arrostisce e via dicendo.

Come nelle precedenti versioni, sin dai primi minuti di gioco si viene in possesso di alcune pagine di un manuale di sopravvivenza scritto da un misterioso superstite chiamato Kovac, che fornisce preziosi consigli su come trovare risorse nel corso del giorno per poi difendersi durante la notte, ovvero quando i mangia-carne diventano più aggressivi.

Anche questa "nuova" edizione di HTS dà ovviamente il meglio di sé in co-op, anche se la notevole quantità di DLC inclusi (che comprendono opzioni di gioco e un personaggio extra) rende il single player un po' meno ripetitivo rispetto all'originale. Tra queste la più meritevole è la modalità che mette a disposizione del giocatore UNA SOLA VITA per fuggire dall'isola.

2
Per sopravvivere è utile, anzi necessario, trovare componenti con cui creare oggetti per ripristinare energia e disporre di armi più potenti.

Se state pensando che sia dura da battere avete ragione, infatti il sottoscritto non ce l'ha fatta, quindi dev'essere per forza difficilissima! Battute a parte, questa modalità spinge il giocatore a muoversi con maggiore accortezza e ad azzardare il meno possibili azioni "alla Rambo". La modalità Barricata, invece, richiede la protezione di alcuni superstiti attraverso la costruzione di barriere e trappole

Includere tutte le espansioni precedenti in questa riedizione next-gen era a dir poco scontato, ma ci si aspettava anche un lavoro piuttosto consistente nel comparto tecnico... che purtroppo non è avvenuto. Praticamente tutti i problemi che avevano afflitto le precedenti versioni del gioco sono rimasti intatti nella Storm Warning Edition.

Animazioni al limite del ridicolo, fastidiosi bug e numerosi glitch minano l'esperienza di gioco e non è stato migliorato in alcun modo il feeling 'fisico' delle armi e degli oggetti maneggiati, che continuano inoltre ad essere dannatamente imprecisi. Anche visivamente non si notano particolari differenze, se si eccettua qualche effetto di illuminazione leggermente più convincente.

3
Tra i DLC compresi in questa edizione new-gen di How to Survive trovate anche un nuovo livello di difficoltà. Solo per masochisti!

La fluidità è invece migliorata e solo in alcuni casi si assiste a brevi tentennamenti dell'engine. Alla fine, quindi How to Survive: Storm Warning Edition altro non è che un 'copia e incolla' del titolo originale, addizionato con tutti i contenuti aggiuntivi usciti finora. Amate alla follia questo tipo di giochi e avete una ventina di euro che v'avanzano? Fateci un pensiero. Se invece lo avete già giocato su altre piattaforme o non vi ha mai convinto, non cambierete idea questa volta.

6 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza