L'inventore dell'Oculus Rift Palmer Luckey ha stilato la classifica di quelli che sono, a suo parere, i sette videogiochi più belli ed interessanti del 2014.

Come riportato da GiantBomb, Luckey ha anche giustificato ogni sua scelta con alcune considerazioni che trovate qui sotto, a corredo della classifica:

  1. Super Smash Bros. per Wii U: "Tutto ciò che sognavo e anche di più. La quantità e la qualità dei contenuti è fantastica e la Zero Suite di Samus è grandiosa. Gli sviluppatori hanno fatto le giuste scelte, il gioco ha una buona grafica e 60fps"
  2. Mario Kart 8: ""Ho pagato per il primo DLC, senza sentirmi derubato, il che è piuttosto raro in questi giorni. Bisogna ricordare che il gioco non è basato esclusivamente sull'abilità del giocatore, ma è più simile a una slot machine multiplayer. E mi piace davvero!"
  3. Plague Inc.: "Da appassionato e teoretico di apocalisse, divoro tutto ciò che esplora il nostro eventuale destino. Ogni persona contraria ai vaccini dovrebbe giocare questo gioco"
  4. Grand Theft Auto Online: "I titoli che danno piena libertà al giocatore sono i più difficili da sviluppare e spesso i più divertenti da giocare. Mettere assieme, nello stesso ambiente, così tante persone diverse tra loro è ciò che rende interessante il gioco"
  5. Pokémon Rubino Omega: "Gli originali Rubino e Zaffiro sono gli eroi non celebrati del franchise Pokémon. Hanno creato un sistema di combattimento e di statistiche davvero valido, che dura nel tempo"
  6. Ghost in the Machine: "Si tratta di un platform in stile retrò ed è piuttosto difficile: alcuni salti richiedono tempismo e precisione assoluta. Pochi titoli mettono così alla prova i giocatori"
  7. Phoenix Wright: Ace Attorney Trilogy: "Sono passati 10 anni dell'ultima volta che giocai nei panni dell'avvocato, avevo dimenticato la maggior parte dei colpi di scena di ogni singolo caso, a parte quelli principali che ancora ricordavo... è un po' come giocare con i poteri psichici"
1

Riguardo l'autore

Massimiliano Conteddu

Massimiliano Conteddu

Redattore

Nato nel 1981, si è fatto le ossa su un Amstrad CPC 464 per poi scoprire tutta la bellezza degli 8-bit con un possente SEGA Master System. Adoratore di Shigeru Miyamoto e delle sue creature, ama scrivere, leggere e ascoltare storie, soprattutto sul divano col joypad in mano.